osteoporosi e celiachia

Osteoporosi e Celiachia: correlazioni, sintomi, prevenzione e cura.



Spesso chi è affetto da celiachia nel momento della diagnosi presentano frequentemente anche osteopenia/osteoporosi sia che essi siano in età infantile che adulta. Si stima che i pazienti affetti da celiachia che manifestano osteopenia siano circa il 60 % del totale, quindi una percentuale davvero considerevole che presuppone una ancor maggiore attenzione sul problema celiachia.

Vediamo di seguito come si manifesta l’osteoporosi a causa della celiachia, e se esistono davvero correlazioni tra l’osteoporosi e la celiachia.

Nell’articolo presenti anche paragrafi riguardanti:

  • Come diagnosticare l’osteoporosi
  • Sintomi osteoporosi
  • Consigli per prevenire l’osteoporosi
  • Video di esperti che correlano le due patologie

Come si manifesta l’osteoporosi nei soggetti celiaci?


La celiachia può causare la riduzione dell’osso in due modi diversi:

  • Attraverso Il malassorbimento che è causato dalla distruzione o dalla atrofizzazione dei villi intestinali che portano a una ridotta assimilazione di nutrienti preziosi per le ossa come la vitamina D e il calcio.
  • Oppure con gli autoanticorpi contro l’osteoprotegerina che è una vitamina indispensabile per mantenere robuste le ossa. Si è stimato che gli autoanticorpi all’osteoprotegerina sono presenti in almeno il 20% dei soggetti celiaci. Qui una fonte che parla della correlazione tra celiachia e osteoporosi e che evidenzia come la produzione di autoanticorpi ne sia la probabile causa.

studio scientifico correlazione osteoporosi celiachia

In questo caso è sbagliato pensare che una dieta senza glutine possa migliorare da sola la situazione. I dati di informano che in tanti casi si verifica una normalizzazione della massa ossea ma in altri casi si verifica che, anche in seguito ad una normalizzazione dei villi intestinali, non si fermi il continuo deficit di massa ossea.

In Svezia è stato portato a termine uno studio che ha avuto come campione 13.000 soggetti affetti da celiachia e che aveva come scopo quello di trovare diverse correlazioni tra celiachia e osteoporosi.Il risultato dello studio è stato che i soggetti celiaci interessati dall’esperimento sono più soggetti alla rottura dell’anca di soggetti che non ne soffrono. E’ emerso altresì che nei soggetti celiaci in via generale si possono verificare con una frequenza maggiore, fratture ossee generalizzate.

L’ottimizzazione della densità ossea è l’elemento fondamentale per la cura dell’osteoporosi nella popolazione in generale e per chi è affetto da celiachia.

E’ vero che molti sono i nutrienti necessari per una buona salute delle ossa, ma sicuramente il calcio riveste un ruolo fondamentale.

In virtù dell’elevato rischio di osteoporosi nei soggetti celiaci, la società inglese di gastroenterologia consiglia un’assunzione di circa 1000mg di calcio per le persone in età superiore ai 18 anni e 1200 per le donne in post menopausa e gli uomini sopra i 55 anni; per la popolazione generale la quantità di calcio consigliata è di 700mg die.

Come diagnosticare l’osteoporosi

diagnosiceliachiaosteoporosi

Un esame consigliato per diagnosticare l’osteoporosi, che noi consigliamo di effettuare ai soggetti celiaci (dopo essersi consultati col proprio medico), è il MOC.

Il MOC o Mineralometria Ossea Computerizzata, è un test per verificare in che quantità il calcio è presente nelle ossa del paziente. Spesso il MOC viene consigliato alle donne in gravidanza, ma anche per i soggetti celiaci non è da escludere l’ipotesi di potersi servire di tale strumento diagnostico per verificare lo stato della situazione ossea. Qui trovate informazioni dettagliate su cos’è la MOC come si svolge e quanto dura.

Quali sintomi ha l’osteoporosi?

sintomi

In via generale tutti, ma visto che stiamo parlando di correlazione tra celiachia e osteoporosi, è giusto consigliare ai soggetti celiaci di tener presente e essere attenti su diversi sintomi che possono far presagire la comparsa di questa malattia delle ossa.

Durante la prima fase di questa patologia si possono riscontrare i seguenti sintomi:

  • Riduzione della statura
  • Mal di schiena molto intenso
  • Postura curva
  • Fratture di ossa come quelle dei polsi o vertebre
  • Frattura del femore

 

 

Consigli per prevenire l’osteoporosi

osteoporosi e celiachia consigli

 

Seppur abbiamo visto come nei soggetti celiaci l’osteoporosi possa fare la sua comparsa a causa di malassorbimento o presenza di autoanticorpi, è bene cercare di prevenire la comparsa di questa patologia ossea con piccoli accorgimenti che potrebbero garantire un perfetto funzionamento dell’apparato scheletrico per tutta la vita.

Il Calcio per le ossa

Una buona quantità di calcio da assumere con costanza e continuità è una delle prime regole da seguire per poter prevenire l’osteoporosi. L’ Istituto di medicina degli Stati Uniti consiglia di assumere queste dosi da una sana alimentazione e/o integrazione:

  • Fino a 1 anno: da 210 a 270 mg
  • Da 1 a 3 anni: 500 mg
  • Da 4 a 8 anni: 800 mg
  • Da 9 a 18 anni: 1.300 mg
  • Da 19 a 50 anni: 1000 mg
  • Oltre i 51 anni: 1200 mg

 

Vitamina D

Un giusto apporto di vitamina D è importante per la salute e per la prevenzione dell’osteoporosi quanto l’assunzione costante di calcio. Non è ancora di conoscenza comune quale sia la giusta quantità di vitamina D da dover assumere in base alle caratteristiche fisiche e di età. Ma si stima che una dose di 2.000 (UI) è una dose sicura per tutti i soggetti che hanno superato almeno il primo anno di vita. In via generale i medici consigliano in età adulta di assumere quotidianamente dai 400 ai 1000 UI di vitamina D, ovviamente anche in questo caso il nostro consiglio è quello di rivolgersi ad un esperto.

Un valido sistema per assumere questa importante vitamina è l’esposizione solare. Data la certezza di come però i raggi UV possano causare tumori alla pelle, è consigliabile ricercare la vitamina D per prevenire l’osteoporosi in fonti alimentari come ad esempio il pesce (sardine, tonno) o nelle uova (presente maggiormente nel tuorlo).

Prodotti senza glutine per celiaci

Se sei un soggetto celiaco e i negozi sotto casa sfruttano il tuo problema facendo lievitare i prezzi dei prodotti alimentari senza glutine alle stelle, ecco una carrellata di prodotti alimentari senza glutine per celiaci a ottimo prezzo:

Barilla – Spaghetti Senza Glutine
Galbusera – ZeroGrano Frollini con Miele Millefiori senza Glutine

Galbusera – Zero Grano, Cracker senza glutine, con Mais e Riso

Scotti – Risotto Senza Glutine ai Frutti di Mare

 

Video Osteoporosi e celiachia

In questo video si parla di come non solo la celiachia sia una causa dell’osteoporosi, ma anche che l’osteoporosi può causare la comparsa di celiachia nei soggetti con deficit ossei. Si parla inoltre di come per molti anni si sia pensato erroneamente che solo il maleassorbimento intestinale potesse essere la correlaizione tra le due patologie. Infatti, è stato dimostrato come ci sia un aumento delle citochine proinfiammatorie anche nei celiaci e in particolare ci sia un alterato rapporto rankl opg che stimola una maggiore Osteoclastogenesi . Questo è molto evidente in tutti quei pazienti sottoposti allo studio che non hanno iniziato una dieta senza glutine, ma in via minore anche in pazienti che hanno iniziato a seguire un’alimentazione priva di glutine.

L’immagine in evidenza è tratta dal sito www.stefanopasotti.it

Se ti è piaciuto questo articolo sulla correlazione tra osteoporosi e celiachia e ti ha dato spunti interessanti, condividilo con i tuoi amici. Ti ricordo che ogni consiglio riguardo a tematiche su benessere e salute che trovi online deve essere presa come fonte di informazione. Cure, diagnosi, rimedi efficaci dovrai discuterli insieme al tuo medico di fiducia.

Lascia un commento