Follicolite e Pelle Secca

Follicolite e Pelle Secca: Che connubio esiste?

La follicolite è un’infiammazione che coinvolge i follicoli piliferi, che spesso può anche evolvere in una vera e propria infezione batterica. Poiché i peli ricoprono tutto il corpo, anche se con visibilità e densità diverse, non solo tra uomo e donna, ma anche tra individuo ed individuo, il problema può insorgere in qualunque punto anche se collo, cosce, natiche e ascelle – qualche volta anche viso – possono essere più frequentemente soggette a questo disturbo.

Nel corso della follicolite, l’infiammazione dei bulbi piliferi della zona interessata comporta prurito di intensità variabile a seconda della gravità per processo flogistico. La conseguenza più immediata al prurito è chiaramente il grattamento, che a lungo andare può comportare abrasione degli strati cornei superficiali della pelle, con ulteriore peggioramento del processo infiammatorio e infezione.

Non è insolito che la follicolite sia la causa o la conseguenza di una secchezza cutanea eccessiva, derivata da altre problematiche: nel caso in cui la follicolite insorga primariamente, può portare a secchezza eccessiva della pelle per grattamento insistente che va a lesionare la cute; nel caso in cui la follicolite insorga secondariamente, nella maggior parte dei casi la secchezza cutanea è una situazione già pre-esistente, dovuta ad altri fattori.

 



L’azione di detergenti per il corpo troppo aggressivi o di saponi irritanti capaci di alterare il normale pH cutaneo, può comportare uno stato infiammatorio della pelle che coinvolge anche i follicoli piliferi zonali.

Anche depilazioni troppo aggressive possono facilitare la comparsa di follicolite e secchezza cutanea, soprattutto se la cute su cui è stata appena eseguita un’azione depilatoria viene poi a contatto con detergenti poco delicati.

Ecco dunque che diventa indispensabile utilizzare i prodotti giusti, sia per evitare queste problematiche, che per evitare di innescare un quadro patologico a catena.

Prevenzione della follicolite

Una volta individuato il motivo della comparsa della follicolite, si può tranquillamente attuare una serie di norme di cura personale che vadano a ridurre, se non proprio ad eliminare, qualsiasi causa potenziale.

A tale scopo sarà necessario utilizzare delle creme emollienti subito dopo l’utilizzo di bagno schiuma particolarmente aggressivi o di cerette e depilazioni.

L’azione emolliente di creme contenenti glicerolo, ad esempio, si rivelano perfette per prevenire secchezza cutanea, prurito e follicolite, perché agiscono trattenendo le molecole di acqua nelle cellule cutanee, garantendo idratazione.

Allo stesso modo, la presenza di vaselina e paraffina liquida permette al glicerolo di mantenere la propria funzione a lungo, impedendo la perdita di acqua dalla pelle per evaporazione.

Inoltre, questi due elementi contribuiscono a creare anche uno strato superficiale che impedisce ulteriormente la perdita di acqua e l’aggressione di agenti esterni chimici.

In commercio si trovano creme emollienti efficaci, sicure e di elevata qualità come Dexeryl, che non solo associano questi tre ingredienti, ma li combinano anche nelle percentuali più adeguate ad assolvere le loro funzioni sulla pelle.

L’utilizzo costante di creme emollienti, permette quindi di effettuare un’efficace azione preventiva sia nei confronti della secchezza cutanea, che nei confronti di un’eventuale follicolite.

Terapia della follicolite

Solitamente la follicolite si presenta inizialmente come una semplice forma infiammatoria della pelle, per cui l’applicazione topica di creme al cortisone dovrebbe essere sufficiente a farla regredire, in associazione alternata all’applicazione di creme emollienti.

Se però il soggetto affetto da follicolite si gratta, tende a lesionarsi la pelle e ad infettarla con la sporcizia inevitabilmente presente sotto le unghie: questa situazione comporta l’instaurarsi di un’infezione batterica.

Il batterio più spesso rilevato in corso di follicolite è lo Stafilococco, per cui in questi casi va fatta la terapia antibiotica consigliata dal medico curante.

Anche nelle situazioni in cui la follicolite sfoci in infezione, le creme emollienti si rivelano fortemente utili a prevenire un’ulteriore secchezza cutanea che potrebbe peggiorare l’intero quadro, innescando un prurito ancora più forte ed intenso.

Terminata la terapia antibiotica, le creme emollienti dovrebbero in ogni caso rimanere un mezzo preventivo per evitare recidive, soprattutto se non si è riusciti ad individuare la causa primaria della follicolite in atto.

Lascia un commento