Calcolosi: Cos’è e tipologie

calcolosi

Quando una cavità presente nel corpo umano, utile al passaggio di sostanze liquide fisiologiche, viene ostruita dalla formazione di calcoli, significa che è in atto quella patologia che nel mondo medico si indentifica con il termine Calcolosi.

Al verificarsi della Calcolosi i sintomi possono essere molto intensi, con dolori di diversa entità, e possono evidenziarsi anche infezioni. Il dolore si avverte quando i calcoli riescono ad ostruire completamente il flusso dei liquidi prodotti dall’organo interessato (esempio fegato, reni), o essi raggiungono le parti più strette delle cavità predisposte al passaggio dei liquidi fisiologici ( Bile, Saliva, Urina etc etc).









I sistemi del nostro organismo più colpiti da Calcolosi sono l’apparato digerente e l’apparato urinario perchè nel primo spesso vengono interessati organi come la Cistifellea, il fegato (vie biliari), e le ghiandole salivari. Mentre nel sistema urinario non sono rari casi di Calcolosi che colpiscono i Reni.

Quanti tipi di Calcolosi esistono?

Come affermato poco fa, la Calcolosi può verificarsi in diversi organi del corpo umano la cui funzione è quella di produrre liquidi fisiologici. La presenza di calcoli in tali organi e cavità avvenendo in diversi organi assume forme e prende nel mondo medico nomi differenti. Troviamo infatti:

  • Calcolosi biliare
  • Calcolosi Renale
  • Calcolosi Urinaria
  • Calcolosi Salivare
  • Calcolosi Tonsillare

Calcolosi Biliare

La calcolosi biliare è una patologia che si verifica a causa della presenza nei dotti biliari oppure nella Cistifellea, di calcoli che ostruiscono il deflusso dei liquidi prodotti e in transito. I calcoli che danno vita alla calcolosi biliare, sono prodotti a causa di una formazione cristallina nella stessa bile. Tali formazioni nascono all’interno della cistifellea e possono viaggiare in altre parti affini come il dotto pancreatico o il dotto biliare comune.  E’ raro ma può avvenire, che la Calcolosi biliare potrebbe riuscire ad erodere le pareti della cistifellea e dirigere i calcoli nell’intestino dando vita ad un ostacolo chiamato in medicina ileo biliare.

Calcolosi Renale

La Calcolosi renale, conosciuta nel mondo scientifico come nefrolitiasi, è una patologia che è caratterizzata dalla formazione di calcoli nei reni. La calcolosi renale nell’uso comune è anche detta renella, quando la dimensione dei calcoli presenti negli organi è più o meno simile a granellini di sabbia.

La formazione dei calcoli renali avviene appunto nei reni e vengono espulsi dall’organismo mediante il flusso urinario. La dimensione dei calcoli della calcolosi renale, è portatrice di sintomi dolorosi e fastidiosi se di grandi dimensioni, oppure per calcoli di minima dimensione non presenta sintomatologie particolari. Un calcolo può anche essere causa di sangue nelle urine, vomito e minzione dolorosa. Circa la metà delle persone che hanno sofferto di questa condizione, avrà un altro calcolo entro i successivi dieci anni.

Calcolo urinario

I calcoli urinari sono concrezioni cristalline che possono formarsi nell’apparato urinario in seguito alla precipitazione e successiva aggregazione di sostanze disciolte nelle urine. La condizione patologica legata alla formazione dei calcoli è detta calcolosi urinaria o urolitiasi.

Calcolosi salivare

Per calcolosi salivare o scialolitiasi in campo medico, si intende la presenza di concrezione (calcolo) composta quasi esclusivamente da carbonato di calcio nelle ghiandole salivari, che ne comportano l’ostruzione.

Calcolosi Tonsillare

Molto spesso i tonsilloliti (calcoli tonsillari), tendono ad essere asintomatici e dunque solo raramente vengono avvertiti dalle persone e richiedono le cure mediche. Queste formazioni si compongono di resti di cibo, cellule morte della mucosa e di batteri, calcificazioni. Vengono spesso eliminate con violenti starnuti.







Autore: Carmen Vip

Esperta conoscitrice del benessere psico fisico dell' essere umano. Ama scrivere articoli sul benessere a 360°, salute, nutrizione, bellezza, per dare consigli gratuiti agli utenti del web