Obesità infatile: il benessere alimentare nel bambino

Non solo in America, anche in Italia è allerta obesità infantile

Una recente indagine statistica ha messo in luce il precario stato di benessere dei bambini italiani. Tra i bambini che hanno un età compresa tra gli 8 ed i 10 anni, quasi uno su tre è in sovrappeso: il 20% pesa troppo, il 9,8% e’ obeso.

In una indagine statistica rilevata durante il 2014, il Ministero della Salute  ha scoperto dati davvero sconcertanti, dati che sono stati esaminati a Expo al convegno “Sovrappeso e obesita’ nel bambino”.

Il convegno è stato organizzato presso  lo spazio Women for Expo,  tra gli intervenuti si segnala la  dottoressa specialista in Scienze dell’Alimentazione al DCA Gruber Bologna, Donatella Ballardini,  che ha svolto una interessante lezione  sul  “riconoscere il problema obesita’ infantile e comprendere le strategie per affrontarlo e prevenirlo”.

I genitori sono invitati a non trascurare in nessun modo il problema del sovrappeso infatti una discrepanza tra  peso/altezza può diventare in breve tempo obesità.

 

Come prevenire l’obesità nel mio bambino?

Sicuramente curando l’alimentazione e avendo cura che il rapporto peso ed altezza non sia mai troppo squilibrato. L’obesità infantile infatti porta nel bambino anche altre patologie importanti e gravi come quelle che già si palesano negli adulti obesi ovvero  il rischio diabetico, le complicanze respiratorie e circolatorie.

Attenzione all’alimentazione del bambino

Falsi miti alimentari, abitudini scorrette, cibi troppo ricchi di zucchero o grassi ledono la salute del bambino. Ecco qualche semplice regola per prevenire l’obesità nel bambino, le cosiddette regole del 5:

  • 5 pasti al giorno
  • 5 porzioni di frutta e verdura
  • 5 porzioni di colori differenti

Questa semplice strategia darà al bambino il giusto apporto nutritivo, lo invoglierà a mangiare al momento giusto senza dover cadere in imposizioni e limiterà la sua voglia di mangiare snack ipercalorici lontano dai pasti.

Mai saltare la prima colazione! essa deve essere abbondante ma mai eccessiva, bisogna evitare gli zuccheri raffinati ed i dolci elaborati. E’ un’ottima strategia alimentare per la colazione prediligere la frutta, così come la stessa frutta si presta benissimo a fungere da merenda nelle ore pomeridiane.

 

Attività motoria contro l’obesità

L’obesità infantile è legata alla mancanza di attività motoria in tutti quei bambini che non presentano problematiche di salute che fanno aumentare di peso. E’ un problema molto spesso sottovalutato, nonostante sia davvero pericoloso e portatore di gravi malesseri per il bambino, sia fisici, sia psicologici.

Spesso i genitori, e in particolar modo le mamme, tendono a non focalizzare il problema, non considerando preoccupante il peso eccessivo del proprio figlio. Sembra addirittura essere un vanto avere un bambino con il grasso che cola da tutte le parti. Non lo è! è un atteggiamento pericoloso per la salute del bambino nel presente e porta ad essere gli stessi bambini più soggetti in età adulta a contrarre patologie che possono interessare l’apparato respiratorio, l’apparato circolatorio, l’apparato scheletrico e l’apparato digerente.

Oltre a ciò ovviamente si espone il proprio bambino al rischio di bullismo e all’esclusione da un gruppo da parte di altri bambini o facendo tale scelta in prima persona perchè tende a sentirsi diverso.

 

 

 

Autore: Carmen Vip

Esperta conoscitrice del benessere psico fisico dell' essere umano. Ama scrivere articoli sul benessere a 360°, salute, nutrizione, bellezza, per dare consigli gratuiti agli utenti del web