dieta dopo le feste

Dieta dopo le feste: 4 alimenti con meno di 100 calorie

6 minuti



Eccoci qua, siamo alle solite, prima grandi abbuffate e poi voglia di tornare in forma dopo le feste dove si è gioito e ci si è divertiti insieme a parenti e amici in modo spensierato. In questo periodo dell’anno non si contano i medicinali assunti per mandar via malesseri come reflusso gastrico, mal di testa, mal di pancia, diarrea e chi più ne ha più ne metta.

Tutto ciò non è dovuto solo alle grandi abbuffate con i cibi tradizionali del Natale e del Capodanno (o di Pasqua o di altre ricorrenze) non è dovuto solo al fiume di liquidi che siamo riusciti a ingurgitare, ma anche alle ore piccole passate a divertirsi sgranocchiando ovviamente qualcosa.

Bisognerebbe creare un vademecum intitolato “feste proprietà e controindicazioni” 😀 per evitare di doversi disintossicare da cibi ed eccessi dopo le festività.



Per fare una buona dieta dopo le feste e disintossicare il corpo dagli eccessi per tornare in forma e riuscire a giungere alla prova costume in modo adeguato, esistono delle semplici regolette da tener conto, oltre anche al saper scegliere i giusti cibi da mangiare. Per una dieta da fare dopo le feste passate, in primis bisogna cercare di assumere solo cibi che contengano poche calorie, in seguito faremo un elenco dei 10 alimenti che apportano meno di 100 calorie da mangiare dopo le feste e le ricorrenze.

Quali cibi contengono meno di 100 calorie e possono essere integrati in una dieta per perdere il peso acquisito durante le festività?

Dieta dopo le feste: Le Uova

dieta uova sode

In prima posizione troviamo le UOVA SODE. Un uovo sodo contiene solo 75 calorie, di cui ben il 90% sono contenute nel tuorlo. Le uova possono essere un valido alleato per una carica d’energia che possa servire ad affrontare una giornata tipica al ritorno alla vita di tutti i giorni. Ricche di vitamina D, le uova mangiate nelle stagioni invernali, primaverili e autunnali, possono essere un valido sostituto per assumere questa importante vitamina, che viene prodotta dal corpo quando si è esposti al sole.Il giusto utilizzo delle uova dopo le feste, può essere fatto a colazione oppure a pranzo.

Dieta dopo le feste: Le Mandorle

mandorleperdieta

Un valido alimento da mangiare dopo le feste che contiene solo 90 calorie sono leMANDORLE. A Natale sono facilmente reperibili, dunque non si sottovaluti l’inserimento delle mandorle in una dieta dopo le feste per tornare in forma e depurarsi. Spesso le grandi abbuffate delle ricorrenze, non fanno altro che accelerare il processo di invecchiamento del nostro organismo. Le mandorle sono ricche di antiossidanti, inserendo quattro o cinque mandorle nella dieta dopo le feste, consumandole in tutto l’arco della giornata, può portare molti benefici al nostro organismo e aiutarci a sgonfiarci allo stesso tempo assumendo solo circa 40 calorie.

Dieta dopo le feste: Il Cioccolato

cioccolatofondente

L’alimento in questione è il cioccolato fondente, 3 quadratini di cioccolato fondente contengono meno di 95 calorie. Questo alimento è ricco di flavonoidi e il suo potere antiossidante non è di certo sconosciuto. Lasciare che il cioccolato fondente allieti le giornate tipiche dopo le feste è di certo un valido aiuto contro l’ansia e per la disintossicazione.

Dieta dopo le feste: I pistacchi

pistacchi non salati

Anche questo alimento abbonda sulle tavole imbandite per il Natale, e dunque continuare a usarlo nella propria alimentazione quando le festività son passate è di sicuro semplice. 25 pistacchi non salati contengono solo 85 calorie. Le proprietà dei pistacchi privilegiano il cuore e l’apparato circolatorio. Mangiarne regolarmente aiuta a tener lontano crisi cardiache e dunque è utile inserirle nella propria dieta alimentare dopo le feste per disintossicarsi dagli eccessi ma anche per fare prevenzione.

Perchè abbiamo citato questi 4 alimenti da mangiare dopo le feste di Natale e in genere dopo le grandi abbuffate? Cosa accade al nostro organismo dopo che ci siamo persi nei peccati di gola senza pensarci? perchè ci sentiamo così male dopo aver ingerito tutto ciò che è sulla tavola imbandita per un cenone?

Cosa accade al’organismo dopo un’abbuffata?


Proviamo a rispondere a questi interrogativi. Come prima cosa non esiste in termini di quantitativi un pranzo medio giusto. Visto che per vivere in modo sano sappiamo per più o meno vanno assunte circa 2000 calorie al giorno (cosa che ci consiglia anche la dietologa McDaniele) possiamo tranquillamente affermare che un pranzo non dovrebbe sforare le 700/800 calorie. Il problema è che un cenone natalizio o un pranzo di Pasqua riescono a raggiungere anche le 2500 calorie in un colpo solo.

Più che primi piatti e secondi tradizionali, ciò che fa raggiungere questi livelli altissimi di calorie sono antipasti e bevande che dovrebbero essere consumati davvero con molta responsabilità.

Le conseguenze post abbuffata possono essere molteplici, si va dalla sonnolenza al respiro corto e nausea, alla pancia gonfia, dalla sensazione di freddo ai dolori cardiaci.

Queste patologie possono portare a conseguenze anche spiacevoli, non è raro avere un infarto dopo un lauto pasto, ma in generale mangiare tanto durante le feste di Natale porta a un malessere generale che non consente di vivere e godere a pieno della gioia di queste giornate festive.

La sonnolenza provocata da un pasto abbondante, è dovuta al carico glicemico che aiuta a capire le quantità giuste da assumere in relazione al tipo di alimento ingerito e alla quantità. Per esempio, spesso si crede erroneamente che per tenere sotto controllo il carico glicemico bisogna mangiare soltanto cibi a basso indice glicemico per evitare problematiche. Il carico glicemico ci fa notare invece, di quanto sia meglio mangiare ad esempio una patata bollita (ad alto contenuto glicemico) in piccole quantità (si stima che contenga solo 80 calorie) rispetto a quantità maggiori di alimenti con basso indice glicemico.

per le problematiche che possono comparire nel nostro organismo appena menzionate, è dunque utile alimentarsi dopo le feste e arricchire la propria dieta giornaliera con i 4 alimenti che abbiamo prima citato.

Perchè mangiare questi 4 alimenti dopo le feste?

Mandorle, uova, cioccolato e pistacchi possono riuscire a disintossicare il nostro organismo, ma anche a sgonfiare la pancia, a combattere sonnolenza e nausea post festività, a prevenire patologie cardiache anche gravi.

Le festività coincidono con periodi dell’anno dove questi 4 alimenti con poche calorie sono facilmente reperibili, e dunque risulterà facile integrare la propria dieta dopo le feste con essi.

 

Ogni articolo scritto sul portale saluteebenessere.eu non sostituisce nel modo più assoluto il parere degli esperti. Tali articoli sono realizzati con fonti e conoscenze studiate online ed offline e riportano il pensiero di altri professionisti.



Lascia un commento