Dimagrire con la dieta senza glutine

Spesso alcune persone soffrono di intolleranza all’ essenza di lipoproteica, quindi un ottimo consiglio per tali persone è quello di prendere seriamente in considerazione di seguire una dieta senza glutine, la quale è composta di altri tipi di cereali, che aiutano ad eliminare rigonfiamento e aumento di peso. E’ opportuno seguire questa dieta solo per 1 mese, perché alcuni esperti dichiarano che essa può far perdere più o meno 3kg in un lasso di tempo pari a 30 giorni.

Oggi sono molte le persone che effettuano la dieta senza glutine, però il glutine, che è proteina del grano, in alcune persone causa dei gravi fastidi, come la celiachia a causa della quale, alcune persone devono assolutamente eliminare dalla propria nutrizione cibi che contengono glutine.

Altre persone che non sono del tutto celiaci, dopo aver mangiato pane e pasta, accusano una percezione di rigonfiamento, dolori intestinali e spesso emicrania.

A dissomiglianza della celiachia, i soggetti che soffrono di sensibilità al glutine, non corrono nessun rischio grave, anche se è molto fastidioso subire continue nausee, emicranie e fastidi intestinali.

La sensibilità al glutine può colpire anche in età adulta persone che non ne hanno mai sofferto in precedenza, soprattutto donne. Purtroppo non ci sono degli indizi o sintomi che possano in anticipo far presagire la comparsa di tale sensibilità, ma quello che si può fare per capirlo è eliminare per un periodo dall’ alimentazione il glutine e monitorare che reazione ha in nostro corpo.

Prima di eliminare dalla propria dieta alimentare gli alimenti che contengono glutine, è bene fare degli esami appositi che possano escludere completamente la celiachia o l’ intolleranza al grano. Si è riscontrato che la sensibilità al glutine, dopo aver smesso di assumere per un periodo cibi che contengono tale proteina, il disturbo sembra sparire completamente, e molti individui  sono riusciti  a tornare ad alimentarsi di pane e pasta in modo tradizionale.

Per chi soffre di sensibilità al glutine è meglio non assumere cereali come grano, segale, farro, Kamut e l’ orzo, ed è consigliato evitare di mangiare prodotti già confezionati, i  quali a volte sembra non contengano glutine, ma in alcuni casi non è così, quindi è preferibile non rischiare.

cibi che non contengono glutine sono, riso, grano saraceno, amaranto e mais, essi possono essere ingeriti in tutta tranquillità. Possono essere preparati  e consumati in, insalate, zuppe e primi piatti, un ottimo consiglio è quello di sostituire il pane con gallette di riso, ottime da mangiare con squisite verdure.

Per assumere proteine, è ideale il latte magro, le carni bianche, i legumi, i latticini insufficientemente  invecchiati, le uova e il pesce. Le vitamine possono essere prese in modo del tutto tranquillo grazie ad un’alimentazione ricca di verdura e frutta.

In alternativa c’è Garcinia Cambogia

Per chiunque voglia perdere peso o comunque regolare il proprio metabolismo che cambia con l’avanzare dell’età, c’è una pianta officinale che promette di essere un valido aiuto a tale scopo. La Garcinia Cambogia è un ottimo alleato da assumere per poter fare in modo di accellerare il processo di dimagrimento, rendendo più facile qualunque dieta. Garcinia Cambogia infatti, grazie alle sue proprietà sazianti, riesce a ridurre l’appetito e di conseguenza ad avere minor propensione nella ricerca di altro cibo durante una dieta. Inoltre Garcinia, lavora come inibitore di quei processi che portano stress ed ansia che crescono durante una dieta, e anche il processo che vede trasformare i carboidrati assunti in depositi di grasso corporeo.

Autore: Carmen Vip

Esperta conoscitrice del benessere psico fisico dell' essere umano. Ama scrivere articoli sul benessere a 360°, salute, nutrizione, bellezza, per dare consigli gratuiti agli utenti del web