Vuoto allo stomaco? Scopri (e combatti) la falsa fame e scopri il piacere di un senso di sazietà naturale


Vuoto allo stomaco? Scopri (e combatti) la falsa fame e scopri il piacere di un senso di sazietà naturale


Carmen VipEsperta conoscitrice del benessere psico fisico dell’ essere umano. Ama scrivere articoli sul benessere a 360°, salute, nutrizione, bellezza, per dare consigli gratuiti agli utenti del web

La ‘falsa fame’ è caratterizzata dalla comparsa intermittente, a livello delle stomaco dei brontolii della fame. Essa va nettamente distinta dalla fisiologica presenza della fame vera.

Ecco come questa sindrome viene descritta in un testo di medicina interna cinese- lo Jingyue quanshu: “Quando c’è questa malattia si ha una sensazione di vuoto nell’addome, come se dentro non ci fosse nulla; pare che sia fame ma non è fame; pare bruciore, ma non è bruciore; pare dolore ma non è dolore. Si ha una sensazione di disagio al torace e al diaframma senza riuscire a definirla esattamente. Talvolta mangiando cessa per un poco, ma talaltra dopo aver mangiato i brontolii ricominciano, talvolta accompagnati da nausea e gradualmente iniziano dei dolori alla cavità gastrica.”

Secondo la medicina cinese la “falsa fame” costituisce una vera e propria sindrome, che può essere fatta risalire a condizioni di disequilibrio energetico diverse, ognuna delle quali richiede modalità specifiche di trattamento.

L’origine di questo disagio viene fatto risalire sul piano diagnostico alla presenza di uno dei seguenti quadri energetici: “calore allo stomaco”, “vuoto di stomaco”, “vuoto di sangue”.

Ecco una breve descrizione di queste sindromi che richiedono di essere diagnosticate in modo puntuale, al fine di scegliere a quale tecnica terapeutica (dietetica, agopuntura, fitoterapia) ricorrere per una rapida e risolutiva cura.

Calore allo stomaco

Segni e sintomi: la “falsa fame”, se è presente calore nello stomaco, è accompagnata da sete e desiderio di bevande e cibi freddi, sensazione di bruciore e dolore all’epigastrio, gonfiore e dolore delle gengive che talora sanguinano; rigurgito acido, stipsi, nausea e vomito, alito cattivo; la lingua ha una patina gialla, talvolta il polso è frequente.
Le cause più frequenti sono il consumo eccessivo di alimenti riscaldanti (fritti, cibi speziati…) e il troppo fumare a proposito, leggi qui come smettere di fumare per evitare di avere vuoti allo stomaco.
La terapia, finalizzata ad armonizzare lo stomaco e purificare il calore, è principalmente dietetica e di regolazione delle abitudini igieniche. Se questo non basta si dovrà ricorrere all’agopuntura, eventualmente associata all’assunzione di rimedi fitoterapici.

“Vuoto” di stomaco

Segni e sintomi: in questo caso la sensazione di “falsa fame” è accompagnata dalla sensazione di sapore insipido in bocca, disagio provocato da distensione all’epigastrio dopo aver mangiato; la lingua è lingua pallida, il polso è debole.
Le cause: questa sindrome compare dopo malattie protratte, come la febbricola da mononucleosi, o nelle diete mal condotte; nell’uno e nell’altro caso vi è un indebolimento dell’energia corretta dell’organismo (leggi anche aumentare le energie del corpo).
A scopo terapeutico occorre tonificare l’energia dello stomaco, ricorrendo a una alimentazione appropriata e all’agopuntura.

“Vuoto” di sangue

Segni e sintomi: la “falsa fame” in questo caso migliora dopo aver mangiato e quando sulla regione addominale alta si esercita una pressione con le mani o il massaggio; vi è anche inappetenza e desiderio di assumere alimenti caldi; le mani e i piedi sono freddi. La finta fame è accompagnata anche da viso “appassito” e labbra spente, palpitazioni e capogiri, sensazione di stanchezza. La lingua presenta un colorito pallido e il polso è sottile alla palpazione.
Le cause: questa sindrome si manifesta come conseguenza di una malattia che dura da molto tempo, quando ci si nutre prevalentemente di frutta e verdura – specie se cruda- con pochi cereali e proteine e anche se si abusa di alimenti come dolci, gelati e succhi di frutta.
La terapia è volta a rafforzare la funzione digestiva e risolvere la “falsa fame” con i disturbi associati. Si ricorre alla correzione dietetica e alla moxibustione; se questo non dovesse bastare, sarà necessario associare anche l’agopuntura e la fitoterapia.

 

Informazioni sull’Autore

Dott.ssa Caterina Martucci
Studio Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese

Fonte



Lascia un commento