L’arte del massaggio

Il massaggio è la pratica terapeutica più antica utilizzata da tutte le culture del mondo per i suoi riconosciuti benefici. Nel 2700 a.c., in un trattato cinese vengono descritti i diversi tipi di massaggio, mentre, alcuni secoli dopo, la conosciuta e tanto apprezzata Ayurveda avviava il massaggio come pratica volta alla salute del corpo e della mente.

Leggi tutto “L’arte del massaggio”

Qualità dell’ acqua di casa con i filtri

E’ opportuno conoscere, quali sono gli artefici che inquinano la nostra acqua, in modo da poter risolvere il problema. Essi sono di vario genere, ma l’ importante è riuscire a eliminare il disagio.  Per capire se la vostra acqua è inquinata, bisogna rivolgersi all’ amministrazione regionale o nazionale.

Nelle 13 città degli U.S.A., si sono fatti dei test e non tutte potevano provare di non avere profanazioni sulla qualità dell’acqua, non ostante i condotti idrici erano integri. Per avere delle risposte inerente alla qualità dell’ acqua, bisogna rivolgersi a laboratori specifici o all’ azienda sanitaria locale, le quali di solito offrono a prezzi bassi, kit o test per poi dirvi se avete bisogno di filtri per l’ acqua.        

Leggi tutto “Qualità dell’ acqua di casa con i filtri”

L’apparato circolatorio

L’apparato circolatorio, costituito da un sistema di canali comunicanti nei quali scorre il sangue (vasi sanguigni) o la linfa (vasi linfatici), presenta come centro motore il cuore, organo muscolare cavo situato nei torace e paragonato per la sua funzione ad una pompa aspirante e premente per tutta la circolazione sanguigna.

Leggi tutto “L’apparato circolatorio”

Il cuore

Il cuore rappresenta il centro di tutta la circolazione sanguigna ed è destinato, mediante la
sua contrazione ritmica, ad assicurare un movimento continuo alla massa sanguigna. Questo organo è posto nella parte mediana della cavità toracica e più precisamente nello spazio esistente fra i due polmoni, denominato mediastino; in basso è appoggiato sul muscolo diaframma, il quale lo separa dai visceri della cavità addominale sottostante; anteriormente corrisponde alla parete sterno-costale e posteriormente al tratto di colonna vertebrale compreso fra la IV e l’VIII vertebra toracica.
Il cuore, contenuto in un sacco fibroso detto pericardio che lo isola dagli organi circostanti
(polmoni, esofago, timo, aorta, ecc.) e nello stesso tempo lo fissa in basso al diaframma, presenta la forma di un cono appiattito dall’avanti all’indietro, a base superiore ed apice
inferiore.

A causa della obliquità del suo asse, il cuore risulta situato per un terzo del suo volume a destra della linea mediana e per due terzi a sinistra. Quella parte della parete anteriore del torace corrispondente al cuore prende il nome di regione precordiale o area cardiaca: essa nel vivente può essere delimitata con la percussione o, più sicuramente, col metodo radiologico.
Nella zona del torace corrispondente all’apice del cuore può essere rilevata, con l’ispezione o con la palpazione, una pulsazione sincrona con i battiti cardiaci e dovuta alla trasmissione
della contrazione cardiaca alla parete toracica. Tale pulsazione, che prende il nome di itto della punta, risulta localizzata all’apice cardiaco, poiché quest’ultima é la porzione del cuore più vicina alla parete toracica.

 

Caratteristiche anatomiche del cuore

anatomia del cuore

Il cuore, essendo principalmente costituito da tessuto muscolare, ha un colorito rossastro; peraltro sulla sua superficie esterna spiccano delle chiazze gialle, dovute ad accumuli di grasso. Il suo volume, variabile a seconda della età e del sesso, è stato paragonato a quello del pugno del soggetto cui appartiene; comunque nell’adulto presenta una lunghezza di circa
cm 10, una larghezza di cm 11 ed uno spessore di cm 5; la circonferenza della sua base raggiunge cm 26 circa.

ll peso del cuore, anch’esso variabile in rapporto al soggetto, e in genere maggiore nei maschi rispetto alle femmine: come limite massimo si può considerare g 350 nell’uomo e g 300 nella donna. Valori superiori denotano un ingrossamento patologico cli questo organo e cioè una ipertrofia cardiaca; oppure sono dovuti ad allenamento sportivo agonistico. La capacita totale del cuore corrisponde in media a circa cc 500.
Data la sua forma, nel cuore si possono distinguere una faccia anteriore, o sterno-costale, una faccia posteriore o diaframmatica, un margine destro, acuto, un margine sinistro, ottuso, una base ed una punta od apice.
Il cuore e diviso in due meta, destra e sinistra, ciascuna delle quali e formata da un atrio, di forma grosso modo cubica, che corrisponde alla base del cuore, e da un ventricolo di forma conoide che arriva fino alla punta; la cavità di ciascun atrio comunica con quella del rispettivo ventricolo mediante un orifizio atrio-ventricolare, ma non esistono comunicazioni fra le cavità destre, contenenti sangue venoso, e le cavità sinistre, contenenti sangue arterioso, poichè sia i due atri che i due ventricoli sono separati in maniera completa da una parete continua detta rispettivamente setto interatriale e setto interventricolare.
Esaminando esternamente il cuore, si osservano: un solco trasversale circolare, detto solco coronario o atrio-ventricolare, il quale segna il limite della porzione atriale da quella ventricolare sottostante, e due solchi longitudinali (interventricolari), anteriore e posteriore, i quali originano dal solco coronario e si dirigono verso la punta del cuore continuandosi l’uno
nell’altro, e separando perciò sulle due facce del cuore i due ventricoli. Anche gli atri sono divisi l’uno dall’altro, all’esterno, da un leggero solco, interatriale, visibile solo sulla faccia
posteriore.
Gli atri nel loro insieme formano una specie di cupola applicata sulla base dei ventricoli; la loro faccia anteriore e nascosta dalle due grosse arterie, tronco polmonare ed aorta, le
quali originano rispettivarnente dalla base del ventricolo destro e del ventricolo sinistro e portandosi in alto vengono accolte in una specie di doccia scavata nella faccia anteriore degli
atri. Ciascun atrio si prolunga lateralmente ed anteriormente in una specie di piccola appendice conica, detta auricola, la quale abbraccia la porzione iniziale dei grossi vasi arteriosi.
Nella faccia posteriore dell’atrio destro sboccano in alto la vena cava superiore ed in basso la vena cava inferiore ed il seno coronario; nella faccia posteriore dell’atrio sinistro sboccano le quattro vene polmonari. Sezionando il cuore, possiamo rilevare l’aspetto delle cavità che lo compongono: come si e detto, le cavità di destra sono completamente separate da quelle di sinistra dal setto interatriale ed interventricolare.
Gli atri hanno una parete assai sottile (circa mm 1-3 di spessore); il ventricolo sinistro ha una parete circa tre volte più spessa del ventricolo destro (mm 12-13 per il ventricolo sinistro, mm 4 per il ventricolo destro). La differenza di spessore della parete dei due ventricoli e dovuta al fatto che il ventricolo sinistro deve spingere con la sua contrazione il sangue in tutto il corpo, mentre il ventricolo destro si limita ad inviare il sangue ai polmoni, organi molto vicini al cuore stesso.

I due ventricoli presentano una parete in comune, il setto interventricolare, spessa circa mm 10-15, la quale ha una faccia destra convessa ed una faccia sinistra concava: per tale ragione in sezione trasversale la cavità ventricolare destra presenta una forma semilunare, mentre la cavità ventricolare sinistra assume una forma pressoché circolare.
La superficie interna dei ventricoli, contrariamnte alla superficie esterna che e liscia, e assai irregolare per la presenza di fasci muscolari (trabecole muscolari o colonne carnose del
cuore) che sporgono dalla parete stessa, intrecciandosi variamente. Delle trabecole muscolari alcune aderiscono per tutta la loro lunghezza alla parete del ventricolo (colonne carnose di terzo ordine), altre sono libere nel tratto intermedio e sono congiunte alla parete ventricolare esclusivamente con le loro due estremità (colonne carnose di secondo ordine), altre, infine, le più importanti (colonne carnose di primo ordine o muscoli papillari), si impiantano sulla parete ventricolare solo con una loro estremità, mentre con l’altra si continuano con dei sottili tendini, le corde tendinee, le quali vanno a prendere inserzione sulle valvole atrio-ventricolari. Fra le trabecole di secondo ordine, assai numerose in ambedue le cavità ventricolari, una, situata sulla parete settale del ventricolo destro, e assai sviluppata e prende il nome di trabecola setto-marginale o trabecola arcuata di
Leonardo da Vinci, che per primo la descrisse.
La base di ciascun ventricolo presenta due orifizi a contorno circolare, dei quali il posteriore, più grande, comunica col soprastante atrio ed e detto perciò orifizio od ostio atrioventricolare, e l’anteriore mette in comunicazione il ventricolo con il tronco arterioso che da esso origina (arteria polmonare per il ventricolo destro ed aorta per il sinistro), ed e detto perciò orifizio od ostio arterioso. Tutti questi orifizi sono provvisti di un apparato valvolare il quale permette il passaggio di sangue solo in un senso e regola perciò la direzione del flusso ematico.

L’orifizio atrio-ventricolare destro e fornito di una valvola detta tricuspide: essa è formata da tre lembi membranosi triangolari (cuspidi), i quali con la base si inseriscono sul contorno dell’orifizio stesso e con l’apice libero si spingono nella cavità ventricolare. I muscoli papillari rivestono una importanza estrema in quanto contraendosi, e perciò accorciandosi, contribuiscono a determinare l’apertura della valvola stessa e soprattutto con la loro presenza ne regolano anche la chiusura, impedendo che i lembi valvolari possano rovesciarsi verso la
cavità atriale.
L’orifizio atrio-ventricolare sinistro e provvisto di una valvola simile all’ostio di destra, con la sola differenza che i lembi valvolari sono in numero di due, anteriore e posteriore; per tale
ragione questa valvola, bicuspide, e stata paragonata alla mitra dei vescovi ed e detta perciò anche valvola mitrale. Sulla faccia esterna delle due cuspidi prendono inserzione le corde tendinee dei due muscoli papillari presenti nella cavità ventricolare sinistra.
Le valvole degli osti arteriosi, rispettivamente polmonare per il ventricolo destro ed aortico per il ventricolo sinistro, prendono il nome di valvole semilunari: esse sono costituite ciascuna da tre pieghe membranose (lembi) che nel complesso conferiscono alla valvola una forma a nido di rondine. Nell’ostio polmonare i tre lembi sono situati uno anteriormente e
due posteriormente, mentre nell’ostio aortico sono collocati due anteriormente ed uno posteriormente. Data la loro disposizione le valvole semilunari permettono il passaggio del
sangue dalla cavita ventricolare al rispettivo tronco arterioso, ma non viceversa.
La superficie interna dell’atrio sinistro e quasi liscia mentre quella dell’atrio destro presenta numerose creste muscolari sopraelevate ed in genere parallele le une alle altre, dette muscoli
pettinati. Nella faccia inferiore di ciascun atrio si osserva il rispettivo ostio atrio-ventricolare che, per la presenza dei suddetti lembi valvolari, visto dall’alto assume la forma di un imbuto. Nella faccia posteriore dell’atrio destro, in alto ed in vicinanza del setto interatriale, si nota un orifizio circolare di circa cm 2 di diametro, che rappresenta lo sbocco della vena
cava superiore, mentre più in basso si notano altri due orifizi ciascuno dei quali e fornito di un lembo valvolare incomplete: il più grande, di circa cm 3 di diametro, rappresenta lo sbocco della vena cava inferiore ed e provvisto della valvola di Eustachio, mentre il più piccolo del diametro di circa cm 1, rappresenta lo sbocco del seno coronario ed é fornito della
valvola di Tebesio. Nella faccia posteriore dell’atrio sinistro esiste lo sbocco delle quattro vene polmonari, prive di lembi valvolari.
La superficie esterna del cuore e rivestita da una sottile membrana sierosa, trasparente, detta epicardio; questo in alto si prolunga a rivestire la porzione iniziale dei grossi vasi che
giungono o partono dal cuore (peduncolo vascolare), indi a tale livello si riflette e, col nome di pericardio, ricopre la superficie interna del sacco fibroso pericardico. Fra epicardio e pericardio viene delimitata una sottile cavità pericardica, la quale circonda completamente il cuore ed essendo bagnata da un liquido leggermente vischioso facilita i movimenti del cuore
stesso. L’epicardio é costituito da uno strato di cellule di tipo epiteliale, molto appiattite ed applicate sulla tonaca propria; esso e inoltre congiunto al muscolo cardiaco mediante il connettivo sottoepicardico, nel quale decorrono all’inizio i rami delle arterie coronarie, sovente circondati da tessuto adiposo.

Le cavità interne del cuore sono tappezzate da una sottile membrana, l’endocardio, la quale appare liscia e biancastra, si modella perfettamente su tutte le anfrattuosità delle cavità cardiache e si continua con la tunica più interna dei grossi vasi del peduncolo vascolare. L’endocardio e costituito, dall’interno verso l’esterno, da un endotelio, dalla tonaca propriamente detta e dallo strato sottoendocardico; quest’ultimo, rappresentato da un tessuto connettivo lasso ricco di fibre elastiche, contiene numerosi vasi sanguigni e nervi e si continua con la muscolatura del cuore.
Gli apparati valvolari sono costituiti da pieghe dell’endocardio rinforzate, centralrnente, da una lamina fibrosa assai robusta; tutte le valvole sono prive di muscolatura e poverissime di vasi sanguigni, per cui si nutrono direttarnente dal sangue contenuto nelle cavité cardiache.
Fra epicardio ed endocardio si trova, a formare la parte principale della parete del cuore, uno strato di tessuto muscolare, il miocardio.

Il benessere della sigaretta elettronica

Prima di parlare delle sigarette elettroniche e dei relativi vantaggi che offrono ai fumatori che vogliono smettere di fumare le sigarette tradizionali, è doveroso argomentare proprio su queste ultime. Le sigarette, facenti parte del monopolio di Stato, sono i prodotti più venduti dopo alimenti di prima necessità, come pasta, latte e pane. Questo per dire che la vendita delle sigarette è stata sempre molto alta e quasi alla stregua di alimenti importanti, nonostante i danni alla salute. Anni fa non erano ben chiari i danni che una sigaretta poteva provocare, ma poi col passare dei decenni, tra ricerche, studi e osservazioni sono stati scoperti gli effettivi danni delle stesse nei confronti della salute dell’ uomo, tanto da modificare o creare alcune leggi per tutelare chi inspira il fumo passivamente. In pratica il fumo passivo fa male quanto quello “attivo”. La legge in questione, approvata e resa ufficiale nel 2003 vieta di fumare in luoghi pubblici e sui mezzi pubblici. Per cercare di demotivare l’ acquisto delle sigarette, al di là dei prezzi vertiginosi, sono apparsi con una maggiore insistenza messaggi scritti sui pacchetti stessi contornati da cornice nera con sfondo bianco, che ricorda molto i necrologi. Nei messaggi sono riportate tutte le cause che provocano le sigarette per l’ appunto.

Danni alla salute e ingredienti

Una spirale che ti avvolge fino alla morte

I danni alla salute sono tra i più disparati, tra cui cancro e tumori. Gli organi più colpiti sono la gola, la trachea, i polmoni (leggi qui per disintossicare i polmoni da nicotina e catrame), l’ apparato digerente…
Se si fuma molto, ma anche poco, c’è il rischio di poter contrarre tali malattie, spesso non curabili (se non prese nella loro forma benigna). Queste malattie sono causate dall’ inspirazione continua e costante del fumo, o meglio non tanto dalla nicotina, ma dalla quantità di catrame (contenente nelle sigarette sempre) e dalla combustione che si crea ogni qualvolta si inspira e si fuma una sigaretta.

E’ la combustione a creare maggior danno agli organi, in quanto questa provoca un continuo innalzamento della temperatura corporea (di circa 1 grado). Inoltre, attraverso studi vari, si è scoperto che i filtri delle sigarette (dove si assorbe maggiormente dalla saliva) sono pieni di conservanti e sostanze a dir poco cancerogene per la salute dell’ uomo. La sigaretta quindi nuoce alla salute, prima che venga accesa e fumata.
La sigaretta provoca anche infarti, difficoltà nella respirazione, invecchiamento della pelle, ictus, crisi asmatiche. Da un punto di vista estetico non è invitante, in quanto lascia addosso e sugli indumenti cattivo odore, che impiega diverse ore ad andare via.

Ingredienti nocivi della sigaretta elettronica

Gli ingredienti della sigaretta sono il catrame, la nicotina e il zolfo, e di solito sui pacchetti sono riportati i quantitativi di ognuno di essi. Le malattie riportate su sono causate dalla combustione e in particolar modo dal catrame (che s’insidia nel polmoni e nel sangue) e dallo zolfo, che col passare dei decenni rimangono annidati nelle cellule, causandone scarsa ossigenazione, decadimento e non più una costante rigenerazione, portando alla morte la cellula e una sempre maggiore esposizione a malattie, come il tumore.
Altro svantaggio delle sigarette sono le sostanze irritanti presenti nelle sigarette, come l’ acido cianidrico, acroleina e ammoniaca. L’azione irritante provoca tosse, eccesso di muco, bronchite.
La nicotina, che è la sostanza che forse fa meno male, è quella che crea però dipendenza. La dipendenza è un altro grande svantaggio delle sigarette. Quando la nicotina arriva ai polmoni, passa nel sangue per poi arrivare al cervello in pochissimo tempo. Il continuare ad assumere nicotina stimola la liberazione di dopamina e di adrenalina, che sostanzialmente causano benessere, inoltre la nicotina tende anche a rilassare; quando tali effetti svaniscono, portano l’ individuo a fumare di nuovo. E la dipendenza fisica può prendere il sopravvento. Lo stesso vale per la dipendenza psicologica, che sempre avviene in seguito al non fumare; in sostanza questa si manifesta con irritabilità, ansia, scarso controllo nel non fumare, insonnia e difficoltà nel concentrarsi.

Ingredienti Philip Morris

  • zucchero: saccarosio
  • propilene glicole
  • glicerolo
  • zucchero: zucchero invertito
  • estratto di liquerizia
  • gomma guar
  • cacao e prodotti del cacao
  • carruba e estratto di carruba
  • aromi naturali e artificiali
  • acqua
  • cellulosa
  • arbonato di calcio
  • amido e/o amidi modificati
  • citrato di potassio
  • carbossimetilcellulosa e suo sale sodico
  • acetato di etilenvinile copolimero
  • acetato di polivinile
  • etilene idrossile e copolimero vinilacetato
  • prodotti tecnologici (antischiumogeno,acqua)
  • resina alchidica
  • pigmento, blu brillante FCF
  • pigmento, rosso allura AC
  • olio minerale
  • silice
  • carbonato di calcio
  • acetato di cellulosa
  • triacetina
  • diossido di titanio
  • prodotti tecnologici (acqua,olio per finitura)
  • polivinolo
  • resina di idrocarburo
  • cera paraffinica
  • etilene idrossile e copolimero vinilacetato
  • resina stirene-alfa-metilstirene
  • poliisobutilene
  • butene, polimero con 2-metil-1-propene
  • prodotti tecnologici (antiossidante,antischiumogeno,acqua,olio per finitura)
  • pigmento, ossido di ferro giallo
  • collodio
  • acetil tributil citrato
  • alginato di sodio
  • polimeri di stirene-acrilato
  • pigmento, ossido di ferro rosso
  • talco
  • carbo medicinalis vegetabilis
  • triacetina

mi fermo qui perchè mi son stancato di scrivere…

 

Puoi vedere gli ingredienti di tutti i produttori di sigarette tradizionali da qui.

Prendi le sigarette… e buttale!

Vantaggi della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica è un modello di sigaretta di ultima generazione generato per sostituire e simulare la tradizionale sigaretta, e soprattutto, inserendo nel mercato un prodotto che non causasse gli stessi danni che invece provoca la sigaretta tradizionale. Tra l’ altro la produzione di alcune di queste sigarette provengono dalle grosse multinazionali, nonché marche di sigarette, come la Philip Morris per esempio.
Anche all’ interno delle sigarette elettroniche è presente la nicotina, ma a quantità variabili, ma ciò che differenzia queste con le sigarette tradizionali è la vaporizzazione rispetto alla combustione. Il vantaggio principale della sigaretta elettronica è questo.
La combustione provoca il rilascio di residui tossici quali il catrame e un innalzamento di circa 1 grado centigrado della temperatura corporea; la vaporizzazione invece avviene nel momento in cui la miscela chimica composta da acqua, glicole propilenico e glicerolo con la nicotina viene inspirata.
La vaporizzazione quindi consiste in un passaggio dallo stato liquido passa allo stato gassoso, senza passare per la combustione (molto dannosa).
L’ atomizzatore (cioè il dispositivo elettronico di vaporizzazione) riscalda la soluzione liquida che contiene nicotina, eventuali aromi e altri prodotti chimici; il calore prodotto trasforma tale miscela in vapore e può essere inalato come se si stesse fumando una sigaretta tradizionale, regalando comunque un certo benessere a chi ne fa uso. E proprio in mancanza della combustione, tale processo non è cancerogeno tanto quanto lo è una sigaretta normale.

 

Altro vantaggio della sigaretta elettronica, al di là dell’assenza di combustione e assenza di catrame con altre sostanze cancerogene (come nella sigaretta tradizionale), può essere da un lato il non utilizzo di cerotti, gomme da masticare o pastiglie (per chi volesse smettere di fumare le sigarette normali), dall’ altro mantengono la gestualità. Quest’ ultima cosa diventa a volte un aspetto fondamentale per il fumatore, in quanto il gesto “del fumare” è stato interiorizzato in modo quasi incondizionato, e smettendo andrebbe contro questo tipo naturalezza acquisita, quindi la sigaretta elettronica potrebbe essere una sorta di via di mezzo, tra il continuare a fumare con tanto di gestualità annessa e il voler smettere di fumare le sigarette classiche, tant’è vero che se smettere di fumare risulta complicato e complesso, la sigaretta elettronica può creare un buon compromesso, in quanto meno dannosa.

Se passi alla sigaretta elettronica diventi più bella

 

Se smetti di fumare tutte le sostanze nocive che prima abbiamo elencato, oltre a preservare meglio la salute inizierai a notare vantaggi anche in ordine estetico. Infatti, non appena spemmi di fumare l’ultima sigaretta inizierai a notare nel tempo i seguenti vantaggi:

  • 20 minuti senza fumare: la pressione sanguigna e il battito cardiaco riprendono i valori normali. (vantaggio in salute)
  • 2 ore senza fumare: la quantità di nicotina in circolo si dimezza
  • 3 ore senza fumare: Viso più disteso e roseo
  • 8 ore senza fumare: il monossido di carbonio in circolo viene eliminato si dimezza mentre i livelli di ossigeno ritornano a livelli normali. (vantaggio in salute e bellezza)
  • 1 Giorno senza fumare: i Polmoni riprendono correttamente l’attività, migliora l’alito e si riducono rischi di infezioni alle vie respiratorie  (vantaggio in salute e bellezza)
  • 2 Giorni senza fumare: La nicotina si azzera nell’organismo
  • 3 giorni senza fumare: dita e denti più bianchi (vantaggio in bellezza)
  • 4 giorni senza fumare: riduzione occhiaie (vantaggio in bellezza)
  • 5 giorni senza fumare: capelli più forti e voluminosi (vantaggio in bellezza)
  • 7 giorni senza fumare: gusto e olfatto migliorano (vantaggio in bellezza)
  • 14 giorni senza fumare: Migliora la circolazione sanguigna che irrora d’ossigeno le cellule  (vantaggio in salute e bellezza)

 

Articolo scritto per sensibilizzare l’utenza di BenessereeSalute sui danni da fumo provocati dalle sigarette tradizionali, che vanno assolutamente sostituite con le sigarette elettroniche o eliminandole completamente dalla propria vita. Scritto in collaborazione con:

Must500.com

LOL SRL, VIA IV NOVEMBRE 116 21058 SOLBIATE OLONA (VA) – P.IVA 03390480121

 

 

Quante volte vanno lavate le lenzuola per proteggere la salute?

Spesso viene sottovalutato quanto sia importante riposare in un letto che sia fresco e pulito, ma anche ricoperto di biancheria realizzata con tessuti di qualità. Sono davvero tante le persone che al proprio risveglio, scrutando il proprio corpo allo specchio notano irritazione sulla cute, ma che non pensano minimamente che quella irritazione della pelle è causata dalle lenzuola.

Non è solo l’irritazione della pelle che può essere una conseguenza di una non cura perfetta della biancheria da letto, ma altri sintomi che fanno presagire avvisaglie di allergie possono essere avvertiti, nonostante si utilizzino tessuti anallergici, antiacaro e antibatterici.

Leggi tutto “Quante volte vanno lavate le lenzuola per proteggere la salute?”

Disintossicare i polmoni: Rimedi per pulire i polmoni da nicotina e catrame

Molti utenti dopo aver letto il nostro articolo su come smettere di fumare, ci hanno contattato chiedendoci tante informazioni, tra cui una più ricorrente delle altre ovvero come disintossicare i polmoni dalla nicotina.  Altri quesiti correlati a questi sono stati ad esempio come faccio a togliere il fumo dai polmoni, dopo quanto tempo si puliscono i polmoni, alcuni volevano sapere se il latte pulisce i polmoni dal fumo, altri invece erano interessati a sapere se esistono farmaci per pulire i polmoni. Moltissime domande alle quali cercheremo nel tempo di dare risposte, oggi ci concentriamo però su dare rimedi e informazioni utili su Come disintossicare i polmoni dalla nicotina e dal catrame. Questa domanda spesso sorge dal fatto che molti fumatori non riuscendo a smettere di fumare, cercano un valido rimedio per poter comunque preservare la salute del proprio apparato respiratorio ed evitare malattie mortali ai polmoni o comunque riuscire a respirare meglio evitando la comparsa delle classiche patologie da fumatore come la bronchite, l’enfisema o la polmonite. Vediamo dunque come e se è possibile disintossicare i polmoni dalla nicotina anche senza smettere di fumare, sapendo che l’unico modo certo per liberare i polmoni dal catrame accumulato in anni di fumo di sigaretta inspirato è proprio quello di smettere di fumare.

Leggi tutto “Disintossicare i polmoni: Rimedi per pulire i polmoni da nicotina e catrame”

Un gioco facile facile per migliorare la motricità dei bambini

Solo quando ogni attività del corpo umano funziona alla perfezione, si può parlare di stato di salute ottimale. La quantità di apparati da lubrificare ed allenare nel nostro corpo è davvero enorme, se si parte fin da quando si è bambini però, si può riuscire da adulti ad mantenere uno stato di salute ottimale a 360 gradi senza troppi sforzi.

Un aspetto che spesso è trascurato è quello della motricità di base, anche da quelle che dovrebbero essere strutture preposte a tale miglioramento personale come quelle sportive. Con il giusto sviluppo della motricità in età infantile, un bambino/a può imparare non solo a coordinare meglio movimenti delle diverse parti del corpo, ma può anche imparare a percepire la presenza del suo corpo rispetto al mondo che lo circonda e rispetto agli altri individui.

Leggi tutto “Un gioco facile facile per migliorare la motricità dei bambini”

Acari: Cosa sono e come evitare che si annidino in camera da letto

Gli acari sono microrganismi le cui tracce sulla Terra risalgono a circa 290 milioni di anni fa, essi sono microrganismi viventi e la maggior parte di questi minuscoli animali non arriva a crescere oltre il mezzo millimetro di grandezza, anche se in alcuni casi possono raggiungere dimensioni consistenti ( 2 cm) ed anche essere visibili ad occhio nudo. Esistono diverse specie di acari (qui una Classificazione degli acari), che possono essere distinte in funzione della loro permanenza più o meno lunga ad infestare vegetali o animali e scatenando infestazioni dette acariasi ovvero patologie della pelle scatenate proprio dalla presenza di acari.

Leggi tutto “Acari: Cosa sono e come evitare che si annidino in camera da letto”

Fumare fa ingrassare o dimagrire?

Siamo arrivati alla terza puntata di questo nostro viaggio contro il fumo, siamo passati dall’offrire gratuitamente un metodo per smettere di fumare, a spiegare perchè non bisogna avere timore di ingrassare se si smette di fumare. Oggi vogliamo cercare di risolvere un dubbio che spesso aleggia intorno a questo argomento: Ma fumare fa ingrassare o dimagrire?.

Leggi tutto “Fumare fa ingrassare o dimagrire?”

Smettere di fumare fa ingrassare?

Se hai deciso di toglierti finalmente il vizio delle sigarette perchè hai letto il mio precedente articolo su come smettere di fumare gratis e senza aiuto, ma non sei deciso al 100% perchè hai paura di ingrassare, devi assolutamente leggere questo articolo che ti spiega se è vero oppure è soltanto una diceria che smettere di fumare fa ingrassare.

Innanzitutto ti faccio i miei complimenti, perchè porsi l’obiettivo di smettere di fumare è probabilmente la meta più importante da raggiungere nella tua vita in tema di miglioramento della salute in generale.

Proprio in virtù di quanto appena detto, e cioè che smettere di fumare porta vantaggi a livello di salute nel corpo umano a 360 gradi, non trovo giusto non perseguire questo obiettivo solo perchè si ha paura che smettendo di fumare si possa iniziare ad ingrassare.

Leggi tutto “Smettere di fumare fa ingrassare?”

Yoga: la disciplina per il benessere del corpo e della mente

Negli ultimi anni una disciplina che ha preso sempre più piede in tutto il mondo, è sicuramente lo yoga. Di origine orientale questa pratica di meditazione, è diventata una vera e propria disciplina per la tonificazione del corpo ma anche per l’esplorazione di se stessi e il rilassamento della mente.

Ciò che rende unica questa disciplina, infatti, è proprio il connubio tra attività fisica e liberazione della mente, lo yoga aiuta a liberarsi dallo stress, a eliminare il peso della giornata lavorativa e insieme tonifica il corpo aiutando a modellarlo per ottenere una silhouette armoniosa, non ingrossa i muscoli ma li rende lineari e al contempo forti. La pratica costante dello yoga innesca nel corpo un’azione brucia grassi, aiutando ad accelerare il metabolismo basale dell’individuo.

Leggi tutto “Yoga: la disciplina per il benessere del corpo e della mente”

Agire per tempo con gli integratori per fegato

Sovrappeso, fegato ingrossato, problemi digestivi, steatosi epatica, tutti segnali più o meno gravi di un fegato in difficoltà. Al centro del metabolismo, il fegato ci aiuta ad eliminare scorie e metaboliti di scarto. Tutto ciò di cui non abbiamo più bisogno o tutto ciò di potenzialmente tossico per l’organismo deve passare per il fegato che ha il delicato compito biologico di detossificare l’organismo in toto. Ecco perché un fegato appesantito e non al pieno delle sue funzionalità crea non pochi problemi alla nostra salute. Cosa fare dunque?

Un aiuto completamente naturale ci arriva dagli integratori per fegato, specifici prodotti destinati ad integrare la comune dieta e in grado, se assunti con regolarità e costanza, di ripristinare una buona funzionalità epatica. Parola d’ordine: intervenire per tempo. Ovviamente più tardi si interviene e più serie saranno le complicanze a carico dell’organo, con il rischio che da soli gli integratori per fegato non riescano ripristinare un sano stato di salute.

Ma cosa sono gli integratori per fegato

Per integratori per fegato si intende una numerosa cerchia di prodotti, integratori alimentari, costituiti da pregiati estratti vegetali noti per le loro capacità coleretiche e colagoghe in primis. Gli integratori per fegato costituiscono una potente arma detossificante e disintossicante nei confronti di tutte quelle tossine e scorie accumulate nel tempo e che hanno bisogno di essere eliminate.

Parliamo di fitoestratti come il carciofo, il tarassaco, il cardo mariano, la betulla, il boldo, il crisantemo americano, l’erba medica e ad altri estratti vegetali spesso associati in grado di lavorare sull’apparato digerente nel suo complesso, ripristinando anche una buona funzionalità digestiva oltre che epatica.

Cardepat e Liver Health due noti integratori per fegato

Nell’ambito dell’ampia schiera di prodotti reperibili nelle maggiori erboristerie e parafarmacie, due integratori per fegato destano notevole interesse data la vincente sinergia dovuta ai preziosi ingredienti contenuti. Parliamo del Cardepat (nella sua versione anche composta nota come Cardepat-T) e del Liver Health. Due integratori per fegato diversi, tali da trattare differenti problematiche a carico del fegato.

Al cardepat vanno i meriti di cui sopra, al Liver Health il pregio oltre che di sostenere la funzionalità epatica quella importante di stimolare la produzione di glutatione, centrale complesso enzimatico epatico il cui compito è proprio quello di smaltire composti xeno biotici, ossia estranei all’organismo. Farmaci compresi!

Sisel Italia e il caffè del benessere

Con prodotti eccellenti per la Salute, il Wellness e la
perdita di peso, i siti web di Sisel International hanno una
grande propensione all’acquisto da parte dei potenziali
clienti. Troverai sul web centinaia di testimonianze
impressionanti sui prodotti di Sisel, che offrono risultati
mai raggiunti prima da tutti gli altri prodotti presenti sul
mercato. I prodotti sono suddivisi in Divisioni specifiche per facilitarne la comprensione
e gli utilizzi.
Per capire perché sostituire i prodotti che usi giornalmente in casa con la tua famiglia con
i nuovissimi prodotti Sisel, sicuri per persone, animali ed ambiente, visiona il video su:

Leggi tutto “Sisel Italia e il caffè del benessere”

Ridurre lo stress quotidiano con yoga ed ayurveda

SpaDreams1

La sindrome da burn-out è un fenomeno tipico dei frenetici tempi moderni. Sempre più persone non riescono a far fronte, nella vita privata e professionale, a tali sovraccarichi. Ne consegue una mancanza di tranquillità e di energia. La filosofia di guarigione dell’ayurveda è l’ideale per combattere i sintomi dello stress e ritrovare la pace interiore. Curare la sindrome da burn-out corrisponde, nell’ayurveda, a spegnere “l’incendio” nella vita dell’individuo. A causa degli squilibri interiori sorgono disturbi e disagi. Lo yoga e l’ayurveda sono in grado di contrastare efficacemente stress ed esaurimento. Differenti trattamenti e tecniche, insieme all’alimentazione ayurvedica, possono ripristinare la giusta energia vitale. I soggetti colpiti dovrebbero anzitutto individuare le cause del disturbo e, per quanto possibile, intervenire su di esse. Un terapeuta ayurvedico può essere d’aiuto nel trovare la motivazione per affrontare il necessario cambiamento.

Asian herb tea on an old rustic table

Alimentazione ayurvedica – una fonte d’energia

La dieta ayurvedica dona al corpo, grazie all’utilizzo di alimenti preziosi, nuova energia e vigore. Particolarmente raccomandati sono miele e latte, burro chiarificato e Chyawanprash, ed ancora ginseng indiano ed erba di grano. Tali sostanze sono adattate alle esigenze individuali del soggetto colpito da stress e da sindrome da burn-out. Tra gli integratori alimentari annoveriamo, ad esempio, il Tangara, noto per il suo effetto calmante oppure il Tulsi ed il Brahmi.

yoga lifestyle woman

Meditazione e movimento

Nell’ayurveda, la meditazione è considerata come un portentoso metodo di guarigione e dovrebbe essere praticata regolarmente. Lo yoga è una antica disciplina del movimento, in grado di offrire armonia tra corpo, mente ed anima. Particolari esercizi e tecniche di respirazione aiutano efficacemente a combattere lo stress e, allo stesso tempo, contrastano ogni forma di burn-out. L’offerta di corsi yoga ed ayurveda è particolarmente vasta. È necessario però apprendere in precedenza le varie tecniche, le modalità di meditazione e di nutrizione. Tutti coloro che desiderino approfondire in modo intensivo questi argomenti ed intendano acquisire una certa esperienza, possono optare per un viaggio ayurveda, nel quale sono inoltre proposte sessioni di yoga. Tour operator specializzati, come SpaDreams, raggiungibile all’indirizzo www.spadreams.it/, propongono offerte interessanti nei paesi più belli del mondo. Un viaggio di questo tipo potrebbe essere la base per una vita sana e piena di energia. Gli ospiti qui godranno non solo dei migliori trattamenti ayurvedici, ma apprenderanno anche le conoscenze di base dell’ayurveda, dell’alimentazione ayurvedica e dello yoga. Teoria e pratica vengono trasmessi nel contesto dei magnifici paesaggi degli Hotel ayurvedici e delle strutture turistiche.

Che cos’è e a cosa Serve la Fisioterapia

I fisioterapisti, specialisti laureati in medicina, aiutano le persone colpite da lesioni, malattia o disabilità a guarire attraverso il movimento e l’esercizio fisico, terapia manuale, l’istruzione e la consulenza. Si occupano di tutto quello che riguarda l’apparato motorio e ristabiliscono il giusto equilibrio ai pazienti di tutte le età gestendo il dolore e prevenendo future malattie.

La fisioterapia contribuisce a favorire lo sviluppo e a facilitare il recupero dopo un trauma, ad esempio una caduta, oppure un’operazione chirurgica consentendo alle persone di tornare alle normali attività aiutandoli a rimanere indipendenti il ​​più a lungo possibile.

La fisioterapia è una professione basata sulla scienza e adotta un approccio “tecnico-motorio” che include un’anamnesi del paziente a cui vanno fatte alcune domande con lo scopo di approfondire il suo stile di vita per giungere alla causa del problema. Al centro c’è proprio il coinvolgimento del paziente attraverso l’educazione, la consapevolezza, la responsabilizzazione e la partecipazione al trattamento.

È possibile usufruire della fisioterapia in qualsiasi momento della tua vita, non solo in seguito ad un trauma o dolore, ma anche per migliorare una condizione e stile di vita. La Fisioterapia aiuta ad esempio a combattere i dolori lombari o le lesioni improvvise, la gestione di condizioni di salute a lungo termine, come l’asma ed è indicata anche nella preparazione al parto o per prepararsi ad un evento sportivo.

La fisioterapia è una professione sanitaria che deve essere esercitata solo da professionisti laureati nella materia specifica. I Fisioterapisti usano la loro conoscenza e le competenze per migliorare una serie di condizioni associate ai diversi sistemi del corpo umano, come ad esempio:

-Patologie Neurologiche (ictus, sclerosi multipla, Parkinson)

-Patologie Neuromuscoloscheletriche (mal di schiena, colpo di frusta associata disturbo, lesioni sportive, artrite).

-Problemi cardiovascolari (malattie cardiache croniche, riabilitazione dopo infarto)

-Patologie respiratorie (asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, fibrosi cistica).

Fisioterapia per il mal di schiena: è una delle patologie piú invalidanti.  Si tratta di un disturbo muscolo-scheletrico che comprende anche il dolore al collo causate spesso da lesioni da sforzo ripetitivo. Una delle cause principali del mal di schiena è infatti il lavoro che si svolge, malattia dal lavoro.

La fisioterapia è estremamente efficace in questo caso. In uno studio, l’80 per cento delle persone che trattate con la fisioterapia hanno risolto il problema e sono tornate al lavoro in breve tempo.

Il mal di schiena ha una grande varietà di cause, di riprendere anche un pacco pesante in modo non corretto di spendere troppo a lungo in una posizione.Sentirsi molto ansioso o stressato può peggiorare il vostro dolore. E ‘raramente a causa di un grave problema di salute.

Ricordiamo che per esercitare il Senato ha previsto l’iscrizione all’ albo anche se il disegno di legge specifico è ancora in fase di approvazione.

Quanta acqua bere: tutto quello che devi sapere



Quanta acqua bere? Spesso si dice che bisogna bere due litri d’acqua al giorno per fare in modo che il nostro organismo riesca a svolgere bene tutte le sue funzioni. per poter rispondere a questa affermazione dobbiamo prima valutare correttamente quanta acqua il nostro organismo utilizza e quanta ne viene effettivamente consumata.

Quanta acqua bere dunque?

Per valutare bene quanta acqua bere, bisogna capire bene il concetto di equilibrio dell’acqua nel corpo umano. Oltre 1 litro, è la quantità di  acqua che viene espulsa ogni giorno dal nostro corpo tramite la respirazione, mentre oltre 1 litro e mezzo è la quantità di acqua che viene espulsa dal corpo tramite la sudorazione, l’urina e le feci. La perdita di acqua da parte del nostro organismo assume poi variazioni in termini quantitativi  a seconda di diversi fattori, come ad esempio quando abbiamo una maggiore sudorazione oppure siamo influenzati con conseguente vomito.

Leggi tutto “Quanta acqua bere: tutto quello che devi sapere”

Terme e benessere


SaluteBenessereItalia,stimata ed apprezzata dai turisti di tutto il mondo per i suoi tesori artistici, i suoi musei e le sue bellezze naturali siano esse isole, mari oppure montagne. L’italia è però anche una terra ricca di acque termali, i cui effetti benefici sull’organismo erano già conosciuto dai Romani e ancora prima dagli Etruschi. Si tratta di un vero e proprio tesoro che sgorga dalle profondità della terra il cui utilizzo riesce a curare e prevenire molti disturbi dell’apparato cutaneo, osseo, urinale e delle vie respiratorie.



SaintVincenteGirolando vi porta in un viaggio attraverso le regioni italiane alla scoperta dei migliori centri termali, molti dei quali sorgono negli stessi luoghi ove sorgevano impianti di origine romana. Si tratta di centri all’avanguardia dotati di strumentazione all’avanguardia dove si praticano le più moderne cure e che si prendono cura della salute e del benessere dei propri ospiti fin nei minimi dettagli.



Un modo sano e naturale per coccolare il proprio corpo e godersi qualche ora di relax in luoghi immersi in splendidi paesaggi naturali. Si tratta di un modo insolito per conoscere l’ltalia ma sicuramente non ne rimarrete delusi vista la straordinaria bellezza dei paesaggi e delle strutture.

Benefici del caffè sull’ organismo



Il caffè ha varie proprietà benefiche, è facile trovare in rete informazioni su come sia possibile ad esempio fare passare il mal di testa semplicemente bevendo del caffè. ovviamente, questa è una mezza verità, in quanto il dolore alla testa passa soltanto a chi è abituato a farselo passare così e dunque non è un rimedio scientificamente appurato.

Le altre proprietà benefiche per il benessere e salute del corpo umano che ha questa bevanda nera, sono varie, come ad esempio :

Leggi tutto “Benefici del caffè sull’ organismo”

La sauna riduce il rischio di infarti



La sauna, è un momento di pace, rilassamento e si è scoperto che riduce il rischio di infarti e problemi cardiovascolari.

Secondo ricerche scientifiche, fatte in Finlandia da un gruppo di esaminatori dell’ ateneo di Kuopio, ha misurato il pericolo di morte cardiaca improvvisa, di patologie coronariche e cardiovascolari. Tale test è stato fatto su 2 mila persone di mezza età, questo esame si è prolungato per 21 anni.

Leggi tutto “La sauna riduce il rischio di infarti”

Benessere e sigarette elettroniche

Sempre di più, si vedono in giro persone che fumano la sigaretta elettronica.  Essa è molto simile alla sigaretta tradizionale, però sotto alcuni aspetti è diversa, non puzza, non produce cenere ne mozziconi  (dove le nostre strade sono inondate da essi ), ma molto importante non danneggia l’ ambiente.

La sigaretta elettronica, ha una forma diversa di quella classica infatti è più grande e di vari colori, è stata ideata per  sopprimere i danni prodotti dalle sostanze nocive di quella classica.

Leggi tutto “Benessere e sigarette elettroniche”

Centri benessere

I centri benessere, sono sempre più in forte aumento, perché le persone hanno capito che il benessere del corpo è indispensabile, non basta più rilassarsi un po’ su un letto o un divano per far si che lo stress e la stanchezza accumulata durante giorni di duro lavoro, passino così velocemente.

Sempre più persone si affidano alle cure di questi paradisi che rispondono al nome di centri benessere.

Leggi tutto “Centri benessere”