dieta senza glutine

Rimedi per la Celiachia: Dieta senza glutine

Benchè se ne dicano tante in giro quella che è da considerare l’unico vero e efficace rimedio per la celiachia è una L’unica terapia per la celiachia è la dieta senza glutine. E’ tassativo che essa sia portata avanti in modo rigoroso, perchè bastano minime quantità di glutine per mandare a monte il rimedio per la celiachia e arrestare le migliorie istologiche. Un vero e proprio stile di vita la dieta senza glutine dunque, e non uno stile alimentare da adottare per brevi periodi o con strappi alla regola.

Il rimedio alla celiachia è la dieta alimentare senza glutine perchè da studi fatti, il livello massimo di glutine che un soggetto celiaco può assumere è pari a di 20 ppm (parti per milione). Un alimento e una dieta che contenga una quantità maggiore di questa, fa si che il livello di glutine ingerito diventi tossico.

Infatti, le attuali regolamentazioni legislative Europee, stabiliscono in tale limite quello minimo al di sotto del quale un alimento viene considerato privo di glutine.

C’è un luogo comune falso che afferma che una dieta priva di glutine pur essendo un valido rimedio alla celiachia non sia sicuro perchè potrebbe portare a carenze proteiche. Questa affermazione è falsa, perchè il glutine non è una proteina essenziale e dunque escluderlo da una dieta alimentare non comporta carenze.

Il rimedio alla celiachia è dunque una dieta restrittiva senza glutine?? Assolutamente si! Ma assolutamente non è giusto definirla restrittiva. Infatti esistono validissime alternative al glutine che possono rendere gustosissimi ugualmente gli alimenti e non far provare diete restrittive ai celiaci… basta conoscerli.

Vediamo dunque di seguito quali sono gli alimenti che possono sostituire il glutine in una dieta e rendere questo rimedio contro la celiachia valido e piacevole. Inoltre a fondo pagina delle gustose ricette senza glutine per poter iniziare la dieta fin da subito.








 

Cosa non mangiare se si è celiaci

Gli alimenti da escludere in una dieta senza glutine sono orzo, segale, farro e avena oltre ai prodotti che vengono realizzati con farine, dolciumi e prodotti alimentari da forno. I cibi potrebbero essere contaminati in più fasi dal glutine e dunque è cosa buona stare attenti a non consumare quelli che potrebbero sembrare alimenti a prima vista innocui e privi di glutine. Uno di questi potrebbe essere l’amido di frumento utilizzato in preparati di farmacia e usato anche come addensante alimentare.

Il rischio della contaminazione degli alimenti con il glutine può avvenire anche solo con il contatto di un utensile da cucina rendendo vana la dieta senza glutine portata avanti.

Esistono diversi tipi di contaminazione da glutine che potrebbe rendere inefficace una dieta che esclude questa proteina. Esistono le contaminazioni infatti “crociate” e “ambientali”. Le contaminazioni crociate da glutine possono avvenire in una operazione di produzione dell’alimento fino all’arrivo al consumatore. mentre le contaminazioni ambientali possono essere la conseguenza di errori di operatori che manipolano gli alimenti o a un ambiente produttivo non sterilizzato e adatto alla produzione di cibi senza glutine.

Chi produce o cucina alimenti per comporre una dieta senza glutine per un soggetto celiaco, dovrebbe di norma tener presente delle regole fondamentali come a esempio tenere sempre gli abiti, gli attrezzi da lavoro e da cucina puliti, piatti dedicati al celiaco, identificare facilmente i barattoli delle conserve alimentari con apposite etichette. Un rimedio utile per la celiachia dunque passa anche attraverso la responsabilità di chi è intorno al celiaco e di chi produce alimenti che sono destinati a una dieta alimentare senza glutine.

Una dieta senza glutine non deve contenere sicuramente caffè preso al bar che potrebbe aver subito contaminazioni a esempio dall’orzo. Una dieta senza glutine non deve contenere nemmeno la birra, lo zucchero a velo o gli yogurt alla frutta.

Per orientarsi meglio esiste comunque un prontuario che l’Associazione Italiana Celiachia ( AIC ) ha creato per i soggetti celiaci.

 

Quali cibi possono sostituire il glutine?

I cibi che contengono glutine possono essere sostituiti con alimenti per celiaci che possono essere consumati tranquillamente e far parte senza ombra di dubbio di una dieta senza glutine.

Mais, Miglio, riso possono essere utilizzati per la panificazione e alimenti detti pseudo cereali come , quinoa e grano saraceno inoltre sono alimenti che nonostante siano molto simili ai cereali non fanno parte della famiglia delle Graminacee e non contengono glutine.

 

Sono dunque cibi che possono sostituire il glutine in una dieta da fare come rimedio alla celiachia oltre a quelli appena citati anche la frutta e la verdura in ogni forma (congelata, fresca, essiccata o surgelata). Un valido sostituto al glutine sono i legumi e i minestroni essenzialmente composti da ortaggi. Ancora, ottimi alimenti per sostituire quelli con il glutine sono i formaggi freschi o stagionati, lo yogurt naturale, le uova, la frutta secca, il caffè (non nel bar), il tè, fruttosio puro, burro e oli vegetali, aceto di vino e aceto balsamico, passata di pomodoro.

Non è vero dunque che una dieta senza glutine è restrittiva, è bensì un ottimo rimedio alla celiachia e con gli alimenti privi di glutine possono essere realizzate meravigliose e gustose ricette per consentire anche ai celiaci di potersi leccare i baffi.

Ecco una dieta senza glutine di 1 giorno

Quella che componiamo di seguito è una probabile dieta senza glutine a scopo dimostrativo per far vedere che tipo di piatti gustosissimi possono essere compresi in una dieta per celiaci.

Primi Piatti senza glutine

Secondi senza glutine

Contorni

Bevande

 






Lascia un commento