I Filler Dermali per il ringiovanimento e le rughe

La medicina estetica ha fatto passi da gigante negli ultimi anni ed è sempre più utilizzata da uomini e donne che la richiedono per migliorare il proprio aspetto fisico. Non solo interventi estetici invasivi come lifting endoscopico del viso, liposuzione e mastoplastica, ma soprattutto ritocchi leggeri dagli effetti limitati nel tempo.
Si chiamano filler dermali, e vengono utilizzati per rimpolpare le labbra, per togliere le zampe di gallina, per riempire guance cadenti e per dare luminosità al volto. Non c’è bisogno del bisturi del chirurgo, niente anestesia totale e prezzi ridotti. Il rovescio della medaglia, come detto, è rappresentato dagli effetti, che sono limitati nel tempo. Dopo 4-8 mesi tutto ritorna come prima anche se possono essere effettuati più interventi nel corso degli anni.

Leggi tutto “I Filler Dermali per il ringiovanimento e le rughe”

L’olio d’oliva : dalla cucina alla cosmesi

Prodotto simbolo della cucina mediterranea, l’olio d’oliva, naturale al 100%, può essere utilizzato anche come cura di bellezza, in quanto sin dall’antichità viene riconosciuto nella medicina e nella cosmesi, appunto. E poi perché è idratante, emolliente, antiossidante, antinfiammatorio, antidolorifico e stimolante delle rigenerazione cellulare.

Leggi tutto “L’olio d’oliva : dalla cucina alla cosmesi”

Avvicinarsi all’ alimentazione crudista

Il crudismo è un ottimo modello alimentare, ma per arrivare ad essere crudista si deve fare un passo alla volta, altrimenti si può rischiare di cadere in effetti indesiderati troppo pesanti per il nostro organismo, che poi successivamente potrebbero farci cambiare idea su questo tipo di alimentazione.
Questa alimentazione ci permette di essere in contatto con la natura, facendoci sentire quella straordinaria sensazione di benessere di uno stile di vita sano, infatti oggi sempre più persone si informano su questo tipo di alimentazione per iniziare a nutrirsi in modo crudista.

Leggi tutto “Avvicinarsi all’ alimentazione crudista”

Attenzione all’ etichetta dell’ acqua confezionata

l’ acqua confezionata, cioè l’acqua che troviamo nelle bottiglie,  viene diffusa e disciplinata  sia a livello locale che nazionale, esse viene estrapolata sia da fonti sotterranee, sia da fonti pubbliche, sia da sorgenti ma comunque viene ispezionata  per evitare la possibilità di inquinamento. Tali fonti  vengono protette da vari elementi come, salvaguardia delle fonti,  osservazione della sorgente, osmosi inversa, filtrazione, micro- filtrazione, filtrazione a carbone,  attraverso i raggi UV, ozonizzazione, o attraverso altri processi efficaci.

Leggi tutto “Attenzione all’ etichetta dell’ acqua confezionata”

L’arte del massaggio

Il massaggio è la pratica terapeutica più antica utilizzata da tutte le culture del mondo per i suoi riconosciuti benefici. Nel 2700 a.c., in un trattato cinese vengono descritti i diversi tipi di massaggio, mentre, alcuni secoli dopo, la conosciuta e tanto apprezzata Ayurveda avviava il massaggio come pratica volta alla salute del corpo e della mente.

Leggi tutto “L’arte del massaggio”

Fai la spesa ? cosa nasconde il supermercato ?

Molti supermercati nascondono molti segreti di cui noi, anche se esperti di edulcoranti, conservanti, additivi e ben attenti alle etichette dei prodotti che acquistiamo, ne siamo completamente all’oscuro.

Ma cerchiamo di capire meglio e approfondire dei piccoli segreti che ci aiutano a scegliere la genuinità di quello che mangiamo. 1. La linea del freddo. Spesso ci preoccupiamo di controllare soltanto la scadenza dei cibi, trascurando l’aspetto con cui si presentano.

Leggi tutto “Fai la spesa ? cosa nasconde il supermercato ?”

Stitichezza rimedi: 6 rimedi naturali e soprannaturali per la stipsi

Prima di leggere tutto sulla stitichezza e i tanti rimedi alla stipsi che ti suggeriamo per alleviare i sintomi e curarla in caso di patologia cronica, se sei qui perchè devi fare la cacca SUBITO e dunque vuoi un rimedio che ti aiuti ad andare di corpo ADESSO qualunque sia il motivo della tua improvvisa stitichezza clicca sul link seguente.

RIMEDI PER FARE CACCA SUBITO

Cerchi rimedi alla stitichezza? non riesci a fare la cacca? hai la pancia gonfia e dura a causa della costipazione? In questo articolo sono racchiusi i migliori rimedi contro la stitichezza che allevieranno i sintomi della stipsi e ti consentiranno di andare di corpo regolarmente. Prima di elencarti i rimedi per la stitichezza tra i quali leggerai quali sono gli alimenti giusti, la postura corretta, e la respirazione ottimale per riuscire a ritrovare lo stimolo, parliamo di stitichezza in generale e più precisamente di:

  • Sintomi della stitichezza
  • Perchè succede
  • Come fare la cacca
  • Errori da evitare

Stitichezza

In medicina, è definita stitichezza quella condizione patologica in cui vengono emesse feci scarse, solide e minuscole.

Aiuto cerco un rimedio alla stitichezza!

cerco rimedio stitichezza

Se sei tra quelli che esclamano… “soffro di stitichezza mi serve un rimedio!” fermati un attimo e continua a leggere. Spesso si associa subito il problema del non riuscire ad andare di corpo alla stitichezza senza però conoscere neanche i sintomi e affidandosi a cure che non risolvono il problema.

Leggi tutto “Stitichezza rimedi: 6 rimedi naturali e soprannaturali per la stipsi”

Miti da sfatare per un alimentazione corretta

Per una alimentazione corretta, in modo da stare bene e mantenerci in gran forma, è opportuno mangiare frutta e verdura, assolutamente è da evitare la carne rossa, i pub dove ti servono carne e le bevande tropo zuccherate, un buon esercizio fisico è sempre utile.

Il dr. Oz secondo le sue ricerche ha rivelato 4 miti fasi inerente alla dieta.

Leggi tutto “Miti da sfatare per un alimentazione corretta”

Qualità dell’ acqua di casa con i filtri

E’ opportuno conoscere, quali sono gli artefici che inquinano la nostra acqua, in modo da poter risolvere il problema. Essi sono di vario genere, ma l’ importante è riuscire a eliminare il disagio.  Per capire se la vostra acqua è inquinata, bisogna rivolgersi all’ amministrazione regionale o nazionale.

Nelle 13 città degli U.S.A., si sono fatti dei test e non tutte potevano provare di non avere profanazioni sulla qualità dell’acqua, non ostante i condotti idrici erano integri. Per avere delle risposte inerente alla qualità dell’ acqua, bisogna rivolgersi a laboratori specifici o all’ azienda sanitaria locale, le quali di solito offrono a prezzi bassi, kit o test per poi dirvi se avete bisogno di filtri per l’ acqua.        

Leggi tutto “Qualità dell’ acqua di casa con i filtri”

Proteggersi dagli agenti patogeni degli alimenti

la frutta e la verdura viene ogni giorno consumate in gradi quantità, ma un procedimento da fare assolutamente è quello di lavarle con molta cura, molte persone credono che quelle organiche non debbano essere lavate, ma è sempre opportuno risciacquarle.

La frutta e la verdura per essere coltivato senza l’ aggressione di insetti, vengono spruzzati su essi i pesticidi, assumere una picola dose di essi, non comporta nulla per il nostro organismo, ma se invece non si lavano bene, si potrebbe assumere un agente patogeno il quale è molto dannoso alla vita stessa.

Leggi tutto “Proteggersi dagli agenti patogeni degli alimenti”

Etichette nutrizionali nelle mense

L’Affordable Care Act, raccomandano le etichette del valore nutrizionale degli alimenti e a sua volte garantite anche dalla riforma sanitaria di Obama negli Stati Uniti e dall’inglese United Kingdom’s Responsibility Deal, sostenute anche e da  agenzie sanitarie, non tutti credono che tali sostenimenti siano davvero reali.

Infatti molti ricercatori, facendo indagini diverse del valore nutrizionale dei prodotti,   non tutti sono giunti alla stessa conclusione. Secondo alcune fonti, si è scoperto che all’ Università di Glasgow, sita in Scozia, i nutrizionisti etichettavano solo alcuni piatti per tutta la durata dell’ anno di lezione, mentre nel secondo hanno le etichette vennero fatte in maniera più grande e colorata, facendo rimanere senza parole chi era responsabile della mensa, perché vi è stato un notevole benefici circa il 33% di alimenti primari.

Leggi tutto “Etichette nutrizionali nelle mense”

Perchè il ristorante mette a rischio la salute a volte

Quando si esce fuori a cena non si devono trascurare alcune piccole verità nascoste del settore della ristorazione che ci potrebbero far cambiare il nostro modo di mangiare fuori casa. 1. Non tutti sanno, anzi forse nessuno, che il rischio di intossicazione alimentare aumenta dopo le 20.00.

Leggi tutto “Perchè il ristorante mette a rischio la salute a volte”

L’apparato circolatorio

L’apparato circolatorio, costituito da un sistema di canali comunicanti nei quali scorre il sangue (vasi sanguigni) o la linfa (vasi linfatici), presenta come centro motore il cuore, organo muscolare cavo situato nei torace e paragonato per la sua funzione ad una pompa aspirante e premente per tutta la circolazione sanguigna.

Leggi tutto “L’apparato circolatorio”

Circolazione sanguigna

Nell’ apparato circolatorio, come si é detto, dobbiamo distinguere un centro motore, il cuore, dei vasi che da esso si dipartono, le arterie, dei vasi che ad esso giungono, le vene, ed una estesa rete di vasi capillari, i quali sono situati in tutti i tessuti e sono interposti fra le arterie e le vene; i capillari propriamente detti, infatti, non sono né arterie né vene, ma rappresentano la continuazione degli ultimi rami delle arterie ed a loro volta costituiscono l’origine dei rami venosi.

Leggi tutto “Circolazione sanguigna”

Il cuore

Il cuore rappresenta il centro di tutta la circolazione sanguigna ed è destinato, mediante la
sua contrazione ritmica, ad assicurare un movimento continuo alla massa sanguigna. Questo organo è posto nella parte mediana della cavità toracica e più precisamente nello spazio esistente fra i due polmoni, denominato mediastino; in basso è appoggiato sul muscolo diaframma, il quale lo separa dai visceri della cavità addominale sottostante; anteriormente corrisponde alla parete sterno-costale e posteriormente al tratto di colonna vertebrale compreso fra la IV e l’VIII vertebra toracica.
Il cuore, contenuto in un sacco fibroso detto pericardio che lo isola dagli organi circostanti
(polmoni, esofago, timo, aorta, ecc.) e nello stesso tempo lo fissa in basso al diaframma, presenta la forma di un cono appiattito dall’avanti all’indietro, a base superiore ed apice
inferiore.

A causa della obliquità del suo asse, il cuore risulta situato per un terzo del suo volume a destra della linea mediana e per due terzi a sinistra. Quella parte della parete anteriore del torace corrispondente al cuore prende il nome di regione precordiale o area cardiaca: essa nel vivente può essere delimitata con la percussione o, più sicuramente, col metodo radiologico.
Nella zona del torace corrispondente all’apice del cuore può essere rilevata, con l’ispezione o con la palpazione, una pulsazione sincrona con i battiti cardiaci e dovuta alla trasmissione
della contrazione cardiaca alla parete toracica. Tale pulsazione, che prende il nome di itto della punta, risulta localizzata all’apice cardiaco, poiché quest’ultima é la porzione del cuore più vicina alla parete toracica.

 

Caratteristiche anatomiche del cuore

anatomia del cuore

Il cuore, essendo principalmente costituito da tessuto muscolare, ha un colorito rossastro; peraltro sulla sua superficie esterna spiccano delle chiazze gialle, dovute ad accumuli di grasso. Il suo volume, variabile a seconda della età e del sesso, è stato paragonato a quello del pugno del soggetto cui appartiene; comunque nell’adulto presenta una lunghezza di circa
cm 10, una larghezza di cm 11 ed uno spessore di cm 5; la circonferenza della sua base raggiunge cm 26 circa.

ll peso del cuore, anch’esso variabile in rapporto al soggetto, e in genere maggiore nei maschi rispetto alle femmine: come limite massimo si può considerare g 350 nell’uomo e g 300 nella donna. Valori superiori denotano un ingrossamento patologico cli questo organo e cioè una ipertrofia cardiaca; oppure sono dovuti ad allenamento sportivo agonistico. La capacita totale del cuore corrisponde in media a circa cc 500.
Data la sua forma, nel cuore si possono distinguere una faccia anteriore, o sterno-costale, una faccia posteriore o diaframmatica, un margine destro, acuto, un margine sinistro, ottuso, una base ed una punta od apice.
Il cuore e diviso in due meta, destra e sinistra, ciascuna delle quali e formata da un atrio, di forma grosso modo cubica, che corrisponde alla base del cuore, e da un ventricolo di forma conoide che arriva fino alla punta; la cavità di ciascun atrio comunica con quella del rispettivo ventricolo mediante un orifizio atrio-ventricolare, ma non esistono comunicazioni fra le cavità destre, contenenti sangue venoso, e le cavità sinistre, contenenti sangue arterioso, poichè sia i due atri che i due ventricoli sono separati in maniera completa da una parete continua detta rispettivamente setto interatriale e setto interventricolare.
Esaminando esternamente il cuore, si osservano: un solco trasversale circolare, detto solco coronario o atrio-ventricolare, il quale segna il limite della porzione atriale da quella ventricolare sottostante, e due solchi longitudinali (interventricolari), anteriore e posteriore, i quali originano dal solco coronario e si dirigono verso la punta del cuore continuandosi l’uno
nell’altro, e separando perciò sulle due facce del cuore i due ventricoli. Anche gli atri sono divisi l’uno dall’altro, all’esterno, da un leggero solco, interatriale, visibile solo sulla faccia
posteriore.
Gli atri nel loro insieme formano una specie di cupola applicata sulla base dei ventricoli; la loro faccia anteriore e nascosta dalle due grosse arterie, tronco polmonare ed aorta, le
quali originano rispettivarnente dalla base del ventricolo destro e del ventricolo sinistro e portandosi in alto vengono accolte in una specie di doccia scavata nella faccia anteriore degli
atri. Ciascun atrio si prolunga lateralmente ed anteriormente in una specie di piccola appendice conica, detta auricola, la quale abbraccia la porzione iniziale dei grossi vasi arteriosi.
Nella faccia posteriore dell’atrio destro sboccano in alto la vena cava superiore ed in basso la vena cava inferiore ed il seno coronario; nella faccia posteriore dell’atrio sinistro sboccano le quattro vene polmonari. Sezionando il cuore, possiamo rilevare l’aspetto delle cavità che lo compongono: come si e detto, le cavità di destra sono completamente separate da quelle di sinistra dal setto interatriale ed interventricolare.
Gli atri hanno una parete assai sottile (circa mm 1-3 di spessore); il ventricolo sinistro ha una parete circa tre volte più spessa del ventricolo destro (mm 12-13 per il ventricolo sinistro, mm 4 per il ventricolo destro). La differenza di spessore della parete dei due ventricoli e dovuta al fatto che il ventricolo sinistro deve spingere con la sua contrazione il sangue in tutto il corpo, mentre il ventricolo destro si limita ad inviare il sangue ai polmoni, organi molto vicini al cuore stesso.

I due ventricoli presentano una parete in comune, il setto interventricolare, spessa circa mm 10-15, la quale ha una faccia destra convessa ed una faccia sinistra concava: per tale ragione in sezione trasversale la cavità ventricolare destra presenta una forma semilunare, mentre la cavità ventricolare sinistra assume una forma pressoché circolare.
La superficie interna dei ventricoli, contrariamnte alla superficie esterna che e liscia, e assai irregolare per la presenza di fasci muscolari (trabecole muscolari o colonne carnose del
cuore) che sporgono dalla parete stessa, intrecciandosi variamente. Delle trabecole muscolari alcune aderiscono per tutta la loro lunghezza alla parete del ventricolo (colonne carnose di terzo ordine), altre sono libere nel tratto intermedio e sono congiunte alla parete ventricolare esclusivamente con le loro due estremità (colonne carnose di secondo ordine), altre, infine, le più importanti (colonne carnose di primo ordine o muscoli papillari), si impiantano sulla parete ventricolare solo con una loro estremità, mentre con l’altra si continuano con dei sottili tendini, le corde tendinee, le quali vanno a prendere inserzione sulle valvole atrio-ventricolari. Fra le trabecole di secondo ordine, assai numerose in ambedue le cavità ventricolari, una, situata sulla parete settale del ventricolo destro, e assai sviluppata e prende il nome di trabecola setto-marginale o trabecola arcuata di
Leonardo da Vinci, che per primo la descrisse.
La base di ciascun ventricolo presenta due orifizi a contorno circolare, dei quali il posteriore, più grande, comunica col soprastante atrio ed e detto perciò orifizio od ostio atrioventricolare, e l’anteriore mette in comunicazione il ventricolo con il tronco arterioso che da esso origina (arteria polmonare per il ventricolo destro ed aorta per il sinistro), ed e detto perciò orifizio od ostio arterioso. Tutti questi orifizi sono provvisti di un apparato valvolare il quale permette il passaggio di sangue solo in un senso e regola perciò la direzione del flusso ematico.

L’orifizio atrio-ventricolare destro e fornito di una valvola detta tricuspide: essa è formata da tre lembi membranosi triangolari (cuspidi), i quali con la base si inseriscono sul contorno dell’orifizio stesso e con l’apice libero si spingono nella cavità ventricolare. I muscoli papillari rivestono una importanza estrema in quanto contraendosi, e perciò accorciandosi, contribuiscono a determinare l’apertura della valvola stessa e soprattutto con la loro presenza ne regolano anche la chiusura, impedendo che i lembi valvolari possano rovesciarsi verso la
cavità atriale.
L’orifizio atrio-ventricolare sinistro e provvisto di una valvola simile all’ostio di destra, con la sola differenza che i lembi valvolari sono in numero di due, anteriore e posteriore; per tale
ragione questa valvola, bicuspide, e stata paragonata alla mitra dei vescovi ed e detta perciò anche valvola mitrale. Sulla faccia esterna delle due cuspidi prendono inserzione le corde tendinee dei due muscoli papillari presenti nella cavità ventricolare sinistra.
Le valvole degli osti arteriosi, rispettivamente polmonare per il ventricolo destro ed aortico per il ventricolo sinistro, prendono il nome di valvole semilunari: esse sono costituite ciascuna da tre pieghe membranose (lembi) che nel complesso conferiscono alla valvola una forma a nido di rondine. Nell’ostio polmonare i tre lembi sono situati uno anteriormente e
due posteriormente, mentre nell’ostio aortico sono collocati due anteriormente ed uno posteriormente. Data la loro disposizione le valvole semilunari permettono il passaggio del
sangue dalla cavita ventricolare al rispettivo tronco arterioso, ma non viceversa.
La superficie interna dell’atrio sinistro e quasi liscia mentre quella dell’atrio destro presenta numerose creste muscolari sopraelevate ed in genere parallele le une alle altre, dette muscoli
pettinati. Nella faccia inferiore di ciascun atrio si osserva il rispettivo ostio atrio-ventricolare che, per la presenza dei suddetti lembi valvolari, visto dall’alto assume la forma di un imbuto. Nella faccia posteriore dell’atrio destro, in alto ed in vicinanza del setto interatriale, si nota un orifizio circolare di circa cm 2 di diametro, che rappresenta lo sbocco della vena
cava superiore, mentre più in basso si notano altri due orifizi ciascuno dei quali e fornito di un lembo valvolare incomplete: il più grande, di circa cm 3 di diametro, rappresenta lo sbocco della vena cava inferiore ed e provvisto della valvola di Eustachio, mentre il più piccolo del diametro di circa cm 1, rappresenta lo sbocco del seno coronario ed é fornito della
valvola di Tebesio. Nella faccia posteriore dell’atrio sinistro esiste lo sbocco delle quattro vene polmonari, prive di lembi valvolari.
La superficie esterna del cuore e rivestita da una sottile membrana sierosa, trasparente, detta epicardio; questo in alto si prolunga a rivestire la porzione iniziale dei grossi vasi che
giungono o partono dal cuore (peduncolo vascolare), indi a tale livello si riflette e, col nome di pericardio, ricopre la superficie interna del sacco fibroso pericardico. Fra epicardio e pericardio viene delimitata una sottile cavità pericardica, la quale circonda completamente il cuore ed essendo bagnata da un liquido leggermente vischioso facilita i movimenti del cuore
stesso. L’epicardio é costituito da uno strato di cellule di tipo epiteliale, molto appiattite ed applicate sulla tonaca propria; esso e inoltre congiunto al muscolo cardiaco mediante il connettivo sottoepicardico, nel quale decorrono all’inizio i rami delle arterie coronarie, sovente circondati da tessuto adiposo.

Le cavità interne del cuore sono tappezzate da una sottile membrana, l’endocardio, la quale appare liscia e biancastra, si modella perfettamente su tutte le anfrattuosità delle cavità cardiache e si continua con la tunica più interna dei grossi vasi del peduncolo vascolare. L’endocardio e costituito, dall’interno verso l’esterno, da un endotelio, dalla tonaca propriamente detta e dallo strato sottoendocardico; quest’ultimo, rappresentato da un tessuto connettivo lasso ricco di fibre elastiche, contiene numerosi vasi sanguigni e nervi e si continua con la muscolatura del cuore.
Gli apparati valvolari sono costituiti da pieghe dell’endocardio rinforzate, centralrnente, da una lamina fibrosa assai robusta; tutte le valvole sono prive di muscolatura e poverissime di vasi sanguigni, per cui si nutrono direttarnente dal sangue contenuto nelle cavité cardiache.
Fra epicardio ed endocardio si trova, a formare la parte principale della parete del cuore, uno strato di tessuto muscolare, il miocardio.

Alimentazione: mangiare cibo sano

Alimentazione


cioè il problema del mangiare: mangiare troppo o mangiare poco, mangiare bene o mangiare male. Se non si mangia non si vive, lo sappiamo tutti.
Ma ci sì può ammalare e morire anche se si mangia troppo o se si mangia poco e male.

http://www.newsbeast.gr/files/1/2013/03/11/mediterranea.jpg

Le statistiche non possono rivelare quanta gente si ammala perché mangia troppo; ci sanno dire però quanti si ammalano e quanti muoiono per scarsa nutrizione. E più facile stabilirlo perché la causa è terribilmente semplice: nei paesi poveri la gente (naturalmente quella più povera) non trova da mangiare a sufficienza. Si calcola che 795 milioni di persone soffrono la fame gravemente. I morti sono ogni anno oltre quattro milioni e di questi, nella sola India, due milioni circa sono bambini.

Leggi tutto “Alimentazione: mangiare cibo sano”

Cristalloterapia: Pietre e cristalli per eliminare disfunzioni o malesseri


Esiste tra le pratiche di medicina alternativa una terapia nata per eliminare diversi tipi di malesseri e disfunzioni, grazie al posizionamento di pietre minerali in modo localizzato sul corpo. Parliamo della cristalloterapia, ed essendo le pratiche di medicina alternativa non provate scientificamente e considerate da essa pratiche pseudoscientifiche, anche per la cristalloterapia non si garantisce l’efficacia scientifica.

Nonostante ciò, esistono numerosissimi sostenitori della cristalloterapia in tutto il mondo, che a gran voce in contrapposizione esaltano l’efficacia della collocazione di pietre e cristalli sul corpo contro diverse patologie. Secondo i sostenitori della cristalloterapia, ognuna di queste pietre minerali è dotata di campo energetico. La presenza di un campo energetico proprio nei minerali, renderebbe possibile il collegamento con qualunque forma di vita vegetale o animale anch’esse dotate di campo energetico proprio.

Vediamo di seguito:

  • Come funziona la cristalloterapia
  • Cosa cura la cristalloterapia
  • Funziona la cristalloterapia?
  • Metodi utilizzati
  • Pietre e cristalli più ricercati
  • Cristalloterapia e Chakra
  • Cristalloterapia e segni zodiacali

Leggi tutto “Cristalloterapia: Pietre e cristalli per eliminare disfunzioni o malesseri”

quante calorie bisogna assumere al giorno?



Una delle domande che più si pongono le persone in tema di nutrizione è quante calorie bisogna assumere ogni giorno per vivere in salute. Un adulto ha bisogno di 2500 calorie al giorno. Ma le necessità aumentano se si ha un lavoro molto faticoso o se si vive in un clima freddo. Un Eschimese ad esempio, consuma più energia (quindi più calorie) perchè vive in luoghi dal clima freddo, rispetto alle popolazioni che vivono in un paese con clima mite. Ciò non significa che egli dovrà mangiare di più; significa invece che dovrà scegliere quegli alimenti che contengono un maggior numero di calorie. Ma come si fa a sapere quante calorie ci sono in un bicchiere di latte o in una tavoletta di cioccolato? e soprattutto… come si fa a sapere quante calorie bisogna assumere ogni giorno?

Leggi tutto “quante calorie bisogna assumere al giorno?”

Il benessere della sigaretta elettronica

Prima di parlare delle sigarette elettroniche e dei relativi vantaggi che offrono ai fumatori che vogliono smettere di fumare le sigarette tradizionali, è doveroso argomentare proprio su queste ultime. Le sigarette, facenti parte del monopolio di Stato, sono i prodotti più venduti dopo alimenti di prima necessità, come pasta, latte e pane. Questo per dire che la vendita delle sigarette è stata sempre molto alta e quasi alla stregua di alimenti importanti, nonostante i danni alla salute. Anni fa non erano ben chiari i danni che una sigaretta poteva provocare, ma poi col passare dei decenni, tra ricerche, studi e osservazioni sono stati scoperti gli effettivi danni delle stesse nei confronti della salute dell’ uomo, tanto da modificare o creare alcune leggi per tutelare chi inspira il fumo passivamente. In pratica il fumo passivo fa male quanto quello “attivo”. La legge in questione, approvata e resa ufficiale nel 2003 vieta di fumare in luoghi pubblici e sui mezzi pubblici. Per cercare di demotivare l’ acquisto delle sigarette, al di là dei prezzi vertiginosi, sono apparsi con una maggiore insistenza messaggi scritti sui pacchetti stessi contornati da cornice nera con sfondo bianco, che ricorda molto i necrologi. Nei messaggi sono riportate tutte le cause che provocano le sigarette per l’ appunto.

Danni alla salute e ingredienti

Una spirale che ti avvolge fino alla morte

I danni alla salute sono tra i più disparati, tra cui cancro e tumori. Gli organi più colpiti sono la gola, la trachea, i polmoni (leggi qui per disintossicare i polmoni da nicotina e catrame), l’ apparato digerente…
Se si fuma molto, ma anche poco, c’è il rischio di poter contrarre tali malattie, spesso non curabili (se non prese nella loro forma benigna). Queste malattie sono causate dall’ inspirazione continua e costante del fumo, o meglio non tanto dalla nicotina, ma dalla quantità di catrame (contenente nelle sigarette sempre) e dalla combustione che si crea ogni qualvolta si inspira e si fuma una sigaretta.

E’ la combustione a creare maggior danno agli organi, in quanto questa provoca un continuo innalzamento della temperatura corporea (di circa 1 grado). Inoltre, attraverso studi vari, si è scoperto che i filtri delle sigarette (dove si assorbe maggiormente dalla saliva) sono pieni di conservanti e sostanze a dir poco cancerogene per la salute dell’ uomo. La sigaretta quindi nuoce alla salute, prima che venga accesa e fumata.
La sigaretta provoca anche infarti, difficoltà nella respirazione, invecchiamento della pelle, ictus, crisi asmatiche. Da un punto di vista estetico non è invitante, in quanto lascia addosso e sugli indumenti cattivo odore, che impiega diverse ore ad andare via.

Ingredienti nocivi della sigaretta elettronica

Gli ingredienti della sigaretta sono il catrame, la nicotina e il zolfo, e di solito sui pacchetti sono riportati i quantitativi di ognuno di essi. Le malattie riportate su sono causate dalla combustione e in particolar modo dal catrame (che s’insidia nel polmoni e nel sangue) e dallo zolfo, che col passare dei decenni rimangono annidati nelle cellule, causandone scarsa ossigenazione, decadimento e non più una costante rigenerazione, portando alla morte la cellula e una sempre maggiore esposizione a malattie, come il tumore.
Altro svantaggio delle sigarette sono le sostanze irritanti presenti nelle sigarette, come l’ acido cianidrico, acroleina e ammoniaca. L’azione irritante provoca tosse, eccesso di muco, bronchite.
La nicotina, che è la sostanza che forse fa meno male, è quella che crea però dipendenza. La dipendenza è un altro grande svantaggio delle sigarette. Quando la nicotina arriva ai polmoni, passa nel sangue per poi arrivare al cervello in pochissimo tempo. Il continuare ad assumere nicotina stimola la liberazione di dopamina e di adrenalina, che sostanzialmente causano benessere, inoltre la nicotina tende anche a rilassare; quando tali effetti svaniscono, portano l’ individuo a fumare di nuovo. E la dipendenza fisica può prendere il sopravvento. Lo stesso vale per la dipendenza psicologica, che sempre avviene in seguito al non fumare; in sostanza questa si manifesta con irritabilità, ansia, scarso controllo nel non fumare, insonnia e difficoltà nel concentrarsi.

Ingredienti Philip Morris

  • zucchero: saccarosio
  • propilene glicole
  • glicerolo
  • zucchero: zucchero invertito
  • estratto di liquerizia
  • gomma guar
  • cacao e prodotti del cacao
  • carruba e estratto di carruba
  • aromi naturali e artificiali
  • acqua
  • cellulosa
  • arbonato di calcio
  • amido e/o amidi modificati
  • citrato di potassio
  • carbossimetilcellulosa e suo sale sodico
  • acetato di etilenvinile copolimero
  • acetato di polivinile
  • etilene idrossile e copolimero vinilacetato
  • prodotti tecnologici (antischiumogeno,acqua)
  • resina alchidica
  • pigmento, blu brillante FCF
  • pigmento, rosso allura AC
  • olio minerale
  • silice
  • carbonato di calcio
  • acetato di cellulosa
  • triacetina
  • diossido di titanio
  • prodotti tecnologici (acqua,olio per finitura)
  • polivinolo
  • resina di idrocarburo
  • cera paraffinica
  • etilene idrossile e copolimero vinilacetato
  • resina stirene-alfa-metilstirene
  • poliisobutilene
  • butene, polimero con 2-metil-1-propene
  • prodotti tecnologici (antiossidante,antischiumogeno,acqua,olio per finitura)
  • pigmento, ossido di ferro giallo
  • collodio
  • acetil tributil citrato
  • alginato di sodio
  • polimeri di stirene-acrilato
  • pigmento, ossido di ferro rosso
  • talco
  • carbo medicinalis vegetabilis
  • triacetina

mi fermo qui perchè mi son stancato di scrivere…

 

Puoi vedere gli ingredienti di tutti i produttori di sigarette tradizionali da qui.

Prendi le sigarette… e buttale!

Vantaggi della sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica è un modello di sigaretta di ultima generazione generato per sostituire e simulare la tradizionale sigaretta, e soprattutto, inserendo nel mercato un prodotto che non causasse gli stessi danni che invece provoca la sigaretta tradizionale. Tra l’ altro la produzione di alcune di queste sigarette provengono dalle grosse multinazionali, nonché marche di sigarette, come la Philip Morris per esempio.
Anche all’ interno delle sigarette elettroniche è presente la nicotina, ma a quantità variabili, ma ciò che differenzia queste con le sigarette tradizionali è la vaporizzazione rispetto alla combustione. Il vantaggio principale della sigaretta elettronica è questo.
La combustione provoca il rilascio di residui tossici quali il catrame e un innalzamento di circa 1 grado centigrado della temperatura corporea; la vaporizzazione invece avviene nel momento in cui la miscela chimica composta da acqua, glicole propilenico e glicerolo con la nicotina viene inspirata.
La vaporizzazione quindi consiste in un passaggio dallo stato liquido passa allo stato gassoso, senza passare per la combustione (molto dannosa).
L’ atomizzatore (cioè il dispositivo elettronico di vaporizzazione) riscalda la soluzione liquida che contiene nicotina, eventuali aromi e altri prodotti chimici; il calore prodotto trasforma tale miscela in vapore e può essere inalato come se si stesse fumando una sigaretta tradizionale, regalando comunque un certo benessere a chi ne fa uso. E proprio in mancanza della combustione, tale processo non è cancerogeno tanto quanto lo è una sigaretta normale.

 

Altro vantaggio della sigaretta elettronica, al di là dell’assenza di combustione e assenza di catrame con altre sostanze cancerogene (come nella sigaretta tradizionale), può essere da un lato il non utilizzo di cerotti, gomme da masticare o pastiglie (per chi volesse smettere di fumare le sigarette normali), dall’ altro mantengono la gestualità. Quest’ ultima cosa diventa a volte un aspetto fondamentale per il fumatore, in quanto il gesto “del fumare” è stato interiorizzato in modo quasi incondizionato, e smettendo andrebbe contro questo tipo naturalezza acquisita, quindi la sigaretta elettronica potrebbe essere una sorta di via di mezzo, tra il continuare a fumare con tanto di gestualità annessa e il voler smettere di fumare le sigarette classiche, tant’è vero che se smettere di fumare risulta complicato e complesso, la sigaretta elettronica può creare un buon compromesso, in quanto meno dannosa.

Se passi alla sigaretta elettronica diventi più bella

 

Se smetti di fumare tutte le sostanze nocive che prima abbiamo elencato, oltre a preservare meglio la salute inizierai a notare vantaggi anche in ordine estetico. Infatti, non appena spemmi di fumare l’ultima sigaretta inizierai a notare nel tempo i seguenti vantaggi:

  • 20 minuti senza fumare: la pressione sanguigna e il battito cardiaco riprendono i valori normali. (vantaggio in salute)
  • 2 ore senza fumare: la quantità di nicotina in circolo si dimezza
  • 3 ore senza fumare: Viso più disteso e roseo
  • 8 ore senza fumare: il monossido di carbonio in circolo viene eliminato si dimezza mentre i livelli di ossigeno ritornano a livelli normali. (vantaggio in salute e bellezza)
  • 1 Giorno senza fumare: i Polmoni riprendono correttamente l’attività, migliora l’alito e si riducono rischi di infezioni alle vie respiratorie  (vantaggio in salute e bellezza)
  • 2 Giorni senza fumare: La nicotina si azzera nell’organismo
  • 3 giorni senza fumare: dita e denti più bianchi (vantaggio in bellezza)
  • 4 giorni senza fumare: riduzione occhiaie (vantaggio in bellezza)
  • 5 giorni senza fumare: capelli più forti e voluminosi (vantaggio in bellezza)
  • 7 giorni senza fumare: gusto e olfatto migliorano (vantaggio in bellezza)
  • 14 giorni senza fumare: Migliora la circolazione sanguigna che irrora d’ossigeno le cellule  (vantaggio in salute e bellezza)

 

Articolo scritto per sensibilizzare l’utenza di BenessereeSalute sui danni da fumo provocati dalle sigarette tradizionali, che vanno assolutamente sostituite con le sigarette elettroniche o eliminandole completamente dalla propria vita. Scritto in collaborazione con:

Must500.com

LOL SRL, VIA IV NOVEMBRE 116 21058 SOLBIATE OLONA (VA) – P.IVA 03390480121

 

 

Quante volte vanno lavate le lenzuola per proteggere la salute?

Spesso viene sottovalutato quanto sia importante riposare in un letto che sia fresco e pulito, ma anche ricoperto di biancheria realizzata con tessuti di qualità. Sono davvero tante le persone che al proprio risveglio, scrutando il proprio corpo allo specchio notano irritazione sulla cute, ma che non pensano minimamente che quella irritazione della pelle è causata dalle lenzuola.

Non è solo l’irritazione della pelle che può essere una conseguenza di una non cura perfetta della biancheria da letto, ma altri sintomi che fanno presagire avvisaglie di allergie possono essere avvertiti, nonostante si utilizzino tessuti anallergici, antiacaro e antibatterici.

Leggi tutto “Quante volte vanno lavate le lenzuola per proteggere la salute?”

Disintossicare i polmoni: Rimedi per pulire i polmoni da nicotina e catrame

Molti utenti dopo aver letto il nostro articolo su come smettere di fumare, ci hanno contattato chiedendoci tante informazioni, tra cui una più ricorrente delle altre ovvero come disintossicare i polmoni dalla nicotina.  Altri quesiti correlati a questi sono stati ad esempio come faccio a togliere il fumo dai polmoni, dopo quanto tempo si puliscono i polmoni, alcuni volevano sapere se il latte pulisce i polmoni dal fumo, altri invece erano interessati a sapere se esistono farmaci per pulire i polmoni. Moltissime domande alle quali cercheremo nel tempo di dare risposte, oggi ci concentriamo però su dare rimedi e informazioni utili su Come disintossicare i polmoni dalla nicotina e dal catrame. Questa domanda spesso sorge dal fatto che molti fumatori non riuscendo a smettere di fumare, cercano un valido rimedio per poter comunque preservare la salute del proprio apparato respiratorio ed evitare malattie mortali ai polmoni o comunque riuscire a respirare meglio evitando la comparsa delle classiche patologie da fumatore come la bronchite, l’enfisema o la polmonite. Vediamo dunque come e se è possibile disintossicare i polmoni dalla nicotina anche senza smettere di fumare, sapendo che l’unico modo certo per liberare i polmoni dal catrame accumulato in anni di fumo di sigaretta inspirato è proprio quello di smettere di fumare.

Leggi tutto “Disintossicare i polmoni: Rimedi per pulire i polmoni da nicotina e catrame”

Faringite: infiammazione acuta o cronica della Faringe

La faringite è un’infiammazione acuta o cronica della mucosa tappezzante le pareti della FARINGE. La faringite acuta si accompagna per lo più con la rinite (infiammazione della mucosa delle fosse nasali) dando il quadro complessivo della rinofaringite. Ne esiste una forma primitiva catarrale (0 catarro faringeo acuto) dovuta a cause perfrigeranti (freddo umido) e una forma secondaria, dovuta a malattia infettiva generale (scarlattina, morbillo, vaiolo, influenza, tifo, ecc.) o a intossicazioni (mercurio, arsenico, antimonio, ioduro di potassio, gas tossici, ecc.).

Leggi tutto “Faringite: infiammazione acuta o cronica della Faringe”

Eiaculazione precoce rimedi: Cos’è e come ritardare l’orgasmo

L’eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale che consiste nell’impossibilità da parte dell’uomo di riuscire a controllare in modo volontario l’eiaculazione durante l’amplesso sessuale. L’eiaculazione precoce è considerato il disturbo dell’apparato genitale maschile insieme all’impotenza più diffuso, anche se di difficile quantificazione per il forte tabù che spinge la maggior parte degli uomini a non rivolgersi ad uno specialista per risolvere il problema. Non riuscire a trattenersi dall’eiaculare e giungere subito all’orgasmo, è un problema che crea forte imbarazzo negli uomini. A causa di questa problematica emotiva, spesso chi non riesce ad avere il controllo totale sul proprio orgasmo ed eiacula sperma prima del momento desiderato da se stesso e dalla propria partner, a causa dell’imbarazzo che genera l’argomento si chiude in se stesso e cerca aiuto dalle fonti del web come questa, dove cerca di porre rimedio all’eiaculazione precoce e ad avere una vita sessuale più soddisfacente.

Leggi tutto “Eiaculazione precoce rimedi: Cos’è e come ritardare l’orgasmo”

Faringe funzioni e anatomia

La Faringe è un canale a pareti muscolo-membranose situato immediatamente dietro le fosse nasali e la bocca. La faringe è un tratto dell’apparato digerente che in individui adulti misura circa 15 cm circa e si estende dalla
base cranica sino alla VI vertebra cervicale, continua nell’Esofago in questo suo decorso verticale dall’alto verso il basso si trova a immediato ridosso dei muscoli della regione prevertebrale del collo. La faringe ha la forma di una clava, con l’estremità rigonfia rivolta in alto.

Leggi tutto “Faringe funzioni e anatomia”

Reflusso gastrico: Diamo voce agli esperti

Dopo aver notato un grande interesse verso l’articolo sul reflusso gastrico inserito nel portale, abbiamo deciso di mostrare dei video informativi trovati in rete, realizzati da Dottori esperti di reflusso gastroesofageo, per offrire agli utenti di Benessereesalute.eu maggiori informazioni scientifiche sulla malattia da reflusso gastrico.

Ecco nell’ordine i video sul reflusso:

  • Dottor Quatrini gastroenterologo del Centro Medico Santagostino di Milano
  • Professor Giovanni Cammarota
  • Professor Guido Costamagna direttore Unità Endoscopica Policlinico Gemelli

Leggi tutto “Reflusso gastrico: Diamo voce agli esperti”

Sintomi della celiachia

La celiachia può insorgere in qualunque età, addirittura ai giorni nostri sono in aumento casi in soggetti dove questa patologia fa la sua prima comparsa alla veneranda età di 60 anni.

I sintomi della celiachia variano da persona a persona è molto difficile dunque diagnosticarla con certezza da subito identificando nei  sintomi che si manifestano la celiachia.

i sintomi della cecliachia vengono spesso confusi con altre malattie come l’anemia il morbo di Chron il colon irritabile e l’ulcera gastrica. Esistono però test specifici in grado di verificare se ci sia la presenza di lesione ai villi intestinali che sono un sintomo chiaro di celiachia.

Ecco un video che spiega i sintomi della celiachia e utilissimo a chi non sa di avere questa patologia.

 

Leggi tutto “Sintomi della celiachia”

Osteoporosi e Celiachia: correlazioni, sintomi, prevenzione e cura.

Spesso chi è affetto da celiachia nel momento della diagnosi presentano frequentemente anche osteopenia/osteoporosi sia che essi siano in età infantile che adulta. Si stima che i pazienti affetti da celiachia che manifestano osteopenia siano circa il 60 % del totale, quindi una percentuale davvero considerevole che presuppone una ancor maggiore attenzione sul problema celiachia.

Vediamo di seguito come si manifesta l’osteoporosi a causa della celiachia, e se esistono davvero correlazioni tra l’osteoporosi e la celiachia.

Nell’articolo presenti anche paragrafi riguardanti:

  • Come diagnosticare l’osteoporosi
  • Sintomi osteoporosi
  • Consigli per prevenire l’osteoporosi
  • Video di esperti che correlano le due patologie

Leggi tutto “Osteoporosi e Celiachia: correlazioni, sintomi, prevenzione e cura.”

Rimedi naturali tosse: I 7 metodi migliori per non tossire

Se hai deciso di visitare questo articolo è perchè come il 40% della popolazione Italiana in questo periodo sei vittima di tosse secca, tosse grassa, tosse stizzosa e non cerchi altro che un valido rimedio per sconfiggere la tosse! Sei nel posto giusto perchè non te ne dirò soltanto uno di rimedio ma ti sto per svelare ben 7 rimedi naturali per eliminare la tosse che ti infastidisce.

Potresti essere qui perchè è il tuo bambino a tossire o è un tuo familiare che in continuazione emette il caratteristico rumore della tosse facendoti desiderare che la smetta il prima possibile. Qualunque sia il motivo della tua visita, ti riporto di seguito 7 rimedi del tutto naturali per poter mandar via i colpi di tosse, tuoi o di chiunque altro!

Leggi tutto “Rimedi naturali tosse: I 7 metodi migliori per non tossire”

Bile nello stomaco: Reflusso biliare cause sintomi rimedi

Il nostro apparato digerente può essere aggredito da risalita di materiali organici dal basso verso l’alto. Abbiamo visto in altri articoli, cos’è il reflusso gastrico e come porvi rimedio in modo naturale. Il nostro apparato digerente però, può essere interessato dalla risalita anche di bile nello stomaco proveniente dal fegato. Entrambi i tipi di reflusso (gastrico e biliare), possono portare ad avere conseguenze sia lievi che gravi.

Nonostante siano due patologie che a volte si presentano congiuntamente, il reflusso biliare differisce da quello gastrico perchè per la sua collocazione nel nostro organismo, consente alla bile di creare problemi allo stomaco, organo non intaccato invece dall’altra sintomatologia. In questo articolo vedremo:

  • Cos’è la bile
  • Funzioni della bile
  • Come risale la bile nello stomaco
  • Cause della bile nello stomaco
  • Sintomi reflusso biliare
  • Esiste una dieta per il reflusso biliare?
  • Esiste un rimedio naturale?

Leggi tutto “Bile nello stomaco: Reflusso biliare cause sintomi rimedi”

L’ acqua come elisir di lunga vita

Qual è il miglior elisir naturale per avere pelle più giovane e levigata, un corpo sano e asciutto e capelli più lucidi e splendenti? Semplicemente l’acqua. Bere almeno lt 1,5-2 al giorno di acqua vuol dire è una vera e propria terapia di benessere e bellezza.

Acquaacqua e ancora acqua. Vediamo in dettaglio i benefici di questa terapia del tutto naturale e salutare. Parlando di bellezza dei nostri capelli, l’acqua fresca come ultimo risciacquo lascia i capelli più lucidi, perché restringe la cuticola, in modo da lasciarla piatta e chiusa, così da renderli più lisci e luminosi. Inoltre doma i capelli ribelli, l’effetto crespo e aiuta nella messa in piega.

Leggi tutto “L’ acqua come elisir di lunga vita”

Reflusso gastrico: 14 Rimedi naturali per acidità e bruciori di stomaco

Ciao e benvenuto nel blog di Benessere e Salute, in questo articolo scoprirai perchè in alcuni momenti della giornata come ad esempio dopo i pasti o la notte quando sei sdraiato, provi la fastidiosa sensazione di sentire acidità che risale alla gola dallo stomaco. Se senti un bruciore proprio dietro lo sterno e non sai perchè questo bruciore compare sei nel posto giusto perchè con molta probabilità soffri di reflusso gastroesofageo e in questo articolo scoprirai perchè compare il reflusso gastrico, quali sono le cause principali e quali i rimedi naturali o farmacologici da usare per sconfiggere questa fastidiosa risalita di acidi gastrici.

Se sei arrivato a leggere questo articolo è perchè probabilmente soffri di reflusso gastroesofageo, e sai che i farmaci come il Gaviscon che ti danno sollievo durante la risalita dell’acido nel tuo esofago, a lungo andare possono portarti effetti indesiderati. Trovare dunque un rimedio naturale al reflusso utilizzarlo al posto dei farmaci come l’Antiacid è l’obiettivo che ogni persona dovrebbe prefiggersi per vivere bene e in salute. Nell’articolo che stai leggendo troverai scritti ben 14 rimedi naturali per curare il reflusso gastrico, ma anche:

  • Perchè si avverte bruciore nell’esofago?
  • Perchè gli acidi risalgono nell’esofago?
  • Cos’è il reflusso gastrico
  • Quali sono le cause del reflusso gastroesofageo?
  • Rischi del reflusso gastrico
  • Consigli alimentari per evitare il reflusso
  • Sintomi del reflusso gastrico
  • Rimedi naturali reflusso gastrico
  • Farmaci cure e trattamenti per il reflusso gastrico

Leggi tutto “Reflusso gastrico: 14 Rimedi naturali per acidità e bruciori di stomaco”

Carboidrati per combattere il cancro: è una bufala?

la maggior parte dei dietologi, dicono che i carboidrati fanno male e che fanno ingrassare, ma secondo alcune ricerche, si è costato che non tutti lo sono, infatti i Carboidrati Resistenti  lottano contro il cancro e il diabete.

Da evitare sono i carboidrati cattivi, contenuti  nel pane bianco, nella pasta, nel riso, nei dolci e negli snack, perché fanno alzare lo zucchero nel sangue, che a sua volta ci fa aumentare di peso e provoca infiammazioni. Mentre i carboidrati buoni, li possiamo prendere dai cerali integrali, i legumi e le verdure amidacee.

Leggi tutto “Carboidrati per combattere il cancro: è una bufala?”

Il benessere dato dal cioccolato

Se vale la regola per cui i cibi più buoni sono anche quelli che fanno più male, il cioccolato sembra essere l’eccezione che conferma la regola.

Ebbene si, il cioccolato, in un dosaggio corretto, arreca molti benefici alla nostra salute, in particolar modo alla nostra pelle. Vediamo di approfondire questo aspetto.

Leggi tutto “Il benessere dato dal cioccolato”

Tenere lontano i tumori con l’ alimentazione è possibile?

facendo una corretta alimentazione, possiamo prevenire il cancro, da sapere che senza l’ accrescimento dei vasi  sanguigni, i tumori non possono svilupparsi.

Le verdure a foglia verde, devono iniziare a far parte della nostra alimentazione, perché fanno molto bene al nostro organismo e in particolare la rucola, perché ha due  composti denominati Kaempferol e la quercina. Secondo alcuni esperti si è dimostrato che la rucola, previene il cancro ai polmoni, essa può essere usata in tanti modi o come insalata, o per condire pasta fredda .

Leggi tutto “Tenere lontano i tumori con l’ alimentazione è possibile?”

Vuoto allo stomaco? Scopri (e combatti) la falsa fame e scopri il piacere di un senso di sazietà naturale


Vuoto allo stomaco? Scopri (e combatti) la falsa fame e scopri il piacere di un senso di sazietà naturale


Carmen VipEsperta conoscitrice del benessere psico fisico dell’ essere umano. Ama scrivere articoli sul benessere a 360°, salute, nutrizione, bellezza, per dare consigli gratuiti agli utenti del web

La ‘falsa fame’ è caratterizzata dalla comparsa intermittente, a livello delle stomaco dei brontolii della fame. Essa va nettamente distinta dalla fisiologica presenza della fame vera.

Ecco come questa sindrome viene descritta in un testo di medicina interna cinese- lo Jingyue quanshu: “Quando c’è questa malattia si ha una sensazione di vuoto nell’addome, come se dentro non ci fosse nulla; pare che sia fame ma non è fame; pare bruciore, ma non è bruciore; pare dolore ma non è dolore. Si ha una sensazione di disagio al torace e al diaframma senza riuscire a definirla esattamente. Talvolta mangiando cessa per un poco, ma talaltra dopo aver mangiato i brontolii ricominciano, talvolta accompagnati da nausea e gradualmente iniziano dei dolori alla cavità gastrica.”

Secondo la medicina cinese la “falsa fame” costituisce una vera e propria sindrome, che può essere fatta risalire a condizioni di disequilibrio energetico diverse, ognuna delle quali richiede modalità specifiche di trattamento.

L’origine di questo disagio viene fatto risalire sul piano diagnostico alla presenza di uno dei seguenti quadri energetici: “calore allo stomaco”, “vuoto di stomaco”, “vuoto di sangue”.

Ecco una breve descrizione di queste sindromi che richiedono di essere diagnosticate in modo puntuale, al fine di scegliere a quale tecnica terapeutica (dietetica, agopuntura, fitoterapia) ricorrere per una rapida e risolutiva cura.

Calore allo stomaco

Segni e sintomi: la “falsa fame”, se è presente calore nello stomaco, è accompagnata da sete e desiderio di bevande e cibi freddi, sensazione di bruciore e dolore all’epigastrio, gonfiore e dolore delle gengive che talora sanguinano; rigurgito acido, stipsi, nausea e vomito, alito cattivo; la lingua ha una patina gialla, talvolta il polso è frequente.
Le cause più frequenti sono il consumo eccessivo di alimenti riscaldanti (fritti, cibi speziati…) e il troppo fumare a proposito, leggi qui come smettere di fumare per evitare di avere vuoti allo stomaco.
La terapia, finalizzata ad armonizzare lo stomaco e purificare il calore, è principalmente dietetica e di regolazione delle abitudini igieniche. Se questo non basta si dovrà ricorrere all’agopuntura, eventualmente associata all’assunzione di rimedi fitoterapici.

“Vuoto” di stomaco

Segni e sintomi: in questo caso la sensazione di “falsa fame” è accompagnata dalla sensazione di sapore insipido in bocca, disagio provocato da distensione all’epigastrio dopo aver mangiato; la lingua è lingua pallida, il polso è debole.
Le cause: questa sindrome compare dopo malattie protratte, come la febbricola da mononucleosi, o nelle diete mal condotte; nell’uno e nell’altro caso vi è un indebolimento dell’energia corretta dell’organismo (leggi anche aumentare le energie del corpo).
A scopo terapeutico occorre tonificare l’energia dello stomaco, ricorrendo a una alimentazione appropriata e all’agopuntura.

“Vuoto” di sangue

Segni e sintomi: la “falsa fame” in questo caso migliora dopo aver mangiato e quando sulla regione addominale alta si esercita una pressione con le mani o il massaggio; vi è anche inappetenza e desiderio di assumere alimenti caldi; le mani e i piedi sono freddi. La finta fame è accompagnata anche da viso “appassito” e labbra spente, palpitazioni e capogiri, sensazione di stanchezza. La lingua presenta un colorito pallido e il polso è sottile alla palpazione.
Le cause: questa sindrome si manifesta come conseguenza di una malattia che dura da molto tempo, quando ci si nutre prevalentemente di frutta e verdura – specie se cruda- con pochi cereali e proteine e anche se si abusa di alimenti come dolci, gelati e succhi di frutta.
La terapia è volta a rafforzare la funzione digestiva e risolvere la “falsa fame” con i disturbi associati. Si ricorre alla correzione dietetica e alla moxibustione; se questo non dovesse bastare, sarà necessario associare anche l’agopuntura e la fitoterapia.

 

Informazioni sull’Autore

Dott.ssa Caterina Martucci
Studio Agopuntura e Medicina Tradizionale Cinese

Fonte

Apparato digerente: Composizione funzioni e patologie

Ciao e benvenuto nel blog di Benessere e Salute, se stai leggendo questo articolo è perchè probabilmente vuoi sapere cosa compone l’apparato digerente, qual è la sua struttura anatomica, quali organi lo compongono e quali funzioni ha nel corpo umano. Probabilmente hai bisogno di un riassunto dell’apparato digerente per fare una ricerca scolastica, e qui in questo articolo troverai lo schema giusto per imparare correttamente tutto sull’apparato digerente e le sue funzioni. Potrai leggere infatti:

  • Le funzioni dell’apparato digerente umano
  • Gli organi che lo compongono
  • Le caratteristiche anatomiche dell’apparato digerente
  • Patologie dell’apparato digerente umano

 

Funzioni dell’apparato digerente

L’insieme di organi che caratterizza l’apparato digerente è preposto all’assunzione di alimenti nell’organismo atti a consentirgli di nutrirsi e di svolgere le attività vitali. Le funzioni degli organi dell’apparato digerente sono 4:

  1. ingestione dei cibi
  2. digestione degli alimenti
  3. assorbimento delle sostanze nutrienti
  4. espulsione di sostanze in eccesso o inutili

Gli organi che compongono l’apparato digerente

L’apparato digerente percorre il corpo umano partendo dalla parte della sua estremità alta, dalla bocca (preposta ad ingerire gli alimenti) e termina con l’orifizio anale nella parte bassa dell’organismo. Tra bocca ed ano, una serie di organi cavi che consentono il passaggio e la digestione degli alimenti, e l’assorbimento dei nutrienti necessari oltre che l’espulsione di quelli in eccesso attraverso il processo di defecazione.

Il sistema digerente è composto dai seguenti organi:

  • Bocca
  • Faringe
  • Esofago
  • Stomaco
  • Intestino tenue (duodeno, digiuno ed ileo)
  • Intestino crasso (intestino cieco, colon e retto)
  • Ano

Visto in modo semplicistico può essere considerato un tubo che percorre il corpo umano per svolgere le funzioni prima descritte, ma l’apparato digerente è molto più complesso di quanto si pensa, e può portare a diverse patologie (anche gravi), se non viene curata la sua efficienza.

Per svolgere tali funzioni (ingerire, digerire, assorbile ed espellere), l‘apparato digerente è dotato di altri elementi o organi correlati, che corredano lo stesso rendendolo perfettamente funzionale a tali attività.

Tra gli organi che concorrono con l’apparato digerente a svolgere le proprie funzioni, troviamo il fegato la cistifellea ed il pancreas.

Oltre a tali organi, il sistema digerente per meglio svolgere le proprie funzioni, è composto anche dai seguenti elementi che non sono organi:

  • Denti
  • Lingua
  • Ghiandole salivari
  • Cardias e Piloro
  • Villi intestinali

 

Mangiare, Digerire, Assorbire, Espellere

Osserviamo più da vicino i 4 processi ai quali l’apparato digerente è preposto e vediamo quali sono le patologie che possono colpire l’organismo se tale apparato non è perfettamente funzionante.

Ingerire alimenti

L’organo preposto ad ingerire cibi per il nutrimento dell’organismo è la bocca. Gli alimenti qui, iniziano ad essere trattati per la prima volta subendo dei processi che li rendono meglio accessibili ai tratti dell’apparato digerente successivi. Il primo processo che subisce il cibo nella bocca è quello della masticazione, Con la masticazione, gli alimenti vengono frantumati dai denti e man mano che il processo avviene, il cibo viene reso più morbido.

Grazie a questa trasformazione, è agevolato il compito degli enzimi presenti nella saliva, che contestualmente alla masticazione viene secernita dalle gliandole salivari. Una volta che tutte le fasi del processo di masticazione vengono terminate, il cibo ha gia subito il processo di divisione dai carboidrati e si trasforma in una poltiglia (grazie al movimento di mandibola e lingua) che prende il nome di bolo.

Il bolo viene creato proprio per favorire la deglutizione degli alimenti in modo più agevole verso le altre parti dell’apparato digerente.

Esso inizia il suo viaggio passando per la faringe prima e nell’esofago successivamente. Va detto inoltre, che durante il passaggio del bolo attraverso la faringe, quest’ultima collegata anche con l’apparato respiratorio, il processo di respirazione viene interrotto e la laringe viene chiusa dall’epiglottide per evitare che il bolo passi dall’apparato digerente a quello respiratorio.

Processo digestivo

Come visto nel paragrafo precedente, il processo digestivo può considerarsi iniziato nella bocca grazie all’azione degli enzimi contenuti nella saliva che attaccano i carboidrati e trasformano il cibo in bolo. Il bolo deglutito passa attraverso l’esofago per continuare a subire il processo digestivo nello stomaco.

Il bolo alimentare che ha attraversato l’esofago, accede allo stomaco oltrepassando la valvola superiore dell’organo, conosciuta come Cardias. Giunti nello stomaco, gli alimenti ingeriti, subiscono un processo di digestione da parte di enzimi contenuti nei succhi gastrici secerniti appunto in questo tratto del sistema digerente. I succhi gastrici sono composti da sostanze che sono in grado di uccidere i batteri ed enzimi come la pepsina capace di dividere le proteine.

Le funzioni che lo stomaco ha nel processo digestivo consistono nel dissolvere e nel digerire i cibi, non ha la funzione di assorbimento che spetta ad organi posti successivamente nell’apparato digerente.

A volte però la funzione di assorbimento può iniziare nello stomaco per quelle sostanze dotate di composizione molecolare minuscola come acqua o vitamine, o anche l’alcol. Il passaggio diretto di tali sostanze dallo stomaco al sangue,  rende i loro effetti molto più rapidi.

Abbiamo letto in precedenza che il cibo deglutito, giunge allo stomaco sotto forma di bolo, quando invece inizia il suo viaggio dallo stomaco verso il primo tratto intestinale attraverso il piloro, quello che era bolo diventa chimo grazie all’azione acida dei succhi gastrici, e pronto per subire un ulteriore processo digestivo mirato all’assimilazione delle sostanze nutrienti.

 

Assorbimento sostanze nutrienti

Attraverso le pareti intestinali, l’organismo assorbe le sostanze nutritive presenti nel chimo costituito dagli alimenti ingeriti e che hanno subito già nella bocca e nello stomaco dei processi digestivi di trasformazione.

In base al tipo di sostanza, esse prendono due strade differenti. Mentre infatti aminoacidi,  vitamine e sali minerali vengono portati al fegato, i grassi prendono la strada del sistema linfatico. Le prime vengono assorbite e messe in circolo nel sangue attraverso i villi intestinali. Questi ultimi, sono strettamente collegati con una fitta ramificazione di vene capillari che convergono tutte in un’unica vena ( vena porta epatica) che porta le sostanze nutritive al fegato.

I grassi invece, vengono confluiti in un vaso linfatico in cui scorre appunto la linfa. Essa è un liquido che ha una composizione simile al sangue, ma senza globuli rossi. Scorre in un sistema di vasi linfatici, e filtri linfonodi. Dopo un certo percorso i vasi linfatici confluiscono in un unico condotto che termina nel torrente circolatorio. La linfa si unisce quindi al sangue e in quest’ultimo arrivano, direttamente o indirettamente, tutte le molecole provenienti dalla digestione del cibo.L’assorbimento delle sostanze nutrienti per la maggior parte avviene nel primo tratto dell’intestino, quello definito tenue e più precisamente nel digiuno e nell’ileo.

Dopo tale processo di assorbimento che avviene nell’intestino tenue, il cibo in fase digestiva prosegue il suo viaggio nell’intestino crasso. In questa parte dell’intestino, si verifica l’assorbimento dell’acqua e dei sali minerali non assorbiti in precedenza. Tale riassorbimento è di vitale importanza nell’uomo, in quanto un assorbimento scarso di liquido, dovuto ad un movimento intestinale troppo rapido, può portare alla diarrea. Mentre un movimento intestinale molto lento, può provocare un eccesso di assorbimento dell’acqua causando la stitichezza.

Espellere tramite defecazione

Così come l’apparato digerente termina nell’ultimo tratto dell’intestino crasso e nell’ano, così anche il processo digestivo ha fine in quel punto dove avviene l’espulsione delle sostanze in eccesso tramite la defecazione. Proprio il monitoraggio e l’osservazione delle feci espulse, consente di tenere sotto controllo lo stato di salute di tutto l’apparato digerente.

Patologie dell’apparato digerente

L’apparato digerente è un sistema complesso che deve essere tenuto sotto controllo per evitare tantissime patologie che potrebbero derivare dalla non perfetta funzionalità di una delle componenti che lo caratterizzano. Ecco di seguito una lista di patologie dell’apparato digerente, che sono solite presentarsi:

 

Allergie Stagionali: 7 Rimedi Naturali Efficaci

Perché soffrire inutilmente di allergie stagionali quando qualche semplice rimedio naturale può offrirti molto sollievo?

allergie stagionali
allergie stagionali

Condivido i rimedi naturali per le allergie stagionali che trovo siano i più efficaci e che consiglio anche io in erboristeria ai miei clienti. Questi non avranno effetto immediato come un medicinale, ma sul lungo periodo ridurranno le allergie fino a farle scomparire.

Il concetto in sintesi è questo: l’alimentazione e la salute generale possono fare un’enorme differenza quando arrivano le allergie!

Antistaminici Dalla Natura

Persone diverse sembrano avere benefici da differenti rimedi, perciò vale la pena di provare più di una di queste cure alternative per vedere quali funzionano meglio per te.

 

 

 

  1. Fiori di Bach

I fiori di Bach sono efficaci in questo contesto soprattutto per ristabilire l’equilibrio e l’armonia con l’ambiente. Essi ti rendono più sereno, tranquillo e ottimista. Tra questi, in particolare consiglio:

  • Crab Apple: il fiore della purificazione. Aiuta a liberarti di ciò che avvelena il tuo organismo, in questo caso gli allergeni.
  • Beech: si usa generalmente per le intolleranze, qui si può parlare ad esempio di sensibilità al polline o altri agenti esterni. Ti riconnette con lo stato interiore della tolleranza.
  • Walnut: fiore del cambiamento, ti può aiutare nell’adattamento alla nuova stagione.
  • Olive: riaccende potenziale di autoguarigione del corpo, ricarica di energia e di entusiasmo.
  1. Aceto di Mele

Ebbene sì, l’aceto di mele. È un antico rimedio che si raccomanda spesso per più condizioni di salute. La teoria è che abbia la capacità di ridurre la produzione di muco e di depurare il sistema linfatico. Ciò lo rende utile per le allergie e può essere efficacie anche in caso di cattiva digestione o per perdere peso.

Si mescolano semplicemente un paio di cucchiaini di aceto in un bicchiere d’acqua, da bere lontano dai pasti.

allergie stagionali rimedio
aceto di mele contro allergie stagionali
  1. La Quercetina

La quercetina è un bioflavonoide naturale che aiuta a stabilizzare i mastociti per impedirgli il rilascio di istamina. È anche un potente antiossidante che si dice aiuti a ridurre le infiammazioni. Si usa al meglio come rimedio a lungo termine e molte persone iniziano a prenderla circa 4-6 settimane prima della stagione di allergia per prevenire i sintomi.

Come ogni uso di erbe, dovresti prima consultare il medico in particolare se hai problemi al fegato, se si incinta o usi contraccettivi ormonali.

Si trova naturalmente negli agrumi e nei broccoli, ma per assumerne la giusta quantità in questo caso si può ricorrere agli integratori.

  1. Foglie di Ortica

Le foglie di ortica sono un altro antistaminico naturale che può essere davvero efficace poiché blocca naturalmente la capacità del corpo di produrre istamine. Si può assumere in tintura madre, in tisana, ma per sollievo dalle allergie il modo più semplice ed utile sono le capsule di estratto secco delle foglie.

  1. Probiotici

Le allergie sono il risultato di uno squilibrio del sistema immunitario che fa sì che il corpo reagisca troppo fortemente allo stimolo. La presenza di specifici batteri benefici nell’intestino riduce l’insorgenza di allergie.

Accanto ad un’alimentazione sana e varia, puoi consumare cibi fermentati e bevande come il Kombucha o il Kefir, che favoriscono la produzione di flora batterica. Puoi prendere anche capsule di probiotici di alta qualità.

  1. Miele Locale

Non ci sono molte prove scientifiche che attestino i benefici del miele al riguardo, ma sembra ci siano molti riscontri di persone che lo hanno provato. La teoria è che consumare miele locale aiuta il tuo corpo ad adattarsi agli allergeni nel tuo ambiente. Funziona tipo un “colpo” all’allergia e non sembra avere effetti collaterali.

  1. Neti Pot e Irrigazioni Nasali

Il neti pot è uno strumento per le irrigazioni nasali che puoi trovare in erboristerie fornite, negozi indiani o su siti di vendita online tipo amazon. Più semplicemente, gli sciacqui nasali con acqua e sale li puoi fare anche con un bicchiere e a mano, tappando una narice per volta. Oppure si trovano spray nasali di soluzione salina o argento colloidale.

Questa pratica pulisce le cavità nasali dagli allergeni e dalle irritazioni, inoltre asciuga e sterilizza il setto nasale riducendo lo “sgocciolio”.

 

Se provi uno o più di questi rimedi naturali per le allergie stagionali, e ne trai giovamento, condividi la tua esperienza!

 

Naso: Anatomia tipi malformazioni funzioni e patologie del naso

Tipi di Naso e malformazioni

Il naso è una prominenza, a forma di piramide triangolare anatomicamente situato al centro del viso e fa parte dell’apparato respiratorio del corpo umano. Nel naso sono scavate le due fosse nasali comunicanti anteriormente con l’esterno ognuna tramite la corrispondente narice, e posteriormente col cavo faringeo tramite la corrispondente coana. Non tutti gli esseri umani hanno lo stesso naso, la sua forma può essere differente soprattutto se osservato di profilo.  Esistono diversi tipi di naso e ad ognuno è stato dato un nome in base alle caratteristiche anatomiche e di forma comuni come ad esempio:

  • Naso diritto o di Augusto, dal profilo perfettamente rettilineo
  • Naso greco, pur esso dal profilo rettilineo ma privo della lieve infossatura (angolo fronto-nasale) alla radice del naso
  • Naso rincagnato o di Socrate, a profilo concavo
  • Naso aquilino o di Dante, a profilo convesso

Spesso vengono confusi i diversi tipi di naso dalle caratteristiche forme alcune delle quali citate, con modificazioni patologiche a carico dello scheletro nasale, più che di variazione di forma si dovrà parlare di malformazione e ad esempio è possibile osservare il Naso camuso o a sella cosi chiamato perché una profonda depressione alla sua radice gli conferisce l’aspetto di una sella e che può essere espressione di sifilide congenita.

Per malformazione congenita il naso può altresì mancare (arinia), sdoppiarsi (birinia), allungarsi mostruosamente a guisa di proboscide (polirinia), mancare di aperture all’esterno, cioé di narici (atresia delle fosse nasali), presentare la persistenza della fessura facciale verticale mediana dei primi tempi dello sviluppo embrionale nel seno materno (naso di mastino), ecc. Queste malformazioni nasali congenite (di solito accompagnate da altre mostruosità fetali) sono determinate da sifilide ereditaria. Dal punto di vista della configurazione anatomica, nel naso si distinguono: una radice, che si incastra in alto tra le due sopracciglia; una base, costituita dall’estremità inferiore libera che presenta le due aperture dette narici; tre facce, di cui la posteriore e aderente allo scheletro facciale e le due laterali – destra e sinistra — sono libere e convergenti tra loro, e formano il dorso del naso.

Il Naso e le sue parti

Gli strati del naso sono cinque, e precisamente:
1°) la pelle, spostabile sui tessuti sottostanti in alto e aderente agli stessi in basso, in corrispondenza delle ali o pinne nasali;
2°) il connettivo sottocutaneo, che é più sviluppato in corrispondenza delle ali;
3°) i muscoli intrinseci nasali, che sono 4 (il piramidale, l’elevatore dell’ala, il trasverso, il mirtiforme) e conferiscono al naso quella ridotta mobilita di cui esso é dotato;
4°) lo scheletro osseo-cartilagineo, formato in alto dalle ossa nasali (due, uno per lato, che saldandosi tra loro costituiscono la volta o dorso del naso, assieme ai processi montanti dei due mascellari superiori, destro e sinistro), e in basso dalle cartilagini nasali costituenti il tratto inferiore del setto nasale e lo scheletro cartilagineo delle due ali nasali;
5°) la mucosa nasale, che tappezza le pareti delle due fosse nasali scavate nell’interno del naso.
Ogni fossa o cavità nasale risulta costituita da:
a) una parte inferiore — denominata vestibolo — che comunica all’esterno con la rispettiva narice ed é rivestita di pelle, su cui sono impiantati quei peli lunghi e sottili, che si chiamano vibrisse e hanno la specifica funzione di trattenere i granellini di pulviscolo atmosferico o di polveri varie che tendono a penetrare nella fossa nasale durante la fase inspiratoria;
b) una parte superiore — che costituisce la fossa nasale propriamente detta — suddivisa in tre concamerazioni o meati (superiore, medio, inferiore) a causa dello sporgere, dalla parete laterale della fossa, di tre laminette ossee più o meno accartocciate su sé stesse, chiamate cornetti o turbinati (pur essi distinti in superiore, medio e inferiore). La mucosa che riveste questa fossa nasale propriamente detta ha struttura diversa a seconda che tappezzi il tratto superiore o inferiore della fossa. Ogni fossa comunica posteriormente con la parte alta della faringe mediante un’apertura detta coana.

Funzioni del Naso

Il naso ha diverse funzioni, precisamente sono tre le funzioni che questa parte del corpo umano è adibito:

  • respiratoria l’aria esterna si riscalda passando per le fosse nasali, si arricchisce di un certo grado di umidità e si depura del pulviscolo atmosferico per mezzo delle vibrisse;
  • olfattoria percezione dei vari odori che avviene ad opera di speciali cellule olfattive poste nel tratto più alto della mucosa nasale;
  • fonatoria pronunzia delle consonanti nasali M ed N.

Patologie del Naso

Le patologie che possono colpire il naso in modo diretto possono essere:

  • Le RINITI ovvero infiammazioni della mucosa nasale che possono essere di varia natura e decorrere in modo acuto o cronico
  • il RINOSCLEROMA
  • la RINOSPORIDIOSI
  • la RINOLITIASI (o calcolosi delle fosse nasali) sono altre affezioni nasali

Tra i tumori del naso, i più frequenti sono i polipi mucosi (benigni) mentre molto più rari sono i sarcomi e i carcinomi (maligni); tra le malformazioni — oltre a quelle già menzionate — sono da ricordare le deviazioni del setto nasale, acquisite o congenite, che vanno corrette chirurgicamente quando sono di grado tale da rendere impossibile o difficile la respirazione per via nasale.

Spuntini dietetici: sani e veloci per vivere bene

Sei a dieta e non sai cosa mangiare a metà mattina o a metà pomeriggio? stai cercando di tornare in forma perdendo quei chili di troppo che sai bene creeranno imbarazzo quando ti troverai di fronte alla prova costume? Non disperare! in questo articolo troverai tantissimi spuntini dietetici da mangiare senza avere i sensi di colpa. Fare uno spuntino dietetico non è solo una prerogativa che dovrebbe interessare soltanto a chi sta a dieta, ma dovrebbe essere l’obiettivo di chiunque. Infatti, anche se non si ha un peso eccessivo in questo momento storico, ciò non significa che a causa degli spuntini non dietetici che si fanno durante la giornata lontano dai pasti, non si possa ingrassare successivamente. Spesso ci viene voglia di fare uno spuntino, ma non sappiamo cosa prepararci e poi non vogliamo perdere troppo tempo nel farlo, il Dr. Oz e la sua dieta ci suggeriscono quali sono gli spuntini che possiamo mangiare senza badare troppo alla bilancia e che sono salutari per il nostro organismo.

Leggi tutto “Spuntini dietetici: sani e veloci per vivere bene”

Depressione: Sintomi rimedi naturali e cura

La depressione è un disturbo medico molto serio. E ‘ molto di più di una semplice sensazione di tristezza o malinconia. Sono davvero numerosi quelli che possono essere avvertiti come sintomi della depressione, alcuni dei quali potrebbero addirittura aiutare a comprendere in anticipo che un soggetto sta per iniziare a soffrire di depressione.
In questo articolo vogliamo fare un viaggio nel disturbo depressivo, cercando di capirne:

  • I Sintomi
  • Le cause
  • L’impatto sulla società
  • La depressione nei bambini
  • La depressione e la maternità
  • Le cure
  • Rimedi naturali alla depressione

Leggi tutto “Depressione: Sintomi rimedi naturali e cura”

Dimagrire con la Dieta del Panino

I chili in più, pochi o molti che siano, sono una vera e propria ossessione per tutti. Lo stile di vita, spesso troppo sedentario, le abitudini alimentari sbagliate, il rallentare fisiologico del metabolismo, ci portano con il passare del tempo, a modificare la taglia dei vestiti, a dover sbottonare l’ultimo bottone del jeans e a tenere in dentro la pancia per sembrare ancora piatti.A volte meglio morire soffocati, che mostrarsi ingrassati!

A parte gli scherzi, un po’ di sano movimento (basta una camminata a passo veloce per mezz’ora al giorno) ed una corretta educazione alimentare il più delle volte sono sufficienti a tenerci in forma. Esiste però un momento in cui l’ago della bilancia scende troppo pericolosamente verso destra, ed allora bisogna correre ai ripari.

La dieta, però, non è sempre facile da attuare, soprattutto per problemi di tempo:la pausa pranzo è il più delle volte breve e lascia giusto il tempo per uno spuntino veloce. La buona notizia è che si può dimagrire anche mangiando un semplice snack a pranzo, l’importante è che sia quello giusto. La dottoressa Diana Scatozza, medico specialista in scienza dell’alimentazione, ha ideato appunto la dieta del panino, che con un apporto giornaliero di 1300 calorie, consente di perdere 5-6 chili in un mese ed è adatta anche a chi non ha molto tempo . Ha inoltre il vantaggio di soddisfare anche il palato, perché la varietà di gusti e combinazioni può essere infinita.

Quale pane scegliere

Il pane fornisce soprattutto carboidrati (50-70 grammi ogni 100 grammi ) un po’ di proteine (9-12 grammi) e pochi grassi. Di contro, è anche povero di minerali, di vitamine e di antiossidanti. Per una dieta efficace, naturalmente, bisogna fare attenzione al tipo di pane. Quello bianco che mangiamo di solito, è quello che apporta il maggior numero di calorie:inoltre, la presenza di lievito provoca spesso gonfiore intestinale. Per evitare inconvenienti del genere, è preferibile non farlo riscaldare, perché il calore riattiva la lievitazione.

Seguendo un regime dietetico, è meglio scegliere il pane integrale, più ricco di fibre, che aiutano anche l’intestino e la sua motilità, o comunque panini meno conditi, come quello francese o il pane arabo. Molto gustoso anche quello con i semi, che siano di lino, di zucca o di girasole, conferiscono al pane un sapore ed un profumo particolare, vera delizia per il palato. Da evitare focacce, piadine e pizze bianche, più unte, grasse e salate.

Come farcire il panino

La scelta degli ingredienti con cui farcire il panino è, ovviamente, fondamentale perché sia gustoso e vario, ma anche leggero e digeribile. Ricordiamo, inoltre, che la pesantezza che si avverte dopo aver mangiato il panino spesso dipende dalla velocità con cui si mangia. Preferiamo quindi gli insaccati magri, che compensano l’apporto di proteine: sì a bresaola, o prosciutto cotto, no ad insaccati, mortadella e salame.

Vanno bene anche pollo, tacchino ed anche la mozzarella. Meglio evitare i formaggi più stagionati e a pasta dura. Le verdure, ovviamente, sono consentite tutte,specie se cotte alla griglia o crude, come pomodori, zucchine e melanzane. Naturalmente, i cibi fritti sono da evitare assolutamente. Per condire gli ingredienti, meglio preferire l’olio extravergine d’oliva al burro. Inutile (o forse no) precisare che le salse come la maionese, la senape e similari sono assolutamente abolite.

Si ringrazia http://www.dietefacili.com

Tipi di diete: Quale dieta scegli? Ecco un elenco delle diete dimagranti più efficaci e veloci di sempre!

 

Ci risiamo! ogni volta che passa un periodo festivo come quello Natalizio o di Pasqua, e contestualmente si fanno sempre più vicine le vacanze al mare e la fatidica prova costume, ci si interroga su come fare per perdere peso e dimagrire nel modo giusto, per poter vivere queste prove al meglio. Un turbinio di domande si affollano improvvise nella mente di chi è in sovrappeso o in chi ha il ricordo dell’estate precedente quando mettendosi in costume ha mostrato al mondo intero quell’antiestetico grasso in eccesso. Quale dieta per dimagrire devo seguire?  Qual è la dieta più efficace? Qual è la dieta per dimagrire velocemente? Qual è la dieta migliore di tutte? Qual è la dieta per dimagrire in modo localizzato?. E se inizio a dimagrire, dimagrisco solo la pancia e perdo cm sulle cosce come desidero? oppure inizio a perdere massa magra invece di perdere massa grassa?, è possibile che mentre dimagrisco io metta a rischio la mia salute?, avendo questa patologia posso seguire una dieta dimagrante?

Come dimagrire nel modo giusto

E’ praticamente impossibile rispondere a tutte queste domande da soli, senza l’aiuto di un esperto dietologo o nutrizionista e senza consultare una lista di tipi di diete completa. Come prima cosa va sottolineato che è indispensabile il consulto di un dietologo professionista, un’esperto che riesca a seguire chi vuole dimagrire in modo costante. Non è soltanto una questione di scegliere il tipo di dieta che aggrada, ma è importantissimo per non incorrere in malesseri vari, anche conoscere con certezza le proprie condizioni fisiche attraverso delle analisi del sangue e delle urine iniziali e continuate per tutto il periodo di dieta dimagrante.

Ognuno di noi ha caratteristiche differenti, ha uno stato di salute diverso dagli altri ed è per questo che scegliere la dieta giusta da un elenco come quello che stiamo per fare, deve essere fatto contestualmente alla visita di un dietologo. Una volta individuato il tipo di dieta che si vuole e si PUO’ seguire, bisogna informarsi anche su quali siano gli alimenti giusti per dimagrire. Il corpo umano è  una macchina perfetta, nel nostro organismo attivare un processo di dimagrimento significa cambiare gli equilibri di questo meccanismo perfetto. Attraverso la scelta consapevole degli alimenti giusti, si può riuscire ad avere un altro risultato molto positivo oltre a perdere peso, ovvero il miglioramento di tutte le funzioni vitali espletate dagli organi. Dimagrire nel modo giusto dunque significa abbinare dimagrimento e perdita di massa grassa, al miglioramento estetico di pelle, capelli ed unghie, ed ottimizzazione delle funzioni vitali degli organi con conseguente miglioramento dello stato di salute e benessere generale. Tutto questo può essere fatto attraverso la scelta degli alimenti giusti e di un valido professionista.

Tipi di diete: Scegli la dieta dimagrante

Ecco di seguito l’elenco di tutte le diete che siamo riusciti a trovare per creare la lista di diete più completa del web! I tipi di dieta presenti nell’elenco non sono inserite in ordine alfabetico e non seguono nessun ordine preciso (esempio diete iperproteiche, diete vegane etc etc).

 

Dieta Plank

La dieta Plank è un metodo per dimagrire che viene identificato nel segmento diete iperproteiche. Ciò significa che chi cerca di perdere peso con questa dieta sa che la propria alimentazione sarà a prevalenza di proteine, e che zuccheri e carboidrati occupano un piccolissimo spazio nell’alimentazione. La dieta Plank non è aggressiva come altri tipi di diete iperproteiche (ad esempio la Dukan), perchè fin da subito chi segue questo regime alimentare può inserire nel proprio menu alimenti come frutta e verdura. L’obiettivo della dieta Plank è quello di modificare il metabolismo accelerandolo, ecco perchè nei menu di questo tipo di dieta non manca mai ad ogni pasto il caffè. Chi ha seguito tale dieta ha ammesso di aver perso dagli 8 ai 10 kg in soli 14 giorni. La rapidità di azione è un’altra caratteristica di questo tipo di dieta che generalmente è prediletta da chi vuole dimagrire rapidamente. L’ideatore della dieta Plank addirittura si sbilancia nel dire, che seguendola, chiunque potrà mantenere il peso acquisito per almeno tre anni successivi grazie al cambiamento del metabolismo che si attiva nelle due settimane di dieta.

Dieta paleolitica

Chi sceglie di voler seguire questo tipo di dieta dimagrante, deve far suo il concetto che avrà bisogno di scegliere accuratamente gli alimenti da mangiare, ed escludere ogni tipo di alimento derivante da allevamenti. L’alimentazione per fare la dieta paleolitica dovrà essere composta ad esempio da selvaggina e pesce pescato fresco. frutta e verdura sono ammesse ma solo se di stagione, ok per uova e miele. La dieta delle caverne, così viene soprannominato questo tipo di dieta, non è molto seguita proprio a causa dell’antieconomicità degli alimenti e la loro difficile reperibilità.

Dieta Dukan

Una delle diete che più hanno attratto a se critiche furibonde e dall’altra parte anche incalzanti testimonianze di successo. La dieta Dukan appartiene alla categoria delle diete iperproteiche e sembra essere una vera e propria rieducazione alimentare in quanto è composta da 4 fasi denominate dal suo ideatore, il nutrizionista francese Pierre Dukan fase di “attacco, crociera, consolidamento e stabilizzazione“. Una curiosità prima di continuare a descrivere questo tipo di dieta è da fare proprio sul suo ideatore.

E’ diventato ormai un luogo comune errato, dire che Pierre Dukan sia stato radiato dall’ordine dei medici per la creazione di tale regime nutrizionale. In effetti, è stato Pierre Dukan a chiedere all’ordine dei medici francesi di essere radiato. Infatti, la chambre disciplinaire de l’Ordre des médecins d’Ile-de-France, vietò al dottore di esercitare solo per 8 giorni e non per questo regime alimentare ma perchè somministrò un farmaco ad una paziente che soffriva di una patologia cardiaca.

la dieta Dukan come dicevamo, è composta di 4 fasi che si differenziano grazie all’introduzione successiva di cibi ricchi di carboidrati. Infatti essa è composta dalla prima fase dove gli alimenti utilizzati devono essere composti essenzialmente solo da proteine, nella seconda fase si continua la dieta mangiando a giorni alterni solo proteine o proteine e alcuni tipi di verdure fino al raggiungimento del peso forma ideale. Dopo essere dimagriti ed aver raggiunto il peso ideale, la dieta Dukan prosegue con la fase di consolidamento. In questa fase, si vuole rieducare il corpo ad un’alimentazione quasi tornata nella normalità ed evitare il classico effetto yo-yo che tantissime persone hanno dopo aver seguito una qualunque altra dieta. La quarta fase, quella della stabilizzazione, è un regime alimentare abbastanza libero ma ha 3 semplici regole da seguire a vita. le tre regole sono: 1°) alimentarsi il giovedì di ogni settimana solo con proteine. 2°) Integrare nella propria alimentazione 3 cucchiai di crusca d’avena al giorno.3°) fare 30 minuti di esercizio fisico, anche una camminata a passo svelto, ogni giorno.

Dieta Scarsdale

Questo tipo di dieta è spesso seguita da chi vuole dimagrire velocemente, spesso utilizzata dai soliti ritardatari che si ritrovano ancora un po appannati poco prima della prova costume, oppure da categorie di lavoratori che devono perdere peso rapidamente come ad esempio gli attori. Questa dieta dura 14 giorni ed ha un menu fisso oltre che dei valori nutrizionali anch’essi fissi. Infatti, la caratteristica principale della dieta Scarsdale è che bisogna alimentarsi con cibi che contengono il 43% di proteine, il 22,5% di grassi ed il 34,5% di carboidrati. Altra regola fondamentale per questo tipo di dieta è che la prima fase di due settimane a regime alimentare ridotto, deve essere seguita da un altra fase di mantenimento di altrettante settimane. E’ la dieta più seguita negli Stati Uniti, ed è anche la dieta che ha fatto nascere il luogo comune che vuole che per dimagrire bisogna alzarsi da tavola non del tutto sazi. Nella Scarsdale sono banditi i condimenti come olio, margarina e grassi e privilegiati gli alimenti ricchi di proteine come carne e formaggi.

Dieta senza glutine

La dieta senza glutine, si fonda sul concetto che il glutine presente in farro, segale o frumento sia dannoso per l’organismo. seguendo tale concetto, chi segue una dieta senza glutine di colpo elimina un’intera categoria alimentare che sono spesso considerati la base della classica dieta mediterranea (grano e cereali).

Per coloro che pensano che il glutine sia nocivo, senza addentrarci in argomentazioni difficili, c’è da dire che nessuna ricerca ha mai individuato il glutine come sostanza o alimento nocivo. In questo caso si può dire che tali convinzioni non scientificamente appurate, derivano da forti campagne di marketing pro diete gluten free, nelle quali personaggi del calibro di Gwyneth Paltrow sono diventati assidui sostenitori. Grazie a tali campagne di marketing a favore delle diete senza glutine, il fatturato annuo dei prodotti senza glutine, solo negli Stati Uniti d’America sembra addirittura essere quintuplicato.

la dieta senza glutine più che un tipo di dieta per dimagrire è un regime alimentare che è seguito da chi soffre di intolleranza al glutine. L’associazione di categoria A.I.C ( Associazione Italiana Celiaci) ha elencato e categorizzato in tre grandi gruppi tutti gli alimenti che i celiaci possono mangiare in sicurezza o che sono completamente banditi dalla loro dieta alimentare. Un gruppo comprende gli alimenti che nascono in natura gluten free, un altro gruppo tutti quegli alimenti che sono banditi, ed un altro gruppo comprende quegli alimenti che pur non contenendo glutine possono essere contaminati a livello di produzione.

 

Dieta carb lover’s

C’è chi dice che le diete iperproteiche fanno male, e di conseguenza chi proprio non se la sente di affrontare una di queste diete per dimagrire. Per queste persone sono indicate le diete a base di carboidrati, tra cui la Carb lover’s. E’ considerata una dieta a regime equilibrato, dove tra le caratteristiche si nota un limite fisso nell’assunzione di calorie giornaliere fissato in 1200 calorie. Il principio su cui è basata questo tipo di dieta, è che il corpo umano ha per alcuni amidi un processo di digestione molto lento, e sappiamo che un processo lento di digestione comporta un maggiore e prolungato senso di sazietà. Oltre a dare sazietà ed evitare il sopraggiungere della fame nervosa, il rilascio lento di questi amidi evita il verificarsi di picchi glicemici che è poi il motivo per il quale nelle diete dimagranti i carboidrati vengono ridotti o eliminati completamente. La durata di questo tipo di dieta è di 21 giorni ed è prevista la perdita di 1 kg a settimana.

Dieta del panino

per chi non riesce a stare lontano dall’immagine di un gustoso snack o un seducente panino, la dottoressa Diana Scatozza ha ideato un tipo di dieta che si basa proprio sul nutrimento a base di panini. La dottoressa Diana Scatozza, medico specialista in scienza dell’alimentazione, ha ideato appunto <strong>la dieta del panino</strong>, che con un apporto giornaliero di 1300 calorie, consente di perdere 5-6 chili in un mese ed è adatta anche a chi non ha molto tempo . Ha inoltre il vantaggio di soddisfare anche il palato, perché la varietà di gusti e combinazioni può essere infinita.

Questo elenco dei tipi di diete esistenti verrà aggiornato nel mese di Febbraio 2017 con altri 10 diete dimagranti che hanno attratto maggiore interesse da parte del pubblico, tra cui:

  • Dieta del Dr Oz
  • Dieta del Ghiaccio
  • Dieta Fast
  • Dieta lemme
  • Dieta Tisanoreica
  • Dieta Atkins
  • Dieta a zona
  • Dieta del supermetabolismo
  • Dieta Vegana
  • Dieta dissociata
  • Dieta Fruttariana
  • Cronodieta
  • Dieta del biscotto
  • Dieta della luna
  • Dieta crudista
  • Dieta Vegetariana
  • Dieta mediterranea
  • Dieta dei 22 giorni

Follicolite e Pelle Secca: Che connubio esiste?

La follicolite è un’infiammazione che coinvolge i follicoli piliferi, che spesso può anche evolvere in una vera e propria infezione batterica. Poiché i peli ricoprono tutto il corpo, anche se con visibilità e densità diverse, non solo tra uomo e donna, ma anche tra individuo ed individuo, il problema può insorgere in qualunque punto anche se collo, cosce, natiche e ascelle – qualche volta anche viso – possono essere più frequentemente soggette a questo disturbo.

Nel corso della follicolite, l’infiammazione dei bulbi piliferi della zona interessata comporta prurito di intensità variabile a seconda della gravità per processo flogistico. La conseguenza più immediata al prurito è chiaramente il grattamento, che a lungo andare può comportare abrasione degli strati cornei superficiali della pelle, con ulteriore peggioramento del processo infiammatorio e infezione.

Non è insolito che la follicolite sia la causa o la conseguenza di una secchezza cutanea eccessiva, derivata da altre problematiche: nel caso in cui la follicolite insorga primariamente, può portare a secchezza eccessiva della pelle per grattamento insistente che va a lesionare la cute; nel caso in cui la follicolite insorga secondariamente, nella maggior parte dei casi la secchezza cutanea è una situazione già pre-esistente, dovuta ad altri fattori.

 

Leggi tutto “Follicolite e Pelle Secca: Che connubio esiste?”

Digiuno depurativo: Disintossicarsi con il digiuno terapeutico

Il digiuno depurativo o terapeutico, non è solo l’astenersi dal mangiare dopo aver ingurgitato cibi in quantità maggiori durante periodi festivi, o dopo cene con amici, ma è un processo terapeutico da seguire per liberare il proprio organismo dalle tossine e disintossicarlo dagli agenti tossici. Un digiuno depurativo non è solo il classico e restrittivo digiuno totale dagli alimenti, che tra l’altro non è sempre consigliabile da adottare per purificare l’organismo. Il digiuno depurativo terapeutico può essere anche fatto mangiando solo determinati alimenti, ad esempio frutta e verdura. Tali alimenti mangiati durante il digiuno terapeutico, possono aiutare a prevenire malattie, ma anche a disintossicare il corpo da tossine e limitare i liquidi in eccesso.

Sei qui perchè hai sentito parlare di un sistema che in 5 giorni tenendo alta la temperatura del corpo, puoi riuscire ad ALLUNGARE la vita e PREVENIRE il 50% delle patologie future? il resto lo leggerai dopo, clicca qui guarda il video ed informati.

oltre ad essere una terapia che può essere limitata a determinati tipi di alimenti, il digiuno depurativo è una pratica che viene svolta in un lasso di tempo predeterminato. Esistono infatti digiuni depurativi che durano 1 giorno oppure 3 giorni.

Il digiuno terapeutico, o digiunoterapia si basa su alcuni punti fondamentali che sono:

  • Sostituire cibi solidi con liquidi
  • Integrare l’alimentazione con integratori
  • Non bere alcol
  • Non bere caffè
  • Non bere bibite gassate
  • Non fumare
  • Dormire dalle 8 alle 10 ore al giorno
  • limitare le attività lavorative
  • Evitare eccessi di ogni genere

I fautori del digiuno terapeutico depurativo, pensano che grazie a questo tipo di terapia, si possa riuscire a rivitalizzare l’organismo e tutte le sue funzioni vitali, ridare vitalità ad ogni organo interno fino a rendere più radiosa la pelle. Durante il digiuno depurativo è bene concentrarsi su ciò che si sta facendo e su se stessi.

Era doveroso spiegare cos’è il digiuno terapeutico detto depurativo, adesso continuando nella lettura potrai scoprire tra le altre cose:

  • Pro e contro del digiuno depurativo
  • Come preparare il proprio corpo al digiuno
  • A chi è sconsigliato
  • Il digiuno depurativo fa dimagrire o ingrassare?

Quelle appena elencate sono solo alcune delle informazioni che sono contenute di seguito, se vuoi rivitalizzare il tuo corpo o semplicemente informarti meglio sulla terapia del digiuno continua a leggere.

Leggi tutto “Digiuno depurativo: Disintossicarsi con il digiuno terapeutico”

Big Bust: Opinioni Recensioni e Prezzi

Big Bust per ingrandire il seno

È ora possibile migliorare il contorno del seno in modo naturale con Big Bust.”

Effetto push-up – una volta per tutte!

Risultati visibili dopo appena due settimane

  • Rende il seno più tondo e più sodo
  • Correzione del contorno e lifting
  • Solo ingredienti naturali
  • Il 95% dei consumatori ne conferma l’efficienza

Big Bust crema seno

SPEDIZIONE GRATIS

PAGAMENTO IN CONTRASSEGNO

N.B. il prezzo è 49 euro perchè siamo gli unici a dare la spedizione inclusa, gli altri la chiederanno dopo.

ACQUISTA BIG BUST DA QUI

Big Bust Funziona?

Si sta facendo un grande chiacchiericcio su questa crema che promette di ingrandire e rassodare il seno, e in rete si trovano molte recensioni di Big Blust che possono aiutare le utenti più dubbiose a capire se è giusto acquistare Big Bust o meno, leggendo le opinioni di chi Big Bust l’ha gia comprato ed usato.

Per capire se la crema seno Big Bust funziona abbiamo dunque ricercato su diversi forum dove spesso chiacchierano le donne, per offrire una comoda lettura delle recensioni alle nostre utenti abituali.

Big Bust recensioni

Nel forum Alfemminile abbiamo trovato una discussione sulla reale efficacia di questo prodotto per rassodare ed ingrandire il seno, che parte con la richiesta di delucidazioni da parte di un utente che si accingeva a capire se comprare o meno Big Bust, appagando il proprio bisogno di avere un effetto push-up naturale e poter mostrare il decollette dei propri sogni.

Citiamo le risposte che hanno mostrato un primo punto di osservazione:

Risposta Big Bust funziona utente 1

Ciao…
l’ho provata anch’io ma zero risultato. Ho provato anche altre creme e pillole ma purtroppo niente

Risposta Big Bust funziona utente 2

(in risposta al 1° utente) Ma l hai usata per 3 mesi o un solo un mese cioe un tubetto ? (l’utente 1 non ha più risposto)

Leggendo questa discussione si evince una caratteristica importante, sembra che per fare in modo che il tubo con la crema per il seno Big Bust funzioni, bisogna attendere non soltanto un mese ma si devono acquistare diversi tubetti per riuscire a mettere in atto un trattamento per l’aumento del seno di almento 3/4 mesi che dia risultati.

Big Bust quali benefici promette?

Per chi non conosce ancora questa crema seno, riportiamo i benefici promessi sul sito del produttore:

  • possibilità di aumento naturale del seno fino anche a 2 taglie
  • correzione della forma del seno
  • possibilità di rallentare il processo di invecchiamento della cute
  • trattamento delle smagliature

Prima di avventurarci nello stabilire se Big Bust funzioni o sia solo una bufala, è bene capire quali sono gli ingredienti che compongono la crema. Gli ingredienti della crema rassodante e tonificante sono:

  • Deoxymiroestrol:  sostanza estratta da piante e dunque naturale con proprietà antiage
  • Estratto di radice di pueraria montana: anche questa sostanza ha proprietà anti invecchiamento proteggendo la pelle dai radicali liberi
  • Olio etereo di rosa: idrata ed elasticizza la pelle.

Osservando le funzioni che gli ingredienti di Big Bust hanno, notiamo che per quanto riguarda le promesse fatte dal sito del produttore, ovvero eliminare le smagliature e rallentare il processo di invecchiamento cutaneo, possiamo affermare con quasi certezza che la crema seno Big Bust funziona contro le smagliature e contro l’invecchiamento del seno.

Come aumenta il seno di 2 taglie con Big Bust?

Il primo ingrediente, il Deoxymiroestrol o Pueraria mirifica, è quello che oltre all’azione antiage ha la facoltà reale di produrre un ingrandimento del seno. la Pueraria Mirifica e i prodotti da esse estratti fanno parte di quella categoria di fitofarmaci, ricchi di estrogeni, e i loro componenti principali sono il Miroestrol e Deoxymiroestrol. Gli effetti di tale sostanza su chi vuole aumentare il seno in maniera certa sono reali in quanto trattamenti per l’aumento dei seni sono spesso messi in atto da persone transgender. Su vari forum è stato possibile trovare diverse testimonianze di transgender che assumendo Pueriaria mirifica o Deoxymiroestrol in compresse e creme due volte al giorno, hanno potuto osservare da una parte un reale aumento del seno e dall’altra una migliore qualità della pelle.

Dunque Big Bust funziona davvero!

Spesso affidarsi alle recensioni e ai commenti degli utenti dei forum, non fa altro che alimentare i dubbi su un determinato prodotto. Ci si dovrebbe informare meglio sugli argomenti prima di postare proprie considerazioni personali. le persone che vogliono cambiare sesso e diventare donne, sono di certo quelle che più sono informate su questo argomento e possono essere una fonte di notizie molto vicine alla realtà.

ACQUISTA BIG BUST DA QUI

Mal di gola rimedi naturali: 6 rimedi della nonna per combattere la faringite

Avvertire dolore alla gola può essere davvero fastidioso. Un campanello d’allarme per il mal di gola può essere l’impossibilità o la ridotta capacità di ingoiare bocconi anche piccoli, o addirittura la saliva. Di solito non si da peso a questi lievi segnali, ma sarebbe opportuno farlo ed intervenire subito perchè spesso è proprio con questi piccoli sintomi che inizia il mal di gola.

Sono davvero tanti i rimedi casalinghi per il mal di gola, ed in questo articolo elencheremo alcuni rimedi naturali per alleviare i sintomi del mal di gola. Molto spesso per diverse patologie, siamo portati ad assumere farmaci per sconfiggerle, riuscire ad adottare rimedi naturali per problematiche come il mal di gola, può essere utile a non farci imbottire di farmaci come la tachipirina o l’Oki,  che potrebbero danneggiare altre funzioni nel nostro organismo.

Prima di elencare i nostri 6 rimedi naturali al mal di gola, è bene capire cos’è il mal di gola, quando la gola si infiamma e quali sono le cause e i sintomi che ci impediscono di inghiottire normalmente cibi o nei casi di infiammazioni gravi, ci procurano fastidi anche solo ingoiando la saliva. Prima di elencare i 6 rimedi al mal di gola, parleremo di:

  • Mal di gola (Faringite) definizione
  • Mal di gola cause
  • Mal di gola sintomi

Leggi tutto “Mal di gola rimedi naturali: 6 rimedi della nonna per combattere la faringite”

Dieta dopo le feste: 4 alimenti con meno di 100 calorie

Eccoci qua, siamo alle solite, prima grandi abbuffate e poi voglia di tornare in forma dopo le feste dove si è gioito e ci si è divertiti insieme a parenti e amici in modo spensierato. In questo periodo dell’anno non si contano i medicinali assunti per mandar via malesseri come reflusso gastrico, mal di testa, mal di pancia, diarrea e chi più ne ha più ne metta.

Tutto ciò non è dovuto solo alle grandi abbuffate con i cibi tradizionali del Natale e del Capodanno (o di Pasqua o di altre ricorrenze) non è dovuto solo al fiume di liquidi che siamo riusciti a ingurgitare, ma anche alle ore piccole passate a divertirsi sgranocchiando ovviamente qualcosa.

Bisognerebbe creare un vademecum intitolato “feste proprietà e controindicazioni” 😀 per evitare di doversi disintossicare da cibi ed eccessi dopo le festività.

Per fare una buona dieta dopo le feste e disintossicare il corpo dagli eccessi per tornare in forma e riuscire a giungere alla prova costume in modo adeguato, esistono delle semplici regolette da tener conto, oltre anche al saper scegliere i giusti cibi da mangiare. Per una dieta da fare dopo le feste passate, in primis bisogna cercare di assumere solo cibi che contengano poche calorie, in seguito faremo un elenco dei 10 alimenti che apportano meno di 100 calorie da mangiare dopo le feste e le ricorrenze.

Quali cibi contengono meno di 100 calorie e possono essere integrati in una dieta per perdere il peso acquisito durante le festività?

Leggi tutto “Dieta dopo le feste: 4 alimenti con meno di 100 calorie”

Fame nervosa: conoscerla e combatterla

Si è constatato, che molte persone vengono spinte a mangiare maggiormente ed in modo scorretto a causa del nervosismo. La fame nervosa, è un problema molto frequente ed anche chi di solito non sembra soffrirne può cadere in tale patologia.

Infatti, questo problema è capitato anche a Montel Williams, il quale dopo un lungo periodo di ricerca, ha creato una dieta che permette di trasformare le emozioni avverse in emozioni positive, e secondo il suo parere sono proprio le emozioni negative ad essere il motivo della fame nervosa.

Leggi tutto “Fame nervosa: conoscerla e combatterla”

Gastroenterite: Definizione sintomi e cura della gastroenterite infantile

La Gastroenterite, anche nota come Gastrenterite, è una patologia dell’apparato digerente che si verifica quando altre due patologie di congiungono, ovvero gastrite ed enterite. La gastroenterite è dunque una infiammazione della mucosa dello stomaco (gastrite), unita a quella dell’intestino tenue (enterite).

Poichè nel quadro morboso complesso della gastroenterite di solito predominano i sintomi dell’enterite su quelli della gastrite, la fenomenologia clinica della gastroenterite è fondamentalmente non dissimile da quella dell’enterite acuta per la gastroenterite acuta, e dell’enterite cronica per la gastroenterite cronica.

Leggi tutto “Gastroenterite: Definizione sintomi e cura della gastroenterite infantile”

Gastrite: Definizione tipologie cause sintomi e cura

L’infiammazione della mucosa che tappezza le pareti della cavità interna dello stomaco è detta gastrite. Si riconosce l’origine di questa patologia dell’apparato digerente in fattori morbigeni numerosi. Nel primo paragrafo ne distinguiamo i fattori scatenanti in modo dettagliato.

Leggi tutto “Gastrite: Definizione tipologie cause sintomi e cura”

Calcolosi: Cos’è e tipologie

Quando una cavità presente nel corpo umano, utile al passaggio di sostanze liquide fisiologiche, viene ostruita dalla formazione di calcoli, significa che è in atto quella patologia che nel mondo medico si indentifica con il termine Calcolosi.

Al verificarsi della Calcolosi i sintomi possono essere molto intensi, con dolori di diversa entità, e possono evidenziarsi anche infezioni. Il dolore si avverte quando i calcoli riescono ad ostruire completamente il flusso dei liquidi prodotti dall’organo interessato (esempio fegato, reni), o essi raggiungono le parti più strette delle cavità predisposte al passaggio dei liquidi fisiologici ( Bile, Saliva, Urina etc etc).

Leggi tutto “Calcolosi: Cos’è e tipologie”

Emangiomi Infantili, quali sono gli esami da fare?

L’emangioma infantile è una patologia tumorale a decorso benigno che compare sulla cute del bambino già nelle prime settimane di vita ovvero è già presente alla nascita (emangioma infantile congenito). Si tratta più precisamente di un disturbo della divisione cellulare delle cellule dell’endotelio costituente i vasi sanguigni, dai quali deriva anche il tipico colore rosa o rossastro nonché la possibilità di sanguinare. La diagnosi dell’emangioma infantile può pertanto essere svolta mediante osservazione oggettiva diretta della tumefazione cutanea, oppure in modo indiretto con ecografia intrauterina del feto. La diagnosi precoce dell’emangioma infantile assume una rilevanza significativa qualora le caratteristiche dell’alterazione abbiano elementi sufficienti per giustificare un intervento terapeutico.

Leggi tutto “Emangiomi Infantili, quali sono gli esami da fare?”

Bacche di Goji: Proprietà e benefici

Le Bacche di Goji dalle quali viene estratto il succo, sono frutti che crescono su una pianta denominata Lycium Barbarum L., un arbusto classificato nella famiglia delle piante Solanacee. Le bacche di Goji crescono nelle zone asiatiche della Cina e dell’altopiano del Tibet.

Le bacche di Goji sono da tantissimi anni riconosciute come frutti miracolosi per trattare diverse mancanze nutrizionali, perchè sono uno dei prodotti naturali più energizzanti al mondo. Quali sono i benefici delle bacche di Goji sul corpo umano? come riconoscere quelle qualitativamente migliori? Possono essere utili a dimagrire o ad aumentare la carica sessuale? A queste domande troverai risposta continuando a leggere l’articolo…

Leggi tutto “Bacche di Goji: Proprietà e benefici”

Avene: prodotti dermatologici per la cura di viso e mani

Avène è il brand Francese che prende il nome dal piccolo comune a sud della Francia nel quale sono situati i laboratori di ricerca. Avene è il marchio che produce creme e trattamenti dermatologici per la cura della pelle delle parti più esposte del corpo umano, come mani e viso. Avene è il primo brand interamente dedicato alla commercializzazione di articoli per la dermatologia, che è riuscita ad ottenere il riconoscimento Aquacert HACCP Thermalisme. La certificazione ottenuta dal brand Avene, ne consacra agli occhi dei competitors e garantisce ai consumatori dei prodotti, che il processo per la produzione di questi ultimi è di elevata qualità in termini organizzativi e di ingredienti utilizzati.

La particolarità dei prodotti e dei trattamenti a marchio Avene, è che il programma di trattamenti termali, sotto stretto controllo dermatologico, comprende trattamenti base e trattamenti complementari prescritti individualmente.

Leggi tutto “Avene: prodotti dermatologici per la cura di viso e mani”

Punti neri rimedi: 2 rimedi naturali per sbarazzarsi dei Punti Neri

Dopo aver pubblicato l’articolo sui rimedi naturali all’acne, siamo stati tempestati di richieste su un antiestetico, comune e fastidioso problema della pelle, un altro tipo di eruzione acneiforme… i punti neri. Se stai leggendo questo articolo è perchè probabilmente tu o una persona che ti sta a cuore ha visto comparire sul proprio volto questi antiestetici puntini. In questo articolo scoprirai dei rimedi per eliminare i punti neri, ma per fare in modo che questi metodi riescano a sconfiggere i punti neri, è bene che si conosca prima con quale nemico della bellezza si sta combattendo. Infatti, come leggerai tra poco, i punti neri non sono assolutamente da associare ad un’igiene personale scarsa, e spesso quelli che sembrano i rimedi migliori per i punti neri, in realtà sono controproducenti.

Leggi tutto “Punti neri rimedi: 2 rimedi naturali per sbarazzarsi dei Punti Neri”

Diarrea: cause sintomi e tipologie

La diarrea è tra le patologie che colpiscono l’apparato digerente, ed è uno di quei disturbi che si evidenzia con anomalie nella defecazione. Quando un soggetto soffre di diarrea, di solito vede aumentare la quantità di feci che quotidianamente riesce ad evacuare in condizioni normali. Le feci, oltre ad aumentare quantitativamente, vengono espulse anche con una consistenza differente al normale, di solito si notano feci più mollicce o addirittura si assiste all’evacuazione di diarrea liquida. Quando si soffre di diarrea, oltre a cambiare consistenza e quantità di feci espulse, cambia la frequenza con la quale si presenta lo stimolo ad andare di corpo.

Leggi tutto “Diarrea: cause sintomi e tipologie”

Il biologico migliora la salute?

Il cibo biologico ha degli indubbi vantaggi per il benessere e salute del nostro corpo ma il vantaggio dell’alimentazione biologica è doppio, perchè tutela anche l’ambiente che ci circonda visto che sono coltivati con tecniche di agricoltura biologica mirata a offrire prodotti di qualità elevata senza uso di additivi chimici o tecniche “ammazza terreno”.

Vediamo dunque quali sono i vantaggi dell’agricoltura biologica e soprattutto dello stile alimentare che ne consegue e cosa significa cibo biologico.

Leggi tutto “Il biologico migliora la salute?”

Moda capelli 2016: ricci e riga centrale.

moda-capelli-2014-lisciLa moda capelli, ancora più dell’abbigliamento, cambia radicalmente anno dopo anno. Prima va il lungo, poi il bob cortissimo, colori naturali o totalmente artefatti. In base a quello che abbiamo potuto vedere, il 2016 sarà l’anno dei ricci ribelli. Afro e incolti, con riga centrale.

La riga centrale

Perfetta sia con i capelli lisci che con i ricci. E, se preferite le vie di mezzo, anche con le onde morbide. A molte ricorderà gli anni Novanta, ad altre gli anni Settanta e gli hippy.
Tutto questo poi è perfettamente in linea con lo stile grunge che tanto si vede in giro negli ultimi mesi. Jeans stracciati e camicie a quadrettoni, da boscaiolo.

Rasature

E se vi siete abituate al vostro taglio asimmetrico, rasato su un lato, niente paura. Rimarrà in auge ancora per un po’. Rasatura a pelle sulla nuca, e lunghi davanti. Questa si rivelerà un’ottima scelta se avete i capelli lisci o facili da tenere in ordine. E, quando deciderete di farli crescere, potrete sempre optare per un long bob.

Ricci afro

Dopo anni di strapotere liscio, ecco finalmente una ventata di novità. Finalmente torna il riccio. Tra i tagli 2016, oltre a corti voluminosi e lunghi impeccabili, ci sono anche i capelli ricci, dallo stilo afro. Spesso abbinati ad una frangia morbida e aperta.
L’importante però è che i ricci siano molto curati e idratati, per non dare l’idea di trascuratezza. Quindi è bene utilizzare i prodotti giusti, magari a base di Olio di Argan.
Questo olio miracoloso, originario del sud del Marocco, è un ottimo nutrimento per i capelli, in grado di penetrare il fusto e di riparare i capelli danneggiati.
A questo proposito, è ottima la linea di prodotti Moroccanoil, tutta a base di Olio di Argan e specifica per capelli trattati, sfibrati o per chi ha una cute grassa o secca.
Questa linea di prodotti è consigliata soprattutto per chi utilizza spesso phon, piastre e tinte per capelli.
I prodotti Moroccanoil sono ricchi di proteine, omega 3 e vitamine, che si prenderanno cura dei vostri capelli.






Alluce Valgo rimedi: Esercizi e prodotti per eliminare l’alluce valgo

Ciao e benvenuta nel nostro articolo che cerca di offrire metodi e rimedi per curare l’alluce valgo. Se sei giunto fin qui, è perchè vuoi sapere come risolvere il problema dell’alluce valgo una volta per tutte. Come ogni patologia, anche per combattere e sconfiggere l’alluce valgo bisogna sapere con che tipo di problematica si ha a che fare, quali sono le cause del rigonfiamento a cipolla e quali di conseguenza i rimedi mirati per curare questa deformazione del dito più grande del piede.

Se guardando i tuoi piedi hai notato che il dito più grande (l’alluce), ti sembra molto più ravvicinato al dito accanto, se hai notato una protuberanza sulla parte laterale del piede corrispondente con la prima falange dell’alluce, che da l’impressione di avere una cipolla sotto pelle, probabilmente soffri di alluce valgo. Per questa patologia ci sono rimedi ortopedici, invasivi, naturali e non invasivi. In questo articolo non parleremo solo dei classici rimedi all’alluce valgo, come l’intervento chirurgico o il separatore di silicone, ma vogliamo raccogliere ogni tipo di rimedio naturale per curare l’alluce valgo del quale riusciamo a venire a conoscenza. Prima di parlare dei rimedi all’alluce valgo però, è doveroso capire tecnicamente a cosa è dovuta questa patologia che sempre più causa disagi, fastidi e dolore. Dopo aver parlato in generale dell’alluce valgo e dei suoi sintomi, parleremo di:

  • alluce valgo e rimedi non chirurgici
  • alluce valgo e rimedi della nonna
  • plantari per l’alluce valgo
  • alluce valgo prevenzione

Spesso i piedi sono interessati da una deformazione dovuta al rilassamento delle articolazioni, dei muscoli e dei legamenti. Tale deformazione del piede prende il nome di Alluce Valgo. Tale patologia ortopedica del piede, viene chiamata alluce valgo proprio perché a causa del rilassamento dei muscoli della volta plantare, produce la tipica protuberanza dell’alluce.

Leggi tutto “Alluce Valgo rimedi: Esercizi e prodotti per eliminare l’alluce valgo”

Rimedi per la Celiachia: Dieta senza glutine

Benchè se ne dicano tante in giro quella che è da considerare l’unico vero e efficace rimedio per la celiachia è una L’unica terapia per la celiachia è la dieta senza glutine. E’ tassativo che essa sia portata avanti in modo rigoroso, perchè bastano minime quantità di glutine per mandare a monte il rimedio per la celiachia e arrestare le migliorie istologiche. Un vero e proprio stile di vita la dieta senza glutine dunque, e non uno stile alimentare da adottare per brevi periodi o con strappi alla regola.

Il rimedio alla celiachia è la dieta alimentare senza glutine perchè da studi fatti, il livello massimo di glutine che un soggetto celiaco può assumere è pari a di 20 ppm (parti per milione). Un alimento e una dieta che contenga una quantità maggiore di questa, fa si che il livello di glutine ingerito diventi tossico.

Infatti, le attuali regolamentazioni legislative Europee, stabiliscono in tale limite quello minimo al di sotto del quale un alimento viene considerato privo di glutine.

C’è un luogo comune falso che afferma che una dieta priva di glutine pur essendo un valido rimedio alla celiachia non sia sicuro perchè potrebbe portare a carenze proteiche. Questa affermazione è falsa, perchè il glutine non è una proteina essenziale e dunque escluderlo da una dieta alimentare non comporta carenze.

Il rimedio alla celiachia è dunque una dieta restrittiva senza glutine?? Assolutamente si! Ma assolutamente non è giusto definirla restrittiva. Infatti esistono validissime alternative al glutine che possono rendere gustosissimi ugualmente gli alimenti e non far provare diete restrittive ai celiaci… basta conoscerli.

Vediamo dunque di seguito quali sono gli alimenti che possono sostituire il glutine in una dieta e rendere questo rimedio contro la celiachia valido e piacevole. Inoltre a fondo pagina delle gustose ricette senza glutine per poter iniziare la dieta fin da subito.

Leggi tutto “Rimedi per la Celiachia: Dieta senza glutine”

Carenza di Vitamine: patologie e integrazione

Nei Paesi industrializzati come il nostro, si pensa che sia improbabile che si verifichino carenze di vitamine tra la popolazione. Questo è vero per quanto riguarda le gravi carenze di vitamine, ma non è una cosa fondata se si pensa a carenze di vitamine più lievi.

Un deficit nel fabbisogno giornaliero di vitamine può capitare per diverse cause, e spesso anche chi crede che grazie ad una sana alimentazione sia immune da tale mancanza vitaminica può avere una carenza. Può averla ad esempio a causa del fumo delle sigarette che aumentando il fabbisogno vitaminico possono formare un deficit e di conseguenza bisogna integrare le vitamine che di solito si riescono ad immettere nell’organismo grazie all’alimentazione.

Leggi tutto “Carenza di Vitamine: patologie e integrazione”

Stasi venosa: Cause sintomi e rimedi dell’insufficienza venosa

Le vene varicose sono spesso sintomo e causa della stasi venosa, una patologia dell’apparato circolatorio da non sottovalutare perchè  collegata ad altri fattori può sfociare in una trombosi venosa.

La stasi venosa è un’insufficiente motilità del flusso sanguigno che scorre più lentamente nelle vene. Quando si verifica una stasi venosa nell’articolato complesso di vene presenti nel corpo umano, si verifica un insufficiente flusso sanguigno dalle parti più estreme del corpo verso il cuore.

Leggi tutto “Stasi venosa: Cause sintomi e rimedi dell’insufficienza venosa”

Valgomed: Opinioni recensioni e prezzi

[VALGOMED FUNZIONA o NO?]

Prima di commentare leggi tutto

Il separatore in silicone Valgomed è un tutore ortopedico per curare l’alluce valgo,e come ogni prodotto di punta nel proprio settore, attrae a se ogni anno migliaia di recensioni di utenti soddisfatti o meno soddisfatti. Personalmente quando devo scegliere un prodotto da acquistare, non tengo conto delle recensioni positive o di quelle negative, perchè entrambe possono essere costruite ad arte per favorire il prodotto o per agevolare la vendita di prodotti simili ma che non hanno un brand forte o peggio ancora sono realizzati con materiale scadente.  Prima di fare una recensione su Valgomed, invito ogni utente a leggere questo documento, perchè spesso le recensioni di Valgomed positive o negative sono dettate da un risultato ottenuto che a pensarci prima era ovvio! Cerchiamo di capire con una serie di domande alle quali daremo delle risposte, cosa cura Valgomed in realtà, quali vantaggi offre Valgomed, cosa previene, perchè comprarlo o non comprarlo.

Acquista Valgomed in offerta cliccando sulle seguenti immagini, scegli se acquistare 1 confezione singola da 32 euro o una doppia confezione da 45 euro:

valgomed valgomed

 

Leggi tutto “Valgomed: Opinioni recensioni e prezzi”

Un gioco facile facile per migliorare la motricità dei bambini

Solo quando ogni attività del corpo umano funziona alla perfezione, si può parlare di stato di salute ottimale. La quantità di apparati da lubrificare ed allenare nel nostro corpo è davvero enorme, se si parte fin da quando si è bambini però, si può riuscire da adulti ad mantenere uno stato di salute ottimale a 360 gradi senza troppi sforzi.

Un aspetto che spesso è trascurato è quello della motricità di base, anche da quelle che dovrebbero essere strutture preposte a tale miglioramento personale come quelle sportive. Con il giusto sviluppo della motricità in età infantile, un bambino/a può imparare non solo a coordinare meglio movimenti delle diverse parti del corpo, ma può anche imparare a percepire la presenza del suo corpo rispetto al mondo che lo circonda e rispetto agli altri individui.

Leggi tutto “Un gioco facile facile per migliorare la motricità dei bambini”

Acari: Cosa sono e come evitare che si annidino in camera da letto

Gli acari sono microrganismi le cui tracce sulla Terra risalgono a circa 290 milioni di anni fa, essi sono microrganismi viventi e la maggior parte di questi minuscoli animali non arriva a crescere oltre il mezzo millimetro di grandezza, anche se in alcuni casi possono raggiungere dimensioni consistenti ( 2 cm) ed anche essere visibili ad occhio nudo. Esistono diverse specie di acari (qui una Classificazione degli acari), che possono essere distinte in funzione della loro permanenza più o meno lunga ad infestare vegetali o animali e scatenando infestazioni dette acariasi ovvero patologie della pelle scatenate proprio dalla presenza di acari.

Leggi tutto “Acari: Cosa sono e come evitare che si annidino in camera da letto”

La Depilazione perfetta indolore e duratura esiste!

Sembrerebbe proprio che da qualche tempo si possa dire addio ai tradizionali metodi di depilazione che causano spesso dolore e non risolvono il problema della crescita dei peli a lungo termine. Grazie a SkinSilky si può dire addio alla classica ceretta da fare e rifare perchè in effetti non risolve a fondo il problema della crescita di peli indesiderati.

Ecco in cosa consiste il sistema SkinSilky…

Leggi tutto “La Depilazione perfetta indolore e duratura esiste!”

Stop alle antiestetiche Vene Varicose!

Sono antiestetiche, creano disagio nelle donne che all’improvviso guardando il proprio corpo allo specchio, o peggio ancora avvisate dall’amica di turno, scoprono che un serpentello rigonfio di sangue risale dietro alle gambe! Parliamo delle vene varicose, che possono essere sia sintomi di patologie dell’apparato circolatorio più gravi e per le quali c’è bisogno di un consulto medico, sia frutto di vita passata a rassettare casa!. Tanti i rimedi naturali che possono eliminare le vene varicose, ma in molti casi riescono a fare effetto solo dopo mesi e mesi di corretto trattamento. Esiste però un valido rimedio alle vene varicose, un gel realizzato con ingredienti naturali che a sentire le recensioni di chi l’ha provato, sembra essere un vero toccasana contro le antiestetiche e a volte dolorose vene varicose… Varicofix!

Vediamo più nel dettaglio, cosa riesce a guarire Varicofix e come si utilizza.

Leggi tutto “Stop alle antiestetiche Vene Varicose!”

Cura l’artrite e sconfiggi i dolori alle articolazioni!

Solo chi soffre di dolori alle articolazioni, conosce il grandissimo fastidio e dolore che ne consegue! Esiste un prodotto di nuova concezione che sta spopolando in tutto il mondo e dalle recensioni delle persone che l’hanno utilizzato, si intravede uno spiraglio di benessere per chiunque soffri di artrite. Parliamo di Arthroneo, uno speciale spray anti artrite realizzato con ingredienti naturali.Guardiamo più nel dettaglio cosa guarisce, come fa ad essere eccezionale per l’artrite, come va usato e quali sono gli ingredienti che lo compongono.

Leggi tutto “Cura l’artrite e sconfiggi i dolori alle articolazioni!”

Depurare il proprio corpo: si ma cosa?



Uno stile di vita sano e un’alimentazione equilibrata possono aumentare il livello di benessere e la qualità della nostra vita. Fin qui ottime parole, ma spesso tali rimangono perché non si è a conoscenza del fatto che per adottare uno stile di vita sano bisogna tenere in considerazione come prima cosa fondamentale la depurazione del corpo da tossine e agenti esterni.

Non basta dunque pensare alla dieta per perdere peso o al percorso benessere che ci farà sentire meglio, sono tutte cose che se non precedute da una depurazione completa da ciò che rende meno funzionante il nostro organismo, non saranno durature.

Nella frase depurare il corpo viene racchiusa tutta una serie di misure da adottare per fare in modo che esso si disintossichi completamente da agenti chimici introdotti a causa di errate abitudini quotidiane e non solo.

Per capire meglio il discorso depurazione, lo suddividerò in step, dividendo questo articolo in quali sono le parti del corpo da depurare e quali accorgimenti prendere in fase depurativa di tali organi.

Leggi tutto “Depurare il proprio corpo: si ma cosa?”

Erbe per depurare l’Intestino



Cattiva digestione e colon irritabile sono sintomi tipici dei problemi intestinali che spesso sottovalutiamo e non curiamo. Niente di più sbagliato. I disturbi legati all’apparato digerente spesso influenzano negativamente la qualità della nostra vita.

Una sana alimentazione, ricca di cibi freschi e privi di conservanti industriali è il primo passo verso il benessere del nostro apparato digerente.

Un’alimentazione scorretta, invece, provoca un eccesso di tossine nel nostro organismo provocando i disturbi di cui soffriamo, come la digestione lenta e difficile. Quindi eliminare le tossine in eccesso è il passo fondamentale da seguire. E per far sì che questo accada, oltre a seguire una giusta ed equilibrata alimentazione, appunto, dobbiamo affidarci ai benefici delle erbe depurative per l’intestino che ci faranno sicuramente star meglio.

Vediamo insieme le erbe che possono aiutare il nostro apparato digerente, o meglio, l’intestino a lavorare meglio.

Leggi tutto “Erbe per depurare l’Intestino”

Vene Varicose rimedi naturali: 6 rimedi per eliminare le Vene Varicose

Le vene varicose oltre ad essere una vera e propria patologia da trattare, è anche un antiestetico problema che spesso è visibile negli arti inferiori. A soffrire di vene varicose sono maggiormente le donne, ma esse non sono una prerogativa solo femminile a causa della moltitudine di fattori scatenanti che possono interessare anche gli uomini. Le antiestetiche vene gonfie ben visibili sulle gambe, possono essere sconfitte con rimedi naturali che riescono (chi più chi meno) a far rientrare il problema.

Se sei arrivata a leggere questo articolo sei afflitta anche tu dalle vene varicose e di certo stai cercando un rimedio. In questo articolo ne troverai ben 6 di rimedi naturali per curare le vene varicose, leggili e provali sperando che daranno sollievo alle tue gambe!

Leggi tutto “Vene Varicose rimedi naturali: 6 rimedi per eliminare le Vene Varicose”

SenUp: Crema per Aumento del volume del Seno

Con SenUp effetto Push-up

  • una volta e per sempre!
  • Incremento naturale ed armonioso del seno
  • Armonizzazione ed aumento della forma
  • Senup è composto solo dai migliori elementi naturali al 100%
  • Senup offre un risultato garantito e visibile nel 95% dei casi

Senup: Cosa fa?

SenUp – il risultato è il volume!

Senup rallenta i processi di invecchiamento della cute 3 volte di più. Va bene per tutte le donne, indipendentemente dall’età. Grazie a SenUp Vi dimenticherete per sempre delle smagliature e riuscirete ad indossare i vestiti scollati mostrando un invidiabile decollette. SenUp Incrementa il seno di 2 taglie Arrotonda e mette in risalto la forma.

Spedizione GRATIS

PAGAMENTO IN CONTRASSEGNO ALLA CONSEGNA

Pagamento in contanti al momento della consegna. Questo significa zero rischi legati alle transazioni anticipate, PAGHERAI SOLO QUANDO RICEVERAI L’OGGETTO!

Sono rimasti pochi pezzi in deposito.

SenUp: Modalità d’uso in 3 step

  1. La crema viene applicata sulla pelle ben pulita. Prima viene massaggiato il primo seno fino all’assorbimento completo della crema per 5-10 minuti.
  2. Poi viene massaggiato il secondo seno ed attendiamo il completo assorbimento. Ripetiamo tre volte sia il passaggio uno che due per un effetto più rapido e visibile.
  3. Massaggiamo entrambi i seni con i movimenti circolari terminando sulla parte inferiore, dove avevate iniziato.

Senup è un prodotto Bionsen.

Varikostan: curare le vene varicose con la crema Varikostan

Varikostan: Cosa guarisce?
Varikostan è una crema commercializzata per cercare di alleviare i sintomi derivanti dalle vene varicose. Varikostan è dunque un potenziale rimedio contro le vene varicose e i suoi fastidiosi ed antiestetici sintomi come le gambe gonfie e le vene gonfie.

Varikostan: Come funziona?
La crema Varikostan agisce grazie alla sua composizione che potrebbe migliorare la circolazione sanguigna riducendo la pressione del sangue nelle vene. Sembra che Varikostan possa essere un valido rimedio per le vene varicose in quanto la sua azione potrebbe migliorare il tono delle vene, ridurre la stasi venosa, ridurre la fragilità dei capillari e di conseguenza potrebbe eliminare il gonfiore delle vene derivante da tali problematiche circolatorie.

VARIKOSTAN OFFERTA LUGLIO/SETTEMBRE 2017
2 Varikostan €69

3 Varikostan €79

5 Varikostan €99

Per approfittare di questa offerta specifica il numero di confezioni che vuoi acquistare nel form di contatto.

Spedizione GRATIS
PAGAMENTO IN CONTRASSEGNO ALLA CONSEGNA
Pagamento in contanti al momento della consegna. Questo significa zero rischi legati alle transazioni anticipate, PAGHERAI SOLO QUANDO RICEVERAI L’OGGETTO!

Sono rimasti pochi pezzi in deposito

Vitamine: Classificazione funzioni tabella e effetti

Quelle che comunemente vengono definite vitamine, sono dei composti organici e nutrienti indispensabili per il buon funzionamento di tutto l’organismo e delle funzioni vitali degli organi interni. Di norma le vitamine vengono assunte attraverso l’alimentazione o in caso di deficit, grazie all’utilizzo di integratori che apportano il fabbisogno giornaliero di vitamine specifiche. Non tutte le vitamine sono benefiche per ogni organismo animale, ad esempio un tipo di vitamina C, l’acido ascorbico, è molto benefico per la salute dell’uomo ma non per un miglioramento della salute di altre specie animali.

Per il corretto funzionamento dei processi vitali, l’organismo ha bisogno oltre che di vitamine anche di sali minerali, acidi grassi e aminoacidi. C’è da dire inoltre che per svolgere correttamente la propria funzione, la razione giornaliera di vitamine che serve al corpo umano è minore di tali sostanze. Di seguito oltre alla classificazione, troverai anche una tabella delle vitamine per conoscere le funzioni delle singole vitamine, gli effetti in base a carenze o eccesso di presenza nell’organismo e dove si trovano le vitamine.

Leggi tutto “Vitamine: Classificazione funzioni tabella e effetti”

Ormoni: Funzioni tipologie e ormoni principali

Come visto nell’articolo dedicato all’apparato endocrino, esso è composto da una serie di ghiandole, ed ognuna di esse ha la funzione di secernere tipi di versi di Ormoni utili ai diversi processi vitali.

Gli ormoni possono essere considerati i messaggeri dell’organismo, che portano da una cellula all’altra segnali utili al metabolismo cellulare ed organico dei singoli gruppi cellulari. Gli ormoni sono secreti da diverse ghiandole, e l’Ipotalamo può essere considerato in quartier generale di tutto l’apparato endocrino e dei relativi messaggi che viaggiano nell’organismo attraverso gli ormoni.

Come funzionano gli ormoni?

Sono riconosciuti tre processi che vedono muovere gli ormoni nel corpo umano in un determinato modo. I meccanismi alla base possono essere:

  • Endocrino
  • Autocrino
  • Paracrino

Con il meccanismo endocrino, si nota il movimento dell’ormone secreto dalla ghiandola, che consente alo stesso di giungere alle cellule destinatarie del messaggio utilizzando il flusso sanguigno e l’apparato circolatorio.

Attraverso il meccanismo autocrino si nota come l’ormone prodotto da una determinata ghiandola, abbia effetto direttamente su di essa. Mentre quando si parla di processo Paracrino di nota che l’ormone sceglie per il suo viaggio nel corpo umano tra una cellula ed un’altra, utilizzando liquido extra-cellulare.

Gli ormoni e il comportamento con gli altri

In realtà gli ormoni non si muovono tutti solo all’interno di uno stesso organismo, ma ne esiste uno che ha la funzione di trasmettere segnali all’esterno del corpo umano, ovvero il Feromone. Questo tipo di Ormone può essere considerato il vero messaggero e regolatore dei rapporti interpersonali a livello chimico. Infatti, i Feromoni servono a inviare segnali verso altri organismi viventi che appartengono alla stessa razza o specie, e più semplicemente possiamo classificare le diverse azioni sull’organismo esterno come segue:

  • Allarme: in questo caso gli ormoni feromoni vengono secreti per aumentare il livello di allerta in determinate situazioni di pericolo e per avvisare anche gli appartenenti alla stessa specie del pericolo in atto.
  • Traccianti: Emessi da organismi e che in pratica tracciano una strada da seguire per gli altri
  • Scatenanti: Che vengono emessi da un organismo vivente per avvisare il ricevente di cambiare atteggiamento in qualunque situazione.
  • Segnalazione: Che sono secreti per scatenare comportamenti aggressivi o di accoppiamento e dunque anche segnali sessuali verso individui appartenenti alla stessa specie.

Ormoni sessuali

Gli ormoni sessuali sono di tipo steroideo cioè di natura lipidica. In base al sesso dell’individuo, gli ormoni sessuali cambiano la ghiandola endocrina che li emette. troviamo nell’uomo infatti la produzione di ormoni sessuali nei testicoli, mentre nella donna sono preposte le ovaie a tale produzione. Le diverse mutazioni fisiche che avvengono negli individui maschi e femmine col crescere in termini di età, sono dovute proprio al tipo di ormone secreto che possiamo distinguere in:

  • Androgeni (l’ormone principale androgeno è il Testosterone)
  • Estrogeni (tra i maggiori ormoni estrogeni troviamo l’estradiolo e l’estriolo)
  • Progestinici

 

Testosterone

Uno degli ormoni androgeni di tipo steroideo è il Testosterone. Esso è prodotto in gran quantità nei soggetti di sesso maschile la cui produzione è localizzata nei Testicoli, ed in piccolissime quantità anche nelle donne dove viene prodotto nella corteccia surrenale e nelle ovaie.

Le cellule all’interno dei testicoli che producono il testosterone si chiamano cellule di Leydig, dalle quali deriva anche il nome dell’ormone che maggiormente influenza la funzione del testosterone, ovvero l’ormone LH (luteinizzante).

nelle donne la produzione del testosterone è minima e per di più esse tendono a trasformare tale ormone androgeno in estrogeno. Come abbiamo spiegato precedentemente, gli ormoni sono in grado di influenzare lo sviluppo degli attributi sessuali sia nell’uomo che nella donna. Il testosterone di conseguenza, è deputato allo sviluppo completo dell’apparato genitale maschile portandolo da una infantile alla fase prima adolescenziale e poi adulta.

Oltre allo sviluppo dell’apparato riproduttivo, il testosterone è preposto alla formazione dei caratteri distintivi di un uomo maturo che possono essere la barba, la distribuzione diversa dei peli, la voce mascolina ed una muscolatura più maschile. In pratica si può dire che il testosterone è l’elemento essenziale per la virilità maschile, un deficit di tale ormone può portare a scompensi e deficit.

Un buon livello di testosterone garantisce la maturazione degli spermatozoi e la relativa fertilità, e oltre a ciò è il regolatore di quantità e qualità dello sperma prodotto perchè esso è operante sulle vie spermatiche e sulla Prostata.

Produzione di testosterone e disfunzione erettile

Importante sapere la quantità media che un uomo può produrre di testosterone, perchè un deficit può alterare la sfera sessuale e rendere la vita con un eventuale partner meno soddisfacente. La produzione giornaliera di testosterone nell’uomo varia dai 5 ai 7 milligrammi ma, superati i 40 anni, tende a diminuire annualmente dell’1%.

Conoscere tale livello di produzione è importante perchè al testosterone sono legati il processo che consente l’erezione del Pene ed il desiderio sessuale e dunque un giusto equilibrio nella produzione di testosterone garantisce di stare alla larga da disfunzioni erettili.

 

Estradiolo

L’Estradiolo è uno degli ormoni sessuali femminili più importanti tra tutti gli ormoni di tipo estrogeno. Così come capita per il testosterone nell’uomo, l’estradiolo è prodotto principalmente dalle donne ma in piccolissime dosi è prodotto anche dalle ghiandole endocrine dell’uomo. L’importanza dell’estradiolo è dovuta alla sua correlazione alla fertilità femminile ed è un ormone secreto principalmente nei periodi dove un soggetto di sesso femminile è fertile.

L’estradiolo ha nella donna funzioni di tipo sessuali primarie e secondarie, ha infatti lo scopo di agevolare lo sviluppo dell’apparato riproduttivo femminile ma anche di tutti quei segni distintivi che differenziano una donna da un uomo; come ad esempio le mammelle o il timbro di voce femminile, la formazione di depositi di grassi sui fianchi. Una mancanza di tale ormone è responsabile di molti dei disturbi della menopausa.

Serotonina

La serotonina è un ormone che trasmette i segnali tra le cellule nervose. E’ stato riscontrato che variazioni importanti del livello di serotonina nel cervello possano alterare l’umore. L’idea ormai condivisa è che la riduzione della serotonina può aumentare la predisposizione alla depressione. Da alcuni studi è emerso inoltre che una carenza di serotonina può portare anche a comportamenti impulsivi come aggressività e ossessione, fino ad atteggiamenti che inducono poi al suicidio.

Ormone della Crescita GH

Quello che comunemente viene chiamato “ormone della crescita” (GH) è la somatotropina. Questo ormone appartiene alla tipologia degli ormoni peptidici ed è secreto dall’adenoipofisi. L’ormone della crescita è composto da ben 191 amminoacidi e la sua funzione principale è quella di agevolare lo sviluppo dell’organismo nell’essere umano ma anche in molti altri vertebrati. Il processo con il quale la somatotropina riesce a stimolare la crescita cellulare, consiste nella sua facoltà di riuscire a far avvenire la divisione mitotica nelle cellule di gran parte dei tessuti del corpo.

L’Insulina

L’insulina è l’ormone principale verso in quale si indica la responsabilità dell’attivazione del processo di ingrassamento, scientificamente chiamato lipogenesi. Le proprietà dell’insulina sono anaboliche, è classificato come ormone peptidico ed è prodotto nel Pancreas, grazie alla presenza al suo interno di alcune cellule dette di Langerhans.

 

Ginseng Rosso Coreano: Un toccasana Afrodisiaco Fisico e Mentale

Il Ginseng, pianta appartenente alla famiglia delle Araliaceae, è una pianta le cui proprietà benefiche per l’essere umano sono molto conosciute ed utilizzate. Il Ginseng è molto conosciuto per le sue proprietà afrodisiache e perchè è uno degli ingredienti principali di alcuni prodotti che curano la disfunzione erettile nell’uomo come ad esempio Omnipotence. Pochi sanno però che il Ginseng ha proprietà adattogene, antistress ed ipoglicemizzanti e dunque sfruttato sin dalle antichità per risolvere diverse patologie e disfunzioni.

Leggi tutto “Ginseng Rosso Coreano: Un toccasana Afrodisiaco Fisico e Mentale”

La Prostata: Anatomia funzione e patologie

La ghiandola prostatica, meglio conosciuta come Prostata, fa parte dell’apparato genitale maschile ed ha la funzione principalmente di produrre il Liquido seminale grazie al quale lo Sperma riesce ad essere nutrito e condotto nel viaggio che percorre per la riproduzione. Anche la prostata dunque, fa parte dell’apparato riproduttivo maschile ed il suo funzionamento è di vitale importanza proprio affinchè quest’ultimo non si alteri.

Anatomicamente la Prostata, è situata nel corpo di un uomo tra la Vescica e l’intestino retto, e grazie a questa posizione anatomica, la Prostata può essere facilmente esaminata mediante palpazione esercitata per via anale. Proprio accanto alla prostata, insistono diversi complessi muscolari, detti sfinteri, che sono anche utilissimi al processo eiaculatorio. Non a caso, alcuni esercizi per curare l’eiaculazione precoce, come ad esempio gli Esercizi di Kegel, vanno a stimolare e ad allenare proprio quei muscoli per regolare l’eiaculazione. Sono muscoli importanti perchè contraendoli, si è in grado di regolare sia il flusso dell’urina che dello Sperma, potendo così in quest’ultimo caso garantire una più soddisfacente attività sessuale.

La prostata è attraversata dall’Uretra, il condotto attraverso il quale passa l’urina ed anche il liquido seminale.

Patologie della Prostata

le patologie che possono interessare la ghiandola Prostatica durante la vita di un uomo sono diverse e per lo più di natura infiammatoria e tumorale. Di seguito elenchiamo le principali patologie che possono attaccare la Prostata:

  • Prostatite (infiammazione della prostata)
  • Prostata ingrossata
  • Adenomatosi prostatica
  • Tumori

I sintomi che lasciano capire che la Prostata sia affetta da qualche tipo di patologia sono di natura urinaria e tramite osservazione ed analisi delle urine si può capire se la Prostata è in stato ottimale di salute o meno.

Altri sintomi per le patologie della prostata sono:

  • Alterazione della minzione
  • Dolori localizzati nel pube
  • Febbre
  • Diminuzione del getto dell’urina
  • presenza di sangue nelle urine

 

LE VIE SPERMATICHE

le vie spermatiche fanno parte dell’apparato riproduttivo e più precisamente sono parte integrante dell’apparato genitale maschile e possono essere considerati degli importantissimi condotti attraverso i quali si muove lo Sperma utile a fecondare l’Ovulo della donna e a procreare. I tubuli seminiferi retti sono rivestiti da un epitelio cilindrico semplice, e vanno a formare una rete di canali scavata nello spessore del mediastino del didimo (rete testis).

Leggi tutto “LE VIE SPERMATICHE”

Disfunzione erettile: Definizione cause e rimedi

Un tempo anche dalla medicina veniva chiamata impotenza sessuale, poi numerosi studi scientifici hanno spinto gli andrologi di tutto il mondo a sostenere che una disfunzione erettile non è solo una patologia, ma può anche essere un disturbo all’apparato genitale maschile che ha come causa differenti patologie come l’eiaculazione precoce o il deficit erettivo del pene.

Una giusta definizione della disfunzione erettile, può essere l’incapacità da parte di un soggetto maschile, ad avere un rapporto sessuale soddisfacente. Con tale definizione è più facile capire che una persona che soffra di disfunzione erettile può sia non riuscire ad iniziare o completare un rapporto sessuale per via di un deficit di erezione, sia non riuscire a farlo per una eiaculazione troppo rapida.

Leggi tutto “Disfunzione erettile: Definizione cause e rimedi”

Apparato genitale maschile: Anatomia e fisiologia

L’apparato genitale maschile è il sistema di organi che consentono agli individui di sesso maschile di potersi riprodurre attraverso un rapporto sessuale con individui di sesso diverso. L’apparato genitale dei maschi, conosciuto come apparato riproduttivo maschile, è presente in ogni specie animale, in questo articolo parleremo dell’anatomia e delle funzioni dei genitali maschili nell’essere umano, degli organi importanti come la Prostata e di caratteristiche come il Frenulo. Vedremo le differenze tra l’apparato genitale maschile e femminile ed alcune immagini non volgari ed interessanti del sistema riproduttivo dell’uomo.

Leggi tutto “Apparato genitale maschile: Anatomia e fisiologia”

Stitichezza in allattamento: cause e rimedi

La stitichezza è una patologia che interessa molto spesso le donne sia nella fase di gravidanza che in quella successiva ossia durante l’allattamento del nascituro. La stitichezza in allattamento è un problema molto più frequente di quanto si immagini, ricerche hanno appurato infatti, che circa l’ottanta per cento delle donne che hanno partorito ed iniziato ad allattare soffrono di stitichezza.

Se stai leggendo questo articolo e sei una donna in allattamento e stai soffrendo di stipsi, probabilmente starai pensando che sapere di non essere l’unica ad avere difficoltà ad evacuare nel periodo dell’allattamento non è di certo un sollievo dai fastidi e dai dolori della stitichezza. Proprio per questo elencheremo successivamente una serie di rimedi utili a liberarsi della stitichezza in allattamento, ma prima dobbiamo capirne le cause.

Leggi tutto “Stitichezza in allattamento: cause e rimedi”

Dimagrire con la dieta senza glutine

Spesso alcune persone soffrono di intolleranza all’ essenza di lipoproteica, quindi un ottimo consiglio per tali persone è quello di prendere seriamente in considerazione di seguire una dieta senza glutine, la quale è composta di altri tipi di cereali, che aiutano ad eliminare rigonfiamento e aumento di peso. E’ opportuno seguire questa dieta solo per 1 mese, perché alcuni esperti dichiarano che essa può far perdere più o meno 3kg in un lasso di tempo pari a 30 giorni.

Oggi sono molte le persone che effettuano la dieta senza glutine, però il glutine, che è proteina del grano, in alcune persone causa dei gravi fastidi, come la celiachia a causa della quale, alcune persone devono assolutamente eliminare dalla propria nutrizione cibi che contengono glutine.

Leggi tutto “Dimagrire con la dieta senza glutine”

Obesità infatile: il benessere alimentare nel bambino

Non solo in America, anche in Italia è allerta obesità infantile

Una recente indagine statistica ha messo in luce il precario stato di benessere dei bambini italiani. Tra i bambini che hanno un età compresa tra gli 8 ed i 10 anni, quasi uno su tre è in sovrappeso: il 20% pesa troppo, il 9,8% e’ obeso.

In una indagine statistica rilevata durante il 2014, il Ministero della Salute  ha scoperto dati davvero sconcertanti, dati che sono stati esaminati a Expo al convegno “Sovrappeso e obesita’ nel bambino”.

Il convegno è stato organizzato presso  lo spazio Women for Expo,  tra gli intervenuti si segnala la  dottoressa specialista in Scienze dell’Alimentazione al DCA Gruber Bologna, Donatella Ballardini,  che ha svolto una interessante lezione  sul  “riconoscere il problema obesita’ infantile e comprendere le strategie per affrontarlo e prevenirlo”.

I genitori sono invitati a non trascurare in nessun modo il problema del sovrappeso infatti una discrepanza tra  peso/altezza può diventare in breve tempo obesità. Leggi tutto “Obesità infatile: il benessere alimentare nel bambino”

La dieta del Dr. Oz per perdere 5 kg di peso

Si dice che il Dr. Oz abbia creato una dieta in grado di ristimolare, l’organismo in 2 settimane. Si mormora che aiuta a organizzare chi segue tale dieta dall’istante impiegato a fare la spesa fino alla preparazione dei cibi. Uno dei punti forti della dieta del dottor Oz infatti obbliga a rivedere tutti i cibi che di solito si utilizzano nella propria alimentazione, eliminando quelli che sono più dannosi alla linea. Questo è un punto di forza della dieta del Dr Oz anche perché in questo modo chi seguirà tale regime dietetico non si ritroverà davanti alimenti che possono minare la tua salute e la linea.

Gli alimenti che secondo la dieta del Dr. Oz sono assolutamente da eliminare dalla dispensa, sono quelli che hanno scritto sulla confezione, zuccheri semplici, sciroppi, farina raffinata, grassi saturi, acidi grassi trans.

Leggi tutto “La dieta del Dr. Oz per perdere 5 kg di peso”

Pancia piatta in 30 giorni ?

l’ esperto Brett Hoebel, vi garantisce un ventre piatto in solo 30 giorni, con un alimentazione giusta, la quale è priva di zuccheri semplici e grassi, i quali si accumulano facilmente sul ventre.

Le proteine, le prendiamo solitamente da pollo, tacchino, uova, ma per chi non preferisce questi tipi di cibo è possibile mangiare pesce, carne rossa o carne di maiale magra, anche questi alimenti contengono proteine.

Ci sono due tipi di  carboidrati, i complessi e i semplici. I carboidrati complessi li assumiamo mangiano la patata americana, i cibi integrali, la farina d’ avena, le verdure come broccoli, spinaci, asparagi, lattuga, cavoli, bietole insomma tutte le verdure a foglia larga. Mentre i carboidrati semplici, li assumiamo mangiando mele o frutti di bosco.

Leggi tutto “Pancia piatta in 30 giorni ?”

Come sconfiggere l’acne? Prova le creme Miamo!

Sconfiggere l’acne si può, basta scegliere i prodotti giusti. Oggi vi parliamo della gamma di prodotti Miamo nati proprio per sconfiggere il problema dell’acne, di qualunque origine esso sia.

Una serie di prodotti, quella Acnever, che è stata concepita proprio per mettere la parola fine su brufoli, punti neri e comedoni, con prodotti che oltre che a basarsi su reagenti naturalissimi, sono anche stati testati in laboratorio per offrire risultati certi su qualunque tipo di pelle.

 

 

Il perché dell’acne

L’acne può avere in realtà tantissime cause diverse che la scatenano, anche se il quadro clinico di partenza è sempre piuttosto simile: pelle infiammata, con eccesso di produzione di sebo e pori della pelle piuttosto dilatati.

È questo il quadro tipico dal quale si scatena il fenomeno acneico, ed è questo il quadro che i prodotti Miamo vanno ad attaccare per ripristinare una situazione di normalità, che permetta alla pelle di liberarsi, da sola, di brufoli e punti neri.

 

Una pulizia a fondo, ma delicata

La pulizia della pelle diventa, in questa ottica, il passaggio fondamentale per chi voglia tornare ad avere una pelle in salute, ed è qui che entrano in gioco i prodotti specifici di cui abbiamo parlato fin ora, che tramite un processo multi-fase sono in grado di farci riottenere una pelle finalmente in salute:

– il primo passo è la pulizia, con un sapone delicato ma in grado di andare ad eliminare lo sporco anche in profondità. Lo sporco infatti è il luogo ideale per lo sviluppo dei batteri e delle infezioni, dalle quali poi nascono le risposte del nostro corpo che portano, inevitabilmente, all’acne.

– il secondo passo è quello di eliminare cellule morte e impurità: a questo scopo potremo usare un esfoliante come Salicilic Acid Exfoliator di Miamo, un prodotto che permette sia di stimolare la rigenerazione cellulare, sia di andare ad astringere i pori della pelle, limitando la possibilità di insorgenza dei punti neri e al tempo stesso svolgendo una azione seboregolatrice su tutto il corpo.

– il terzo passo è quello di mantenere la pelle idratata, utilizzando prodotti come quelli a base di acido lattico e acido glicolico sempre offerti dalle linee Miamo. Prodotti in grado di andare a lenire ed idratare una pelle secca che sta avendo problemi, anche se si è messa sul binario giusto per tornare ad essere libera da brufoli e acne.

Vuoi saperne di più? Visita il sito http://www.miamo.com/ e sfoglia le sezioni dedicate: troverai tutto quello di cui hai bisogno per combattere l’acne ed i brufoli.

Capelli e cuore in salute con l’ olio di lino

E’ un olio vegetale, ottenuto dalla tecnica della spremitura a freddo dei suoi semi e dal gusto leggermente amaro, l’olio di lino è ottimo sia per trattamenti di bellezza che per la salute. Grazie ai suoi semi di lino, considerati elementi alimentari tra i più benefici per la salute dell’uomo nel mondo, questo incredibile olio ha anche virtù nutrizionali notevolissime e può essere sostituito perfettamente al più costoso olio di merluzzo.

Leggi tutto “Capelli e cuore in salute con l’ olio di lino”

Artrite: 3 rimedi naturali super efficaci… Olio Salice e ArthroNeo!

Abbiamo visto in un precedente articolo, come curare l’artrite con Curcuma e Zenzero. In questo nuovo articolo invece, vedremo come alleviare i sintomi dell’artrite con altri due rimedi naturali. Scopriremo infatti come curare l’artrite con l’Olio extravergine d’oliva e con la corteccia del salice bianco.

Continua a leggere e scopri questi due validi rimedi naturali per sconfiggere l’artrite!

Leggi tutto “Artrite: 3 rimedi naturali super efficaci… Olio Salice e ArthroNeo!”

Liberarsi dall’Artrite con il Sale di Epsom e la Curcuma

Prendiamo la libertà di movimento per scontato, fino a quando diventa limitata, con la comparsa di artrite e dolori articolari. La causa di questo per molte persone si presenta sotto forma di artrite o l’infiammazione di una o più articolazioni. Ci sono due tipi principali di artrite, osteo e reumatoide, entrambi influenzano il giunto in modi diversi.

Osteo artrite è quando la cartilagine tra le ossa si usura fino a d assotigliarsi o addirittura scomparire favorendo il contatto tra due ossa. Reumatoide è po meno semplice, causata da una malattia autoimmune che causa l’infiammazione della membrana sinoviale (un tessuto molle che protegge le articolazioni del corpo) e che può portare a perdita di tessuto osseo. Qualunque sia la vostra esperienza, esistono rimedi naturali per curare l’artrite, per gestire il dolore e alleviare i sintomi.

Curcuma & Zenzero contro artrite

Curcuma e zenzero sono entrambi anti-infiammatori, e vi aiuterà con l’osteoartrite e l’artrite reumatoide. La curcuma in particolare, ha ottenuto molta attenzione ultimamente. Il suo componente principale si chiama curcumina, che è un potente antiossidante. Inoltre, abbassa i livelli di 2 enzimi responsabili dell’ infiammazione. Possono essere assunti sotto forma di capsule o magari mediante un bel tè speziato da godersi ogni giorno.

Per preparare questo rimedio avrai c’è bisogno di:

  • 2 Tazze di acqua
  • 1/2 Cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1/2 Cucchiaino curcuma
  • miele a piacere

Preparazione rimedio

Portare le 2 tazze di acqua a ebollizione, e mescolare ½ cucchiaino di zenzero in polvere con la curcuma. Lasciare bollire lentamente per circa 10-15 minuti e aggiungere il miele nella quantità che si è scelto a piacere. utilizzando queste quantità, si riusciranno a ricavare due porzioni che sono esattamente la dose consigliata per un giorno.

 

Curcuma in Polvere

 

 

Sale di Epsom e artrite

Il sale di Epsom contiene solfato di magnesio, il cui nome fa un po ‘paura, ma è davvero una sostanza meravigliosa. Minerale presente in natura, il solfato di magnesio è stato utilizzato nei secoli per ottenere sollievo dal dolore.

Per rimediare all’artrite e alle infiammazioni con il sale di Epsom avrai bisogno di questi ingredienti:

  • 1/2 Tazza di sale Epsom
  • Un Grande ciotola
  • Acqua calda

Preparare il rimedio

 

Sale di Epson Csm

Voto medio su 64 recensioni: Da non perdere

 

Riempire una grande ciotola con acqua calda e aggiungere ½ tazza di sale Epsom. Girare e mescolare, e poi immergere le articolazioni doloranti nel liquido. Se il dolore è presente in un posto più difficile da mettere in ammollo, come ad esempio le ginocchia, provate a fare un bel bagno caldo con i sali di Epsom. Basterà riempire una vasca piena di acqua calda e aggiungere 2 tazze di sale di Epsom e mettersi in ammollo per almeno 15 minuti.

Spero che con questi due rimedi naturali per l’artrite, riuscirai ad alleviare i sintomi e i dolori lancinanti di questa patologia. iscrivendoti alla nostra newsletter, ogni settimana invieremo nuovi rimedi naturali su questa ed altre patologie da sconfiggere con i rimedi naturali della nonna!

*Aggiornamento rimedi contro l’artrite*

 

Arthroneo spray anti artrite

arthroneo

Le articolazioni presenti nel corpo umano, sono organi di giunzione tra capi ossei, interconnessi attraverso tessuti connettivi. Le articolazioni si differenziano In base alla loro mobilità, e possiamo distinguerle in articolazioni mobili (come quelle della spalla), articolazioni semimobili come quelle che sono presenti tra le vertebre, e quelle fisse (cranio).

Le articolazioni del corpo umano sono sollecitate ogni giorno da carichi pesanti e movimenti bruschi che ne diminuiscono la capacità di movimento. ArthroNeo è uno spray studiato apposta per guarire e riportare allo stato normale, le articolazioni mobili e semimobili che a causa di patologie come ad esempio l’artrite o la lombalgia provocano intensi dolori oltre che portare a deformazioni nei casi più gravi.

ArthroNeo: Come cura l’artrite?

ArthroNeo contiene un ingrediente che potenzia la naturale produzione di collagene del corpo. Questa proteina rigenera e risana i tessuti connettivi che tendono a usurarsi e lacerarsi facendo eliminando dunque patologie come l’artrite

Vene varicose: Varici cause complicanze e cura

La dilatazione più o meno circoscritta della parete di una vena forma la Varice. Quando si presenta la Varice, la parete assume una forma assottigliata ed alterata, mentre la vena stessa risulta più allungata, tortuosa e le sue valvole risultano insufficienti. Spesso le zone anatomiche del corpo umano che frequentemente sono colpite dalla comparsa delle Varici sono: le gambe (vene varicose), l’ano (attraverso la comparsa di emorroidi) e l’esofago in casi di cirrosi epatica.

Leggi tutto “Vene varicose: Varici cause complicanze e cura”

Fumare fa ingrassare o dimagrire?

Siamo arrivati alla terza puntata di questo nostro viaggio contro il fumo, siamo passati dall’offrire gratuitamente un metodo per smettere di fumare, a spiegare perchè non bisogna avere timore di ingrassare se si smette di fumare. Oggi vogliamo cercare di risolvere un dubbio che spesso aleggia intorno a questo argomento: Ma fumare fa ingrassare o dimagrire?.

Leggi tutto “Fumare fa ingrassare o dimagrire?”

Smettere di fumare fa ingrassare?

Se hai deciso di toglierti finalmente il vizio delle sigarette perchè hai letto il mio precedente articolo su come smettere di fumare gratis e senza aiuto, ma non sei deciso al 100% perchè hai paura di ingrassare, devi assolutamente leggere questo articolo che ti spiega se è vero oppure è soltanto una diceria che smettere di fumare fa ingrassare.

Innanzitutto ti faccio i miei complimenti, perchè porsi l’obiettivo di smettere di fumare è probabilmente la meta più importante da raggiungere nella tua vita in tema di miglioramento della salute in generale.

Proprio in virtù di quanto appena detto, e cioè che smettere di fumare porta vantaggi a livello di salute nel corpo umano a 360 gradi, non trovo giusto non perseguire questo obiettivo solo perchè si ha paura che smettendo di fumare si possa iniziare ad ingrassare.

Leggi tutto “Smettere di fumare fa ingrassare?”

Smettere di fumare: Con il mio metodo butterai le sigarette SENZA AIUTO

Intorno all’argomento smettere di fumare si è creato un business ancor più proficuo della stessa vendita di sigarette, l’unica differenza è che invece di guadagnare solo i Monopoli di Stato guadagnano anche altri soggetti che promettono metodi, ricette, farmaci e aiutini miracolosi per disintossicarsi dalla nicotina e buttare per sempre le sigarette in un cassonetto dell’immondizia.

Ti sembrerà strano ciò che sto per affermare, ma sono molte di più le persone come me che hanno smesso di fumare senza alcun aiuto esterno (Gratis) che quelle che hanno utilizzato rimedi contro la nicotina di ogni genere e vi sono riusciti.

Prima di dirti in modo assolutamente gratuito il mio metodo, quello con il quale ho smesso di fumare, vorrei parlare del vizio del fumo, della nicotina, degli altri metodi che vengono venduti per non essere più dipendenti dalla nicotina e che promettono in cambio di soldi di poter iniziare nuovamente a respirare a pieni polmoni liberamente e senza tossire a causa delle sigarette.

Smettere di fumare: perchè gli altri metodi sono dannosi?

Chiunque è un fumatore ha avuto nella sua vita almeno una volta la voglia di dire basta alla dipendenza da nicotina, per tornare a respirare, a gustare i cibi come una volta, a sentire gli odori, il profumo dei fiori o per qualsiasi altro motivo personale, familiare o di salute.

Chiunque ha cercato di togliersi il vizio, si è però imbattuto nei classici metodi per smettere di fumare tanto promossi dalle case farmaceutiche o da chiunque voglia guadagnare dalla dipendenza dei fumatori che hanno intrinsechi in loro stessi (i rimedi contro il fumo), delle barriere enormi per il fumatore. Qualunque metodo per smettere di fumare MENTE spudoratamente per evitare che tu riesca a smettere di fumare e rimanere un potenziale “cliente”.

Metodi per smettere di fumare e affermazioni negative

Le affermazioni che assumono una caratteristica di negatività nei confronti del fumatore voglioso di non comprare più le sigarette dal Tabaccaio sono tali per il semplice fatto che esse stesse vengono dette in quanto opinabili alcune e false altre. Per smettere di fumare è necessario far tesoro soprattutto di questo passaggio, perchè è come creare una barriera contro le classiche cose che sono da ostacolo al raggiungimento dell’obiettivo “Smetto di fumare da solo adesso e gratis”.

  • I primi giorni sono terribili!

Questa frase spesso ferma anche quelli che maggiormente avrebbero bisogno di togliersi il vizio della sigaretta, quelli che hanno problemi di salute e magari potrebbero morire anche solo per un altro tiro.

Eppure chiunque vende rimedi per smettere di fumare afferma che il periodo più difficile per riuscire a togliersi la sigaretta di bocca è proprio l’inizio della terapia.

Da ex fumatore ti dico che è FALSO

Chi sta scrivendo è una persona che ha fumato dall’età di 13 anni una quantità di sigarette che in base ai periodi, è variata da uno a due pacchetti al giorno. Quando ho avuto il desiderio di smettere di fumare ( ci sono riuscito per ben due volte da solo) ed ho iniziato il metodo per me infallibile, ero talmente contento di riuscire a non fumare che mi godevo ogni istante che passava… soprattutto nella prima settimana!

Per facilitare la comprensione di ciò che scrivo, cerco di esternare qui le sensazioni che ho provato quando mi sono trovato ad affrontare i primi 3 giorni senza assumere nicotina, la prima settimana e poi il primo mese.

La sensazione che ricordo, anche con piacere, è quella di essere intorpidito, come se fossi sempre in fase di risveglio anche durante il resto della giornata.

Forse proprio perchè quando ho deciso di smettere di fumare l’ho fatto perchè le mie motivazioni erano stare bene, smettere di puzzare di fumo di sigaretta, iniziare nuovamente a respirare bene ed affrontare con più fiato le partite di calcetto con gli amici. Forse è proprio questo che ha fatto si che io smettessi di fumare con successo…. anzi no! la motivazione reale la leggerai nel metodo per smettere di fumare tra poco.

In queste prime fasi, mi veniva voglia di fumare solo dopo aver bevuto il classico caffè al mattino, o dopo aver mangiato. Ne parlo dopo nello specifico, per adesso mi limito a dire che parliamo di pochi minuti al giorno con il desiderio di fumare, ed un giorno è fatto di 1.440 minuti. Insomma… paragonando pochi minuti di voglia di accendere una sigaretta con la totalità dei minuti a disposizione durante un giorno, mi sembra abbastanza fuorviante dire che i primi 3 giorni o la prima settimana da quando si decide di smettere di fumare sono TERRIBILI.




 

  • Aumento del nervosismo

Questa è un’altra affermazione negativa che può compromettere l’obiettivo “smettere di fumare” e onestamente non è del tutto vera. E’ vero che sono stati riscontrati aumenti di irritabilità e irrequietezza in alcuni soggetti che smettevano di fumare, ma è anche vero che a me non fumare non mi ha portato nervosismo, anzi… Sono venuto alla conclusione personale, che è proprio la sigaretta ad alimentare il nervosismo.

Con molta probabilità i soggetti che hanno provato crisi isteriche o sono diventati nervosi, con conseguente difficoltà a dormire e cali di concentrazione, NON HANNO SCELTO in modo PERSONALE di smettere di sfumacchiare ma sono stati obbligati a farlo. Il mio metodo per smettere di fumare vale solo per chi è consapevole in prima persona di volersi togliere il vizio di fumare.

E’ la sigaretta che porta il nervosismo! HO RAGIONE IO

La nicotina provoca danni al sistema nervoso dal primo giorno in cui si assume, danni che aumentano col passar del tempo e del numero di sigarette fumate. La nicotina, non fa altro che aumentare il passaggio della corrente tra un cellula nervosa ed un’altra, determinando uno stato di eccitamento del sistema nervoso (NERVOSISMO). Il sistema nervoso di una persona che fuma da anni, risulta assolutamente compromesso e si può passare da avere stati di semplice stress fino ad esaurimento nervoso totale.

Nervosismo e sigaretta diventano man mano un circolo vizioso compromettendo il sistema nervoso e serviranno solo cure e riposo per riportarlo allo stato naturale. Già la vita odierna aumenta lo stato di stress dell’individuo, se a ciò aggiungiamo il fumo della sigaretta, non faremo altro che accelerare il nostro cammino verso le case di cura per malattie mentali o verso la comparsa del Cancro.

sapendo questo adesso… Mi vien voglia di dire a tutti quelli che vendono rimedi per smettere di fumare, che non fanno altro che portare i fumatori verso un peggioramento della condizione fisica, quando affermano che NON è la sigaretta a portare il nervosismo bensì lo placa… FALSO.

 

Smettere di fumare: Effetti e benefici

Gli effetti benefici che porta al corpo umano la fine della dipendenza da nicotina e da tutte quelle sostanze tossiche e nocive presenti in ogni sua componente (filtro e cartina), sono davvero tanti. Ancor di più sono i vantaggi che si possono trarre dallo smettere di fumare nelle relazioni sociali, lavorative ed amorose.

Quando si smette di fumare si hanno questi benefici fisici tangibili:

  • Dopo 20 minuti
    La pressione arteriosa e la frequenza cardiaca tornano nella norma
  • Dopo 24 ore
    I polmoni cominciano a ripulirsi dal muco e dai depositi lasciati dal fumo
  • Dopo 2 giorni
    L’organismo si è liberato dalla nicotina e ricomincia a recuperare gusto e olfatto
  • Dopo 3 giorni
    Si comincia a respirare meglio e si recupera energia
  • Dopo 2-12 settimane
    La circolazione del sangue migliora
  • Dopo 3-9 mesi
    Il miglioramento nella respirazione si fa più marcato; tosse e sibili si riducono
  • Dopo 1 anno
    Il rischio cardiovascolare si è dimezzato rispetto a quello di chi continua a fumare
  • Dopo 10 anni
    Il rischio di tumore del polmone in molti casi è tornato pari a quello di chi non ha mai fumato o comunque è dimezzato (dipende da molti fattori, tra cui il numero di sigarette fumate e gli anni in cui si è fumato)

Schema tratto dal sito dell’AIRC

Lo schema dei benefici che ho avuto io smettendo di fumare è questo:

  • Dopo 20 minuti ero soddisfatto, stranamente calmo, non sentivo il solito senso di ansia che avvertivo poco prima.
  • Dopo 1 ora ero contentissimo, concentrato, respiravo meglio, non tossivo, non sentivo la puzza della sigaretta sotto al naso, avvertivo maggiormente i profumi, mi sentivo come appena sveglio ma con il cervello iperattivo e perfettamente funzionante.
  • Dopo 12 ore sono riuscito ad addormentarmi prima del solito, ho passato una giornata intensa di soddisfazioni e riassaporato il gusto del cibo genuino.
  • Dopo 1 giorno non credevo ai miei occhi! Sono riuscito a svegliarmi prima del suono della sveglia, ero stracontento mi sentivo super perchè ero riuscito senza alcun problema a NON fumare addirittura per un giorno!
  • Dopo 2 giorni mi sentivo nel pieno delle mie energie, ebbi un rapporto sessuale davvero soddisfacente ed anche la mia eiaculazione era di un bianco…vabbè
  • Dopo 3 giorni notai che quando salivo le scale nonostante il mio peso eccessivo non affannavo più, riuscivo a respirare meglio. durante la partita di calcetto i miei muscoli sembravano aver ritrovato una sintonia straordinaria con il mio cervello e tutte le attività motorie risultavano agevoli.
  • Dopo 6 giorni passai un week end con gli amici, solito tavolo di poker e birra a go go. tutti fumavano intorno a me e NON mi venne voglia di fumare neanche per un solo secondo! Inoltre non mi dava fastidio sentire la puzza di fumo, per me semplicemente non esisteva.
  • Dopo 7 giorni notai che i miei capelli, la mia pelle, i miei denti… erano migliorati a livello qualitativo. Un amico in palestra mi chiese se avessi fatto il trapianto di capelli!
  • Dopo 1 mese guardandomi alle spalle notai che la mia situazione relazionale, amorosa, lavorativa, economica, sessuale, era migliorata di molto!

Erano passati solo 30 giorni da quando avevo spento l’ultima sigaretta, eppure mi sembrava di NON aver mai fumato, mi sembrava di essere un uomo diverso e mi rattristai quando pensai ai miei 10 anni buttati a causa della sigaretta… non è solo una questione di respirare meglio, di saper respirare, inspirare, espirare… son cazzate queste! Chi decide di smettere di fumare cambia in modo drastico in meglio la propria vita presente non solo quella futura!

 

Come Smettere di Fumare Gratis e da solo

Ecco come ho smesso di fumare IO

smoking-951984_640

Come prima cosa per riuscire a smettere di fumare grazie al metodo con il quale ci sono riuscito io, devi essere consapevole di volerlo fare tu senza costrizione alcuna. Se hai problemi di salute e devi smettere di essere dipendente dalle sigarette urgentemente consulta il medico. Chiunque stia in situazioni di salute ottimali invece provi a smettere di fumare sfruttando il mio metodo, mi farebbe piacere che portasse la propria esperienza commentando questo articolo. Magari, monitorando giorno per giorno le sensazioni che realmente prova e le difficoltà che incontra realmente e non in base a stupide credenze.

Prima voglio spiegarti cosa c’è alla base del metodo e poi te lo spiegherò in modo schematico, dopo potrai decidere se provarlo  gratuitamente o andare a comprare qualche altro rimedio per smettere di fumare.

La frase magica

Alla base di questo metodo c’è una frase che per me è diventata magica e mi ha consentito di eliminare la dipendenza dalla nicotina.

“sono stato X tempo respirando bene posso farcela per altri 30 secondi!” 

Questa frase mi venne in mente così, all’improvviso, nessun rituale, nessun corso di PNL alla base della sua comparsa, solo due fattori:

  1. La determinazione a raggiungere l’obiettivo “smettere di fumare da solo e gratis”
  2. La consapevolezza che ogni istante trascorso senza accendere una sigaretta non deve essere sprecato, ma visto come un mini obiettivo raggiunto

Sembra facile… ED INFATTI LO E’!

Quando smisi di fumare per la prima volta, lo feci di mattina, andavo a lavoro, erano le 8.00 e già avevo fumato ben 5 sigarette! Camminavo verso l’ufficio, avevo solo 23 anni, e già a quell’ora del mattino avvertivo i seguenti sintomi e malesseri:

  • Nausea
  • Bruciore di stomaco
  • Mal di testa
  • irregolarità intestinale
  • Respirare affannosamente
  • difficoltà di equilibrio
  • Tosse
  • Decimi di febbre

 

Pensai… ho 23 anni o 87? Ma che mi sta succedendo? nell’esatto istante che pensai questa frase, mi accorsi che avevo in mano la mia 6° sigaretta ed ero sveglio solo da 1 ora e mezza!

Guardai la sigaretta e proprio in quell’istante passavo dinanzi ad un cassonetto dell’immondizia, presi il pacchetto dalla tasca, l’accendino… e gettai tutto il mio male li dentro.

E dopo? maturò la consapevolezza in me di potercela fare a smettere di fumare e senza volere inventai il mio metodo contro la dipendenza da nicotina.

Giunsi sul luogo di lavoro, dove risiedono delle abitudini per il fumatore difficili da sdradicare come prendere il caffè con i colleghi, fumare la sigaretta mentre si chiacchiera, uscire sul balcone a fumare una sigaretta nell’ora di pausa, nascondersi in bagno con l’aspiratore e fumare di nascosto…

Niente…

Nessuna di queste cattive abitudini quel giorno riuscì a scalfire la mia voglia di smettere di fumare. Mi venne il desiderio di accendere una sigaretta ogni volta, ma contestualmente pensai a quanto fossi stato male la mattina e iniziai a recitare la frase antifumo “sono stato 1 ora respirando bene posso farcela per altri 30 secondi!”, “sono stato 1 ora e 15 minuti respirando bene posso farcela per altri 30 secondi!”, “sono stato 3 ore respirando bene posso farcela per altri 30 secondi!” e via via col passar del tempo mi rendevo conto che recitavo sempre meno quella frase… sono stato 6 ore respirando bene, mezza giornata, 1 giorno, 1 settimana, 1 mese….  posso farcela per altri 30 secondi!

Ogni volta che recitavo quella frase, trovavo qualcosa nel quale impegnarmi che mi avesse dato una mano a non pensarci. Ripetevo a me stesso: Adesso faccio questa attività,poi nel caso dopo mi viene ancora voglia di fumare faccio altro fino a quando non mi esce dalla mente il desiderio di fumare.

 

Se sei entrato in questo articolo è perchè cerchi di capire come smettere di fumare. Abbiamo letto fino ad ora quali benefici si possono avere smettendo di fumare, quali effetti ha sull’organismo la dipendenza da nicotina e come è nato il mio metodo per riuscire a smettere di stringere tra le labbra una sigaretta fino alla morte. Adesso è giunto il momento di leggere il metodo…

 

Smettere di Fumare: Il metodo gratuito

Questo metodo è solo per chi non ha problemi di salute, ribadisco che per tutti quelli che hanno problemi di salute non sarò responsabile delle conseguenze e li invito apertamente a rivolgersi ad uno specialista.

  1. Crea una motivazione reale spiacevole e percepibile adesso
  2. Butta sigarette e accendino come rituale
  3. La frase antifumo
  4. L’alimentazione giusta
  5. Il monitoraggio della disintossicazione
  6. La consapevolezza di esserci riuscito

Crea una motivazione reale spiacevole e percepibile adesso

Molti credono che le frasi shock che compaiono sui pacchetti di sigarette, servano da deterrente all’acquisto. Questo è falso, servono solo ad aumentare la voglia di fumare e a mettere lo Stato e le ditte produttrici di tabacchi lavorati al riparo da cause legali. Queste frasi aumentano la voglia di fumare perchè allontanano il pericolo dal fumatore o comunque la percezione che lo stesso ha di quel determinato rischio per la salute. Insomma… forse pochi fumatori non hanno fatto a gara per acquistare tutti i pacchetti di sigarette con su scritto una determinata frase, quasi come si fa con le collezioni di figurine e giù di battitine tipo:

  • Io scelgo sempre di comprare i pacchetti con su scritto “il fumo nuoce alla salute del tuo bambino” (non ho figli! 😀 )
  • Io compro solo pacchetti di sigarette con scritto “il fumo passivo fa più male di quello attivo” (Per questo fumo attivamente! 😀 )

Battute a parte, la morte, il Cancro, o tantissime patologie piccole e medie che il fumo provoca sono percepiti come MALI LONTANI, quei cosiddetti malesseri che possono capitare solo agli altri e che ADESSO DI CERTO NON HO. Dunque… me la fumo un altra sigaretta poi smetterò!

Come creare una motivazione reale e vicina per smettere di fumare?

Devi creare un urgenza! Se ad esempio per abitudine fumi solo a partire dalle 10 del mattino o solo nel pomeriggio, perchè sai che ti da nausea fumare appena sveglio, è il momento di far venire quella nausea. Non servirà fumare 20 sigarette in un ora, basterà semplicemente aumentare la dose di un paio di sigarette rispetto al solito appena sveglio. Io di solito fumavo 2/3 sigarette, quella mattina ero a 6.

 

Buttare sigarette e accendino come rituale

Ti è venuto lo schifo di fumare? sei ancora vivo? bene… adesso devi assolutamente buttare tutto il kit per fumare nella spazzatura, sigarette, accendino, fiammiferi, ogni cosa riconducibile al vizio del fumo devi buttarlo.

Questo è più un rituale che una necessità perchè potresti ricomprare di nuovo tutto. Ma il gesto di buttare le sigarette e l’accendino nella spazzatura, spinto da una motivazione reale spiacevole e percepibile adesso  crea un immagine nella tua mente che ricorderai per sempre e ti aiuterà mentalmente a percepire in modo tangibile la tua voglia di cambiamento.

 

La frase antifumo

La frase anti fumo dovrai recitarla una sola volta alla comparsa del desiderio della sigaretta, contestualmente dovrai trovare qualcosa per impegnare la mente nei 2 minuti successivi alla comparsa del desiderio di fumare.

Qualunque cosa distolga la tua mente da quel pensiero va bene, preparare un te, spolverare, andare in bagno, cucinare, aggiustare il pc, mettere uno smartphone sotto carica… Come vedi sono attività non impegnative, attività che di solito facciamo con la sigaretta stretta tra le labbra.

 

L’alimentazione antifumo

Esistono degli alimenti che aumentano o abbassano il livello di nicotina nel sangue. Non è vero che è bellissimo fumare una sigaretta dopo aver preso un caffè, è la caffeina che essendo un alimento che abbassa il livello di nicotina nel sangue porta dopo averlo bevuto di riflesso ad aver voglia di fumare una sigaretta.

Basta conoscere ed evitare/sostituire gli alimenti che provocano crisi di astinenza da nicotina portando ad accendere l’ennesima bionda della nostra vita. Per conoscere i cibi che abbassano il livello di nicotina nel sangue, chiedi al tuo medico, a me è bastato sostituire il caffè con uno yogurt oppure mangiando un cornetto al bar.

Monitoraggio della disintossicazione

Tenere il monitoraggio della disintossicazione è importante perchè non fa altro che ingrandire la percezione dell’obiettivo raggiunto, facendo pensare in modo sempre maggiore a QUANTO SI PUO’ ESSERE STUPIDI BUTTANDO VIA UN ORA, UN GIORNO, UNA SETTIMANA, UN MESE SENZA AVER FUMATO NEANCHE UNA SIGARETTA, RIACCENDENDONE UN’ALTRA. Praticamente più tempo passa dall’ultima sigaretta accesa e più si appare stupidi agli occhi di se stessi e degli altri riaccendendone un’altra. Non si è solo stupidi… si rischia anche di diventare depressi, irritati, ansiosi, poco sicuri di se stessi…

Proprio così, perchè se durante questo metodo riprendi il vizio di fumare devi essere consapevole che rischi di avere questi effetti indesiderati:

  • Dopo 2 minuti ti sentirai un buono a nulla,sarai ansioso, le mani ti tremeranno, avrai le vertigini, puzzerai di fumo.
  • Dopo 1 ora penserai a quanto sei stato stupido, non riuscirai a essere felice per tutta la giornata e a fare le attività che hai sempre svolto durante il periodo senza sigaretta in bocca.
  • Dopo 12 ore sarai molto giù perchè ti sarai comprato un altro pacchetto di sigarette e ti sentirai stupido perchè hai buttato nell’immondizia un pacchetto di sigarette intero per credere a Benessere e Salute.
  • Dopo 1 giorno ti sveglierai di nuovo come una volta, ovvero con Nausea, Bruciore di stomaco, Mal di testa, irregolarità intestinale, Respiro affannato, difficoltà di equilibrio, Tosse, Decimi di febbre, E soprattutto ti sentirai un fallito!

 

La consapevolezza di esserci riuscito

Riuscirai a sconfiggere il vizio del fumo soprattutto grazie alla maturazione della consapevolezza di potercela fare. Proprio come è capitato a me, man mano che prendevo coscienza di poter essere in grado di vincere da solo ed in modo gratuito questa sfida, non mi accorgevo che nel frattempo ci ero riuscito, ero libero di respirare a pieni polmoni senza tossire e di vivere senza dare fastidio agli altri.

P.s.

Se conosci un fumatore e desideri fortemente che smetta di fumare, condividi questo articolo nella sua bacheca dei social network. Se sei tu un fumatore e vuoi smettere di fumare e stai bene in salute (per quanto possa stare bene un fumatore), prova questo metodo. se ti spaventa il primo step, quello dell’aumento delle sigarette al mattino passa al 2° step direttamente.

Mi farebbe piacere che se ci provi condividessi con me giorno per giorno il tuo risultato, non ti ho chiesto soldi, voglio solo che stai bene, ma la mia soddisfazione sarà saperlo!







L’eufrasia e le sue mille proprietà benefiche

L’eufrasia e le sue proprietà antinfiammatorie sono conosciute fin dai tempi antichi in tante culture popolari. L’eufrasia cresce rigogliosa in Italia settentrionale e centrale, sia in zone pianeggianti che in territori Alpini.

Proprietà dell’Eufrasia

L’Eufrasia ha mille proprietà terapeutiche, infatti molto utile come decongestionante, contro le affezioni dello stomaco e toniche. Oltre a tali proprietà, l’eufrasia è utilizzatissima anche come antinfiammatorio, antisettico oculare e antiallergico.

Cosa cura l’eufrasia

Grazie ad impacchi oculari questa pianta officinale può essere un validissimo rimedio contro le congiuntiviti e gli orzaioli, o semplicemente per ridonare la luminosità giusta ad uno sguardo dall’aspetto stanco.

Sotto forma di tisana invece, l’eufrasia è indicata per poter ritrovare sollievo se affetti da catarro e raffreddore, grazie alle sue proprietà decongestionanti.

Tisana di Eufrasia per uso esterno

Per fare in modo che si riescano a sfruttare le proprietà dell’eufrasia nella cura degli occhi, bisogna ricorrere all’utilizzo di infusi o inpacchi. Per fare in modo che un infuso di eufrasia riesca a calmare l’infiammazione agli occhi, è bene mettere ad infuso un solo cucchiaio di pianta in una quantità d’acqua bollente pari ad una tazza. Una volta che l’infuso è pronto, si lascia diventare tiepido e si procede al lavaggio degli oggi due o tre volte al giorno. Si potrebbe anche utilizzare uno straccio inumidito dell’estratto secco di eufrasia, per creare un impacco con il quale massaggiare delicatamente gli occhi arrossati da congiuntiviti o orzaioli.

Tisana di Eufrasia per uso interno

La tisana all’eufrasia può essere utilissima anche per le sue tante proprietà antisettiche, antiallergiche, decongestionanti oltre che antinfiammatorie. Una tisana di eufrasia può agevolare il prcesso di guarigione ad esempio di raffreddori e infiammazioni alle vie respiratorie lievi, semplicemente ingerendo 2 o 3 tazze al giorno della tisana realizzata in precedenza e lasciata saggiamente dieci o quindici minuti a sbollire e raffreddare.

Non sai come preparare una Tisana all’Eufrasia?

Te la spediamo pronta noi di Benessere e Salute!

Spesso nelle nostre case non tutti questi importantissimi prodotti naturali sono presenti, oppure a volte diventa antieconomico acquistare gli ingredienti e fare da soli una tisana omeopatica. Questa antieconomicità sia in termini di denaro che di tempo (quello della preparazione), può essere azzerata acquistando una tisana di eufrasia artigianale e del tutto naturale perchè fatta in casa.


lombalgia: cause e sintomi

La sensazione di dolore che viene avvertita nella parte bassa della schiena (zona lombare), viene detta lombalgia. A causa del fatto che moltissime persone, in modo cronico oppure occasionale, avvertono dolori alla schiena nella zona lombare, si può affermare che la lombalgia sia una delle patologie più frequenti negli ultimi decenni.

Lombalgia: Patologia o sintomo?

Il Ministero della Salute ci mette in guardia su tale patologia e invita la popolazione a non tralasciare i sintomi derivanti dalla lombalgia, cercando di agevolare il processo di comprensione su quale sia la causa del dolore alla schiena, quali i sintomi e i rimedi possibili.

Tale avvertimento del Ministero della Salute è stato diramato in quanto la lombalgia non è da considerare una patologia vera e propria, ma un sintomo di una possibile patologia differente e spesso più grave, che di solito ha tra i sintomi proprio il dolore che si irradia nella parte bassa della schiena.

La lombalgia può fare la sua comparsa come detto in precedenza, anche in modo occasionale e non ripresentarsi più, ecco perchè almeno il 90% della popolazione mondiale può dire di aver sofferto almeno una volta nella propria vita di dolore alla colonna vertebrale.  In base a come fa la sua comparsa, la lombalgia può avere diversi livelli di disabilità nel soggetto colpito, essa infatti può presentarsi in forma acuta, subacuta o cronica.

Cause della lombalgia

Un intenso dolore avvertito nella zona lombare della schiena, può essere provocato da diverse cause. Uno sforzo, un movimento brusco, una banale postura scorretta, possono provocare la comparsa del dolore lombare perchè possono provocare la degenerazione dei dischi intervertebrali. Un altra causa di lombalgia può essere  la discopatia degenerativa, che indica i processi regressivi a cui il tessuto discale va incontro nel corso della vita, perdendo progressivamente le sue funzioni.

Classificazione della Lombalgia

Come accennato in precedenza, la lombalgia può essere distinta in base alla gravità del dolore avvertito, ma anche in base a fattori congeniti. Abbiamo dunque:

  • Lombalgia Acuta
  • Lombalgia Subacuta
  • Lombalgia Cronica

Ma la lombalgia è anche distinta in due grandi gruppi, a seconda che derivi o meno dai segmenti ossei sovrapposti (le vertebre) che la compongono:

  • Lombalgia Vertebrale
  • Lombalgia extravertebrale


Lombalgia Vertebrale

Quando si è in presenza di lombalgia vertebrale è perchè una causa possibile della sua comparsa, è la presenza di patologie congenite come la sacralizzazione dell’ultima vertebra lombare, la spondilolistesi, la spondilolisi o la sinostosi. Vengono ricondotte a tale gruppo di classificazione, anche tutte quelle lombalgie derivanti da malattie reumatiche, traumi, infezioni o neoplasie.

Lombalgia Extravertebrale

Nel gruppo delle lombalgie extravertebrali figurano quelle da cause neuromeningee, viscerali (gastrointestinali, urologiche e ginecologiche) e vascolari (aneurisma dell’aorta addominale).Lombalgie particolari sono quelle da cause generali, quali stati febbrili, influenza, raffreddamento.

 

Lombalgia sintomi

Il sintomo che avverte di avere nel proprio organismo in atto un processo che provola lombalgia è il dolore alla schiena più o meno acuto in base al tipo di lombalgia che lo causa. Una contrattura muscolare, il classico colpo della strega, è anch’essa una causa del dolore e allo stesso tempo un sintomo ben visibile. Di norma si riesce a comprendere che si tratta di lombalgia, perchè il dolore che si prova è un dolore pari a quello di essere trafitto nella schiena da una lama, e si irradia anche nelle parti anatomiche vicine ovvero in glutei e fianchi.

Pelle secca rimedi naturali

Quando ci si trova dinanzi al problema della pelle secca , significa che la propria cute ha un deficit di lipidi cutanei che in situazione normale riescono a rendere la pelle idratata. La pelle secca è un antiestetico problema della cute che non fa altro che rendere quest’ultima più fragile, sottile e le dona un aspetto meno elastico di una pelle idratata nel modo giusto. Anche per i dermatologi, curare la pelle secca fin dai suoi primi sintomi è di essenziale importanza in quanto questo disturbo della pelle può sfociare nei casi più marcati in pelle squamosa e ragadi.

Trovare rimedio alla pelle secca, non è però solo un problema dal punto di vista dermatologico ma anche estetico. Infatti, chi soffre di tale disturbo nota guardandosi allo specchio un aspetto non sano dovuto alla pelle poco chiara che fa risultare il viso più spento del solito.

Per riuscire a porre rimedio all’inestetismo della pelle secca e donare nuova linfa al proprio viso rendendolo più solare, si può ricorrere all’utilizzo di oli essenziali che sembrerebbero essere un vero e proprio toccasana per curare la pelle arida.

Di seguito elenchiamo 3 oli essenziali naturali che le donne usano per far risplendere nuovamente la propria pelle.

Olio essenziale di Geranio

L’olio essenziale di Geranio grazie alle sue tante proprietà può essere utilizzato per realizzare rimedi naturali per tantissime situazioni in ambito della cura della persona e della casa. Tra le sue proprietà spicca quella della prevenzione e cura delle rughe della pelle. Grazie a ciò, l’olio essenziale di Geranio è indicatissimo per curare il disturbo della pelle secca riuscendo, se integrato in creme di bellezza, a riempire i solchi creati dalle rughe a causa della pelle fragile.

Olio essenziale di Gelsomino

Anche questo olio essenziale ha diverse proprietà benefiche per la cura della persona. E’ molto utilizzato per aumentare la libido perché la sua fragranza se inalata, può essere un vero e proprio afrodisiaco. La proprietà che invece è utile a curare la pelle secca è quella cicatrizzante. Infatti il gelsomino è un valido aiuto per la cura della pelle perché riesce a tonificarla distendendo e prevenendo le rughe. Quando compare la pelle secca, di solito la cute risulta anche arrossata e screpolata e grazie all’olio essenziale di Gelsomino si possono ridurre gli arrossamenti della pelle fino ad eliminarli completamente. L’olio essenziale di Gelsomino, oltre ad essere indicatissimo per chi ha la pelle secca, è utilizzato nella prevenzione delle dermatiti e delle psoriasi.

 

Olio essenziale di Sandalo

La pelle può diventare secca anche a causa di una depilazione, e dunque l’aridità della cute può non essere un problema circoscritto solo al viso ed alle mani. Per questo tipo di problematica è utile affiancare l’olio essenziale di Sandalo con la crema alla Calendula in modo da poter creare un prodotto da utilizzare per massaggiare la pelle diventata sensibile e secca dopo una seduta di depilazione.

Hydroface crema antirughe anti età

hydroface

La rivoluzionaria formula della crema antirughe Hydroface, è fondata sull’utilizzo di ingredienti naturali. Ingredienti che consentono la naturale scomparsa delle rughe su pelli di ogni età. Grazie agli ingredienti che compongono la crema Hydroface, è possibile ridurre la comparsa delle rughe, di segni e di altri segnali di invecchiamento sulla pelle del viso, delle mani, del collo e in generale di tutto il corpo.

Hydroface Anti-Aging System riesce a prendersi cura della pelle di uomini e donne, giovani e meno giovani, grazie al fatto che tra i suoi ingredienti ci sono sostanze che hanno proprietà antiossidanti, vitamine, tenditori della pelle e oli essenziali. Questo tipo di ingredienti sono vitali per aumentare il collagene e l’elasticità della pelle in uomini e donne, per ridurre le rughe e far apparire la pelle più giovane di molti anni, levigata, distesa e idratata.

Pelle secca: caratteristiche tipologie e cause

La pelle secca è un problema dermatologico che consiste in una carenza di lipidi o di acqua nella cute che fa si che la pelle risulti all’aspetto meno elastica e disidratata. La comunità scientifica non ama usare come definizione “pelle secca” a tale disturbo cutaneo, ma riconosce che è il modo migliore per identificare il tipo di problematica.

Esistono diversi rimedi naturali per la pelle secca, ma in linea di massima alla base di molti rimedi c’è il fatto che idratando per bene gli strati cutanei caratterizzati dalla secchezza o dalla squamosità, si può prevenire questo disturbo.

Leggi tutto “Pelle secca: caratteristiche tipologie e cause”

Piedi sani e belli per un’estate non imbarazzante

I nostri piedi vivono chiaramente, il loro momento di gloria in estate, periodo dell’anno nel quale sono maggiormente esposti alla vista degli altri per via di calzature aperte. Ovviamente questo non è un buon motivo per trascurarli durante il resto dell’anno, periodo nel quale salvaguardare la salute dei piedi non è di certo seconda a nessun ‘altra parte del corpo. Anzitutto perché sostengono il corpo e ne determinano la postura, ci “portano a spasso” e poi perché se scoperti in determinate occasioni devono presentarsi belli e curati.

Vale la pena quindi, dedicare a questa parte degli arti inferiori la giusta attenzioni che merita, utilizzando 5 prodotti fondamentali per rende i piedi più morbidi, lisci e profumati. Quali sono i 5 prodotti migliori per fare in modo che la cura dei piedi sia totale?

Leggi tutto “Piedi sani e belli per un’estate non imbarazzante”

Tulsi proprietà e benefici

Il Tulsi è conosciuto anche con il nome di Basilico Sacro Indiano, questa pianta è considerata sacra nella religione indiana, perché rappresenta la sposa del dio Vishnu, che è poi considerata nella religione induista la protettrice del mondo e degli uomini.

Dato che nella religione induista, esiste il credo della reincarnazione, la religione vuole che la Dea si sia trasformata nella sua ultima reincarnazione in questa pianta, che sarebbe anche simbolo di fertilità e bellezza.
Il Tulsi, oltre al credo religioso che lo anima, ha veramente diverse funzioni curative e preventive, infatti è utilizzato per tantissime preparare rimedi naturali medicinali nella tradizionale medicina indiana ayurvedica. Il Tulsi è chiamato anche basilico sacro perché le sue foglie ricordano quelle del basilico, anche se il colore può variare dal verde al violaceo a seconda della varietà della pianta.

Leggi tutto “Tulsi proprietà e benefici”

Nicturia: Cos’è e perchè ci spinge ad urinare di notte frequentemente

La Nicturia è stata riconosciuta solo recentemente, come patologia clinica e dunque individuata e separata all’interno del complesso dei sintomi dell’apparato urinario. La fisiopatologia della nicturia è multifattoriale e può essere complessa, e la sua causa rimane poco chiara in un numero significativo di pazienti.

Il crescente riconoscimento che la nicturia è una condizione a sé stante,e che fa si che essa venga definita come “il fastidio che l’individuo ha nello svegliarsi di notte uno o più volte per urinare“, aiuta a definire anche il volume di orina notturna come “il volume totale di urina che si forma tra il tempo che intercorre tra quando l’individuo va a letto con l’intenzione di dormire ed il tempo in cui si sveglia con la necessità di urinare“.

Leggi tutto “Nicturia: Cos’è e perchè ci spinge ad urinare di notte frequentemente”

Yoga: la disciplina per il benessere del corpo e della mente

Negli ultimi anni una disciplina che ha preso sempre più piede in tutto il mondo, è sicuramente lo yoga. Di origine orientale questa pratica di meditazione, è diventata una vera e propria disciplina per la tonificazione del corpo ma anche per l’esplorazione di se stessi e il rilassamento della mente.

Ciò che rende unica questa disciplina, infatti, è proprio il connubio tra attività fisica e liberazione della mente, lo yoga aiuta a liberarsi dallo stress, a eliminare il peso della giornata lavorativa e insieme tonifica il corpo aiutando a modellarlo per ottenere una silhouette armoniosa, non ingrossa i muscoli ma li rende lineari e al contempo forti. La pratica costante dello yoga innesca nel corpo un’azione brucia grassi, aiutando ad accelerare il metabolismo basale dell’individuo.

Leggi tutto “Yoga: la disciplina per il benessere del corpo e della mente”

La laringe: Anatomia e funzioni


La laringe e un condotto che fa parte dell’apparato respiratorio e che comincia nella faringe e si continua nella trachea. Essa, oltre a dare passaggio all’aria che in ingresso ed uscita dai polmoni (inspirazione espirazione), è la sede in cui si producono i suoni.

La laringe è collocata anatomicamente nel collo, sul davanti della porzione inferiore della faringe e dell’esofago, in corrispondenza della IV, V, VI vertebra cervicale.

Leggi tutto “La laringe: Anatomia e funzioni”

La trachea: anatomia e funzioni


La trachea, presente nell’apparato respiratorio, è un tubo che fa seguito a quello laringeo, e si continua con i grossi bronchi. La trachea è lunga circa dodici centimetri ed ha circa due centimetri di diametro, si estende dalla VI vertebra cervicale alla IV-V vertebra toracica, ed a questo livello il tubo della trachea si divide diramandosi nei due bronchi, destro e sinistro.

Leggi tutto “La trachea: anatomia e funzioni”

Tiroidismo: Sintomi e rimedi


Quando la tiroide, ghiandola principale dell’apparato endocrino, non riesce a regolare la quantità di ormoni in circolo nel corpo umano, si verifica il tiroidismo. Controllare che la tiroide funzioni alla perfezione è una attività da non sottovalutare in quanto, essa è preposta a regolare tante attività di vitale importanza come la crescita sia psichica che fisica, il metabolismo e l’attività cardiaca.

Come si capisce di essere affetti da tiroidismo? Quali sintomi presenta questa disfunzione? quali cure sono consigliate affinchè la tiroide ritorni a svolgere la propria funzione nel modo ottimale?

Leggi tutto “Tiroidismo: Sintomi e rimedi”

Tiroide cos’è e quali funzioni svolge


La tiroide è una delle ghiandole endocrine che compone l’apparato endocrino del corpo umano, la sua posizione anatomica è nel collo davanti alla laringe ed alla trachea. Il peso della ghiandola tiroide si aggira in media tra i 20 ed i 30 grammi e la sua forma è simile ad una farfalla. La tiroide è costituita da due lobi (destro e sinistro) uniti da un ponte detto istmo. Essa è la prima delle ghiandole a formarsi, sia nello sviluppo embriogenetico sia nella scala filogenetica.

Il suo normale funzionamento ha un’importanza capitale per lo sviluppo, l’accrescimento e il metabolismo dell’individuo. La Tiroide è costituita da un insieme di follicoli,che sono cavi all’interno e pieni di una sostanza detta colloide; ciascun follicolo ha un involucro di cellule epiteliali, che oltre a produrre il colloide, secerne l’ormone tiroideo. I follicoli poggiano su uno strato connettivale sul quale sono situate anche le cellule parafollicolari che secernono la tirocalcitonina, l’insieme è irrorato da una fitta rete di capillari sanguigni, che lo rendono uno degli organi più vascolarizzati dell’organismo. Leggi tutto “Tiroide cos’è e quali funzioni svolge”

Chirurgia al seno pro e contro

Il rifacimento del seno, tecnicamente detto mastoplastica additiva, è ormai diventata una pratica molto comune tanto da essere quasi una moda. Anche se non esiste un registro ufficiale di questo genere di interventi, si calcola che ogni anno in Italia siano almeno 30 mila le donne che si rivolgono ad un chirurgo plastico per farsi operare. Ma quali sono i pro e i contro di un intervento di questo tipo?

Leggi tutto “Chirurgia al seno pro e contro”

3 errori che mettono a rischio la tua dieta


Mettersi a dieta è ormai diventato come uno sport! In ogni stagione dell’anno, in qualunque modo, per perdere qualunque quantità di peso corporeo in eccesso, almeno il 90% delle persone iniziano una dieta. C’è una differenza sostanziale tra chi inceve di mettersi a dieta per perdere i chili in eccesso, e chi invece si attiene ad uno stile di vita sano e ad una alimentazione equilibrata perenne così da non avere mai il problema del peso in eccesso. La differenza è appunto nello stile di vita acquisito, nelle abitudini di vita. Potrebbe essere questo un primo ostacolo ad una dieta, non riuscire a trasformare tale regime alimentare da intervento sporadico a abitudine alimentare corretta. Ma in effetti esistono altri nemici della dieta, vediamone alcuni di seguito.

Leggi tutto “3 errori che mettono a rischio la tua dieta”

Rimedi naturali Acne: pulisci la pelle con Aceto Cannella e Miele


La propria pelle è la parte di noi da amare e coccolare per avere un aspetto bello e pulito, la pelle è un indicatore dello stato di salute del nostro organismo, la pelle ci segnala se il nostro corpo è ben depurato oppure ha bisogno di aiuto. Essa viene spesso aggredita da presenze quasi oscene in tema di bellezza, come ad esempio l’acne. Il semplice fatto che compare l’acne sulla pelle spinge chiunque ad odiarla ed invece di aumentare la dose di carezze, si inizia a trattarla male.

Quando compare l’acne sulla pelle la colpa di certo non è di quest’ultima, le cause sono da ricercare in altro. l’epidermide va dunque aiutata con rimedi contro l’acne che siano utili ad evitare che gli ormoni inneschino quel meccanismo che intasando i pori della pelle consentono all’acne di prendere piede in diversi punti del corpo come ad esempio il viso.

Come fare per sbarazzarsi dell’acne? esistono rimedi naturali per far scomparire quegli antiestetici brufoli sulla pelle? I rimedi naturali che stiamo per presentare sono utili ad eliminare l’acne o almeno a fare in modo che i brufoli non aumentino portando con se altro disagio (soprattutto negli adolescenti).

Non c’è bisogno dunque solo dei classici saponi chimici che combattono l’acne distruggendo i brufoli ma anche il portafoglio, esistono diversi rimedi che la natura ci offre affinchè si possa ritornare ad avere la pelle libera dall’antiestetica acne.

Leggi tutto “Rimedi naturali Acne: pulisci la pelle con Aceto Cannella e Miele”

Emorroidi rimedi naturali: Ecco 3 rimedi per lenire i sintomi


Dopo aver visto nel precedente articolo cosa sono le emorroidi e perchè chiunque dovrebbe interessarsi a tale patologia, capiamo adesso se esistono rimedi naturali per le emorroidi o comunque se è possibile rimediare alla malattia emorroidaria anche in modo non naturale ma efficace.

Per dare sollievo ai fastidiosi sintomi delle emorroidi infiammate o gonfie, ci vengono in aiuto ritrovati confezionati in erboristeria e piante officinali dalle quali estrarre prodotti. Vediamo di seguito quali rimedi la natura ci offre per combattere le emorroidi.

Leggi tutto “Emorroidi rimedi naturali: Ecco 3 rimedi per lenire i sintomi”

Emorroidi: Diagnosi e trattamento

Una delle patologie più fastidiose dell’apparato digerente, che riguarda nello specifico il tratto intestinale finale (retto), sono le emorroidi. Le emorroidi sono dei cuscinetti vascolarizzati di natura morbida, che non consentono di evacuare in modo corretto ed indolore quando sono gonfie ed infiammate.

Di norma chi soffre di emorroidi non avverte sintomi queste strutture vascolari non sono infiammate e gonfie, ma esse possono appunto gonfiarsi e far notare i sintomi della patologia. Sarebbe più indicato parlare di malattia emorroidaria più che di emorroidi (termine utilizzato nel linguaggio comune) in quanto le emorroidi come accennato, sono una struttura vascolare già presente nell’ano, che svolgono una importante funzione in ottica di continenza fecale.

Leggi tutto “Emorroidi: Diagnosi e trattamento”

Aumentare le energie del nostro corpo


Nel corpo umano sono presenti zone d’ energia, che vanno aalimentate con le dovute vitamine, le quali ci permettono di stare bene ed in forma grazie all’energia prodotta. Questo è uno dei motivi per i quali con mancanza di vitamine in circolo, ci si può sentire stanchi e privi di energia. Le vitamine dunque sono importantissime per aumentare le energie del nostro corpo, ma oltre ai cosiddetti multivitaminici è bene scegliere un’alimentazione a base di cibi integrali, ricchi di vitamine e fare attenzione ai differenti integratori vitaminici che si possono scegliere.

Nel nostro corpo esistono 5 zone d’energia, Dobbiamo sceglier ogni giorno, le giuste vitamine da dare alle nostre 5 zone di energia per aumentare le energie del corpo.

Leggi tutto “Aumentare le energie del nostro corpo”

Sbadiglio: Ecco i 3 motivi per cui si sbadiglia


Dalla mattina alla sera, più volte al giorno. Quasi sempre con gusto e con un certo rilassamento conseguente. A volte con pesantezza, senza via d’uscita. Più o meno ci rendiamo conto che è un segnale di stanchezza ma non andiamo molto oltre.

Eppure sbadigliare non è solo una manifestazione di noia, sonnolenza o stanchezza. Per esempio, secondo uno studio dello scorso anno firmato dallo psicologo Andrew Gallup del Suny College di Oneonta (New York) si tratta di un meccanismo intelligente di raffreddamento del cervello. Insomma un processo di omeostasi, che ci consente di recuperare un equilibrio fisiologico. Altri studi ne sottolineano invece la funzione rispetto ai livelli di ossigenazione del sangue, l’utilità nella distensione dell’apparato respiratorio, nell’aumentare lo stato di vigilanza in certe condizioni e così via.

Leggi tutto “Sbadiglio: Ecco i 3 motivi per cui si sbadiglia”

Mal di Testa: Arriva l’App di Anircef


È stata realizzata da Anircef nell’ambito di una campagna di informazione su questo disturbo, spesso trascurato perché ritenuto «normale».


Il mal di testa è un disturbo molto diffuso e ha ricadute importanti sulla qualità di vita ma spesso non viene gestito correttamente perché è considerato “normale”.
Lo indicano i risultati si un’indagine condotta da GfK Eurisko e presentati in occasione della presentazione de “I mal di testa togliteli dalla testa”, la campagna di informazione e sensibilizzazione promossa da Angelini con il contributo scientifico di ANIRCEF, l’Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee, avvenuta a Milano l’11 maggio.

Continua a leggere dalla fonte

8 persone su 10 dopo la chemio soffrono di questi disturbi

Orari fissi, cibi a temperatura ambiente e capi di cotone: come combattere i disturbi da chemio.

Contro la nausea sono di grande aiuto le spezie come lo zenzero fresco; e la curcuma
ALMENO 8 persone su 10 dopo la chemioterapia soffrono di nausea e vomito che possono accompagnarsi ad altri effetti collaterali come diarrea o stitichezza, stomatiti e stanchezza generale. Oltre alle terapie di supporto, è possibile controllare questi fastidiosi effetti collaterali anche grazie all’alimentazione, ma solo scegliendo i cibi giusti al momento giusto. Per esempio, pranzando sempre alla stessa ora ogni giorno oppure mangiando cibi a temperatura ambiente. Sono piccoli accorgimenti che possono aiutare a superare anche la tipica inappetenza che segue a nausea e vomito. Leggi dalla fonte

I sintomi del reflusso gastrico monitorati da uno studio


Lo studio, dal titolo “Examining the Benefit of RF Treatment (Stretta) of GERD after Sleeve Gastrectomy” (Esaminare i benefici del trattamento RF (Stretta) di MRGE (reflusso gastroesofageo) dopo una gastrectomia verticale), include 15 dei migliori programmi bariatrici negli Stati Uniti. Questo registro multicentrico studiera’ pazienti con MRGE documentata da un minimo di sei mesi dopo la gastrectomia verticale.

Lo studio si concentrera’ sul controllo dei sintomi di MRGE (qualita’ di vita, QV) dopo Stretta, con follow-up a sei, 12 e 24 mesi.

Leggi tutto “I sintomi del reflusso gastrico monitorati da uno studio”

Dieta senza glutine: E’ dannosa per chi non è celiaco?


Le diete alimentari sembrano susseguirsi come mode, tra le ultime giunte sulle nostre tavole la dieta senza glutine, che però lascia non poche perplessità tra gli addetti ai lavori.

La dieta senza glutine, si fonda sul concetto che il glutine presente in farro, segale o frumento sia dannoso per l’organismo. seguendo tale concetto, chi segue una dieta senza glutine di colpo elimina un’intera categoria alimentare che sono spesso considerati la base della classica dieta mediterranea (grano e cereali).

Leggi tutto “Dieta senza glutine: E’ dannosa per chi non è celiaco?”

Zenzero: Proprietà dimagranti


Dopo aver parlato in modo generale delle tante proprietà terapeutiche dello Zenzero, ci soffermeremo in modo un po più approfondito sulle proprietà dimagranti di questa pianta orientale. Ammesso che non esistono miracoli in tema di perdita peso e di lotta al grasso corporeo, sembra doveroso parlare delle proprietà che ha lo Zenzero come potere dimagrante e potente brucia grassi, quando associato a visita dal dietologo, alimentazione sana ed attività motoria attiva.

Perchè lo Zenzero farebbe dimagrire e può essere un valido rimedio naturale per la lotta al grasso in eccesso? Secondo diversi studi scientifici, si è notato come lo Zenzero sia capace di portare senso di sazietà nei soggetti che ne fanno consumo quotidiano. Sembra che lo Zenzero eserciti un’azione termica sui cibi ingeriti, che seppur in quantità ridotte offrono comunque una sensazione di sazietà.

Di certo gli studi in tal senso non sono finiti, e ne serviranno altri per fare in modo che tra le proprietà dello zenzero vengano elencate anche le dimagranti, ma è anche vero che; utilizzando questa pianta in un certo modo degli effetti positivi sul calo della massa grassa avviene.

Leggi tutto “Zenzero: Proprietà dimagranti”

Zenzero: proprietà e benefici


Lo Zenzero è una pianta originaria dell’estremo Oriente.Lo Zenzero è coltivato in un area del pianeta molto vasta compresa tra la zona tropicale e subtropicale, si riconoscono a tale pianta numerose proprietà benefiche per l’organismo umano ed è dunque molto utilizzata per creare rimedi naturali a diverse patologie, ma anche per creare tisane sfruttando le sue proprietà dimagranti.

Lo Zenzero è molto utilizzato per insaporire le pietanze sotto forma di spezia, ma anche per arricchire piatti alimentari utilizzandolo a fette, essiccato o in polvere. Lo Zenzero ha come detto tante proprietà benefiche tra cui anche quella che agevola la funzione digestiva della quale parleremo in seguito.

Leggi tutto “Zenzero: proprietà e benefici”

Pirosi: Definizione e trattamento

Quando si soffre di reflusso gastrico, uno dei sintomi che si avvertono, è un bruciore dietro allo sterno. proprio questo che viene identificato come bruciore retrosternale, viene comunemente detto Pirosi.

La Pirosi è un sintomo che porta dolore in modo localizzato (si avverte solo nella zona posteriore allo sterno) ed è un campanello d’allarme per diverse patologie dell’apparato digerente tra cui la suddetta malattia da reflusso gastroesofageo.

Leggi tutto “Pirosi: Definizione e trattamento”

Dormire bene senza russare: Cause e rimedi


Dormire bene è fondamentale e un buon sonno aiuta a vivere meglio. Purtroppo non sempre si riesce a dormire bene a causa di tantissimi motivi. Michael Breus, medico specializzato in disturbi del sonno ed insonnia ci aiuta a comprendere con i suoi studi 5 disturbi del sonno che sono tra le cause maggiori di un riposo non soddisfacente. In questo articolo, capiremo qual è il disturbo che non ci consente di dormire bene, e se esistono rimedi naturali o farmacologici per liberarci da tale problematica, e riuscire a dormire meglio ogni notte… senza russare.

Leggi tutto “Dormire bene senza russare: Cause e rimedi”

Curvy e belle: 6 consigli utili


Essere in salute e in forma non vuol dire essere magrissime. Infatti le curve in una donna rappresentano, molto spesso, bellezza, sinuosità e salute. Il celebre Dr. Oz ci rivela, con poche e semplici regole, il modo per liberarci del grasso nocivo e per stare in forma anche se siamo donne curvy-formose.

Leggi tutto “Curvy e belle: 6 consigli utili”

Cardias


Con il termine Cardias, si identifica quella parte dell’apparato digerente che anatomicamente si trova tra l’esofago e la parte superiore dello stomaco. Il Cardias è l’orifizio attraverso il quale viene filtrato il passaggio del bolo dall’esofago verso lo stomaco, e non consente il passaggio inverso di materiali organici quali i succhi gastrici.

Tale condizione, potrebbe verificarsi in presenza di un malfunzionamento del cardias, tra le cause principali di reflusso gastroesofageo.

Leggi tutto “Cardias”

Bronchite: sintomi e trattamento


L’irritazione e l’infiammazione delle principali vie aeree dell’apparato respiratorio, ovvero i Bronchi causa la bronchite.Il principale sintomo è la tosse, mediante la quale può anche essere espulso del muco grigio-giallo detto catarro, seguito poi anche da respiro affannoso e mal di gola.

Quando è consigliato avere un consulto medico?

La maggior parte delle bronchiti possono essere trattate facilmente a casa con il riposo, farmaci non steroidei anti-infiammatori (FANS) e assumendo molti liquidi.
La visita del medico curante è importante ma è necessaria se compare una sintomatologia più grave o insolita ad esempio, se:

  • la tosse è grave o dura più di tre settimane
  • hai la febbre costante (una temperatura di 38 ° C o al di sopra) per più di tre giorni
  • la tosse con espettorato è rigato di sangue
  • avete già complicanze di base come asma o insufficienza cardiaca.

Il medico ha la necessità di escludere infezioni simili come le polmoniti, e ciò è possibile mediante una radiograafia del torace e con dei test sul muco espulso.
In caso di presunte condizioni di base non diagnosticate in precedenza, possono anche essere richiesti test di funzionalità polmonare; tipo la spirometria, che misura il volume di aria nei polmoni. Infatti la diminuzione della capacità polmonare può indicare un problema di salute di base.

 

spirometria

 

Trattamento della bronchite

Nella maggior parte dei casi, le bronchiti hanno un decorso di poche settimane, questo tipo di bronchite è noto come “bronchite acuta”, si dovrebbe bere un sacco di fluidi e stare molto a riposo.
In alcuni casi, i sintomi della bronchite possono durare più a lungo. Se i sintomi durano per almeno tre mesi, si ha la cosiddetta “bronchite cronica”. Non esiste una cura per la bronchite cronica, ma ci sono diversi farmaci per aiutare ad alleviare i sintomi. E’ importante evitare di fumare e di stare in ambienti pieni di fumo, questo può peggiorarne i sintomi.

 

Perché ho la bronchite?

Come detto in precedenza i bronchi rappresentano le principali vie aeree polmonari si diramano su entrambi i lati della trachea. Attraverso i bronchi l’aria inspirata, giunge alle parti più interne dei polmoni, le diramazioni dei bronchi via via diventano più piccole, andando a formare i bronchioli.
Le pareti dei bronchi producono muco per intrappolare la polvere e altre particelle che potrebbero altrimenti causare irritazione.
L’irritazione e l’infiammazioni dei bronchi provoca nella maggior parte dei casi bronchiti acute, inducendoli a produrre più muco del solito, di conseguenza il nostro corpo cerca di espellere all’esterno l’eccesso di muchi mediante la tosse.
Il fumo è la causa più comune di bronchite cronica, infatti nel corso della vita da fumatore, il fumo di sigaretta o sigaro può causare danni permanenti ai bronchi, a causa delle continue infiammazioni che subiscono.

Complicazioni

La complicanza più comune della bronchite è la polmonite; si manifesta quando l’infezione si diffonde ulteriormente nei polmoni, andando a formare del liquido che riempie gli alveoli all’interno dei polmoni. Statisticamente su ogni 20 bronchiti si ha come complicanza la polmonite. Le persone più a rischio di contrarre una polmonite sono:

  • anziani
  • persone che fumano
  • le persone con altre patologie, al cuore, al fegato o malattie renali
  • le persone con un sistema immunitario indebolito

La polmonite lieve di solito può essere trattata con antibiotici a casa, mentre i casi più gravi possono richiedere il ricovero ospedaliera. Come abbiamo accennato, sintomi della bronchite possono essere tosse e mal di gola. Se soffri di tale sintomatologia e sei certo che non si verificano a causa della bronchite, puoi leggere questi due articoli molto interessanti dove si elencano dei rimedi naturali:

 

Rimedi naturali ansia: Lo stress combattuto con gli infusi


Il tè utile a combattere ansia e stress, è una bevanda consistente in un infuso o decotto ricavato dalle foglie di una piante legnosa, la Camelia Sinesi, che viene coltivata principalmente in Bangladesh, Cina, India, Sri Lanka, Giappone e kenya, che ne sono anche i maggiori consumatori.

Infatti per millenni, nella regione montana dell’Asia, il tè è stato ed è ancora attualmente utilizzato come cura contro diversi tipi di malanni,ma anche nelle cerimonie spirituali e religiose o come strumento per aiutare corpo e mente a rilassarsi.

Oltre alla Camelia Sinesi esistono altri rimedi naturali per l’ansia? La risposta è si! Basta continuare a leggere l’articolo, per trovare altri rimedi naturali contro l’ansia, in modo da non ricorrere ai farmaci ansiolitici.

Leggi tutto “Rimedi naturali ansia: Lo stress combattuto con gli infusi”

Acufene: Ecco un efficace rimedio naturale


I sintomi dell’acufene anche se in una fetta di popolazione bassa, possono essere per questi soggetti davvero molto fastidiosi, e riuscire a trovarne un valido rimedio in natura, aiuta tale persone affette da acufene a cercare di alleviarne i sintomi. Seppur siano state individuate molte cause che possono portare alla comparsa del classico ronzio alle orecchie, la scienza non riesce a dare ancora una valida alternativa a tale problema dell’orecchio.

Oggi proponiamo dunque per queste persone, un rimedio naturale per combattere l’acufene alleviandone i sintomi spesso in modo istantaneo… la tecnica del “tamburo con le dita”.

Leggi tutto “Acufene: Ecco un efficace rimedio naturale”

Acufene: Disturbo uditivo con ronzio alle orecchie

Il disturbo all’apparato uditivo che si percepisce con l’udire ronzii, fruscii, fischi o pulsazioni è detto “Acufene”. L’acufene ed i suoi rumori può assumere forme molto gravi capaci di compromettere la qualità della vita di chi ha il classico ronzio alle orecchie.

L’acufene è in sintesi, la percezione di fenomeni sonori che non hanno una fonte sonora reale. Tale definizione serve per specificare bene che, al contrario di come si pensa, l’acufene sia una patologia derivante da fonti sonore interne al nostro corpo e anche per non confonderle con fenomeni di allucinazioni uditive (udire voci, sentire musiche etc etc). Sono diverse le cause che possono provocare l’acufene all’orecchio come ad esempio:

  • Infezioni
  • Allergie
  • Stress ossidativo
  • Cerume
  • Forti rumori
  • Danni neurologici

Leggi tutto “Acufene: Disturbo uditivo con ronzio alle orecchie”

Apparato endocrino anatomia e funzione


Un fitto sistema di ghiandole e cellule formano il sistema endocrino dell’essere umano. Tali organi, detti appunto ghiandole endocrine e cellule endocrine, hanno la funzione di secernere gli ormoni, sostanze che immesse nel sangue, insieme al sistema nervoso gestiscono l’intero organismo. Il funzionamento del sistema endocrino in pratica, attraverso gli ormoni, porta messaggi e stimoli ai vari organi del corpo umano affinchè essi svolgano le proprie funzioni vitali in modo corretto.

Non soltanto le ghiandole endocrine producono ormoni, ma anche altri complessi cellulari ed organi del corpo umano. Ad esempio, anche il cuore nonostante sia un muscolo, è deputato alla produzione di un ormone (peptide atriale natriuretico) che agevola l’espulsione del sodio dai reni.

Il sistema endocrino lavora a stretto contatto con il sistema nervoso, dove trova congiunzione anatomica attraverso l’ipotalamo.

Qual è la ghiandola endocrina più importante?

Nonostante ogni cellula endocrina ed ogni ormone è importante per le funzioni vitali, possiamo dire che esiste una ghiandola che ha un’importanza biologica superiore alle altre, l’ipofisi.

L’ipofisi misura come un fagiolo, ha un peso inferiore al grammo e nonostante ciò riesce ad essere una componente essenziale per il buon funzionamento di ovaie, testicoli e tiroide. L’ipofisi è di fondamentale importanza anche per la crescita del corpo non a caso, tra i nove ormoni che produce vi è anche il GH, l’ormone della crescita.

Ghiandole endocrine

Il sistema endocrino è come detto in precedenza, formato da ghiandole e cellule che secernono ormoni. Le ghiandole endocrine che lo compongono sono:

  • Gonadi
  • Tiroide
  • Timo
  • Ipofisi
  • Surrenali
  • Pancreas
  • Epifisi

 

Ernia Iatale


Quando la parte alta dello stomaco risale attraverso il diaframma modificando in parte la sua naturale collocazione, si forma la cosiddetta Ernia Iatale (o jatale). L’ernia Iatale prende il nome proprio da questo meccanismo, che vede parte dello stomaco risalire nel torace fuoriuscendo attraverso un’apertura presente nel diaframma chiamata appunto Iato esofageo.

Tale apertura, è di normale costituzione, difatti essa serve a collegare stomaco con esofago vedendo il passaggio del tubo esofageo attraverso lo iato esofageo (o diaframmale). C’è da dire inoltre che tale collegamento tra esofago e stomaco, funge anche come valvola regolatrice del passaggio del cibo, e una volta compromessa, può causare reflusso gastrico attraverso la risalita di succhi gastrici dallo stomaco verso l’esofago.

Leggi tutto “Ernia Iatale”

Pancia gonfia ? ecco 3 rimedi per sgonfiare l’addome


Chi non ha mai sofferto di gonfiore alla pancia? Più o meno tutti abbiamo avuto dei fastidi legati a quel fastidioso senso di gonfiore addominale, subendone un vero e proprio disagio. Spesso ha a che fare con ciò che mangiamo, ma l’alimentazione non è l’unica causa che porta a soffrire di gonfiore di pancia. Cerchiamo di individuare anche altre cause e anche facili e veloci rimedi per mantenere la nostra pancia piatta e sgonfia.

Chi vuole sgonfiare l’addome sa bene che non è solo un discorso estetico, legato a quella orribile sporgenza di grasso e liquidi che spinge chiunque a cercare di dimagrire la pancia, ma anche e soprattutto un terribile fastidio.

Alla fine dell’articolo, 3 validi rimedi per sgonfiare l’addome o per evitare che compaia il fastidioso problema della pancia gonfia.

Leggi tutto “Pancia gonfia ? ecco 3 rimedi per sgonfiare l’addome”

Dimagrire la pancia: E’ possibile in modo localizzato?

L’estate si avvicina e come ogni anno ci si domanda se si è in forma per superare la prova costume. A parte chi tra noi è seriamente obeso, dove la soluzione adatta non è solo dimagrire la pancia in modo localizzato ma seguire i consigli personalizzati di dietologi o addirittura sottoporsi ad interventi chirurgici. Questi consigli sono per il resto delle persone che si guardano allo specchio e vedono riflessa l’immagine di un’antiestetica pancia che da sola riesce a far sì che la figura globale sia poco attraente.
Per dimagrire la pancia non c’è bisogno di seguire diete ferree e fare letteralmente la fame, oppure sottoporsi a sedute di esercizi addominali che spesso scoraggiano chi vi si sottopone improvvisamente. Ma c’è bisogno di conoscere determinate regole da seguire affinchè si riesca a dimagrire la pancia in modo localizzato, ed evitare di ritrovarsi dopo qualche mese di nuovo con una pancia ricoperta di grasso o appannata da liquidi in eccesso.

Voler dimagrire solo la pancia è un’operazione molto difficile, spesso non c’è neanche bisogno di dover effettivamente perdere grasso nella parte addominale del corpo, perchè i problemi di cui si crede di soffrire sono solo nella nostra mente o perchè non si sa in effetti a cosa è dovuto quell’effettivo aumento di massa grassa sulla pancia.

Vediamo se è possibile dimagrire la pancia in modo localizzato, ed a che è dovuto tale accumulo di grasso nell’addome.

Leggi tutto “Dimagrire la pancia: E’ possibile in modo localizzato?”

Coregasm: L’orgasmo anche per le donne


Un po provocatorio come titolo, ma in effetti ascoltando i discorsi di molte donne che seppur vivendo una vita coniugale e sessuale attiva, sostengono di non riuscire a raggiungere l’orgasmo nel 60% dei casi mai, e in percentuali minori via via da 1 a più volte al mese. Del resto se esiste fisiologicamente la funzione dell’orgasmo, non vediamo il motivo del perchè non debba essere raggiunto. Ed allora abbiamo cercato un po in rete se esistesse qualcosa capace di stimolare l’orgasmo femminile per fare in modo che anche la totalità delle donne riesca a raggiungerlo con consuetudine.

Sai che esiste un allenamento utile per agevolare l’ orgasmo ? Ormai per stare bene ed in salute non bastano più soltanto le ore del giorno ma bisogna sfruttare anche quelle notturne per riuscire a trovare uno stato di benessere a 360 gradi in ogni cosa.

Sudare per un fine che non è libidinoso bensì è puro training per aiutare i muscoli giusti a raggiungere il punto G(iusto). Buzzfeed l’ha subito rilanciato come trend e come hashtag: Coregasm… il super orgasmo perfetto.

Leggi tutto “Coregasm: L’orgasmo anche per le donne”

Fratture che accadono a calcetto come comportarsi

Spesso capita di farsi male a calcetto, uno sport deleterio per i muscoli, legamenti ed ossa. In una caduta possiamo sentire un “crack”seguito da un forte dolore. Potrebbe trattarsi di frattura delle spine tibiali che viene diagnosticata con lastra al pronto soccorso. Non essendo interessati altri tessuti legamentosi e/o tendinei, e trattandosi di una frattura composta, non è necessario alcun tipo di intervento chirurgico, e la lesione ossea viene immobilizzata per venti giorni.


Leggi tutto “Fratture che accadono a calcetto come comportarsi”

Apparato respiratorio: Anatomia schema e patologie


L’apparato respiratorio, favorisce l’introduzione e l’espulsione di ossigeno e anidride carbonica dall’esterno dell’organismo al sangue, e dal sangue verso l’esterno. L’apparato respiratorio è costituito da una fitta rete di canali ed organi atti a favorire il processo della respirazione. La fase respiratoria consta di due fasi, l’inspirazione e l’espirazione. Durante la fase inspiratoria avviene il processo che vede introdurre ossigeno attraverso le cavità nasali (ispirando correttamente) o la bocca, che percorrendo le vie aeree dell’apparato respiratorio giungono fino ai Polmoni. E’ proprio nei polmoni che avviene lo scambio tra ossigeno inspirato ed anidride carbonica, quest’ultima rilasciata dal sangue, nei polmoni da il via a quello che è il processo espiratorio, ovvero di espulsione dell’anidride carbonica in cambio di ossigeno attraverso le vie aeree superiori.

Leggi tutto “Apparato respiratorio: Anatomia schema e patologie”

Esofago: Anatomia del tubo esofageo


L’esofago è il tratto dell’apparato digerente compreso tra la faringe e lo stomaco. L’esofago è un condotto che misura tra i 23 ed i 26 cm, e la sua collocazione anatomica va dalla 6° vertebra cervicale fino alla 10° vertebra toracica.

Attraverso l’esofago passa il bolo formato dagli alimenti deglutiti e lavorati inizialmente nella bocca grazie agli enzimi della saliva. Capita a causa di determinate patologie o stati influenzali, che l’esofago non sia percorso nella sua lunghezza dai cibi solo verso il basso. Ma che venga percorso in risalita da vomito o da acidi a causa del reflusso gastrico.

Leggi tutto “Esofago: Anatomia del tubo esofageo”

Intestino: tratto finale dell’apparato digerente


L’intestino è il tratto finale dell’apparato digerente, la porzione del sistema digerente compresa tra il duodeno e l’orifizio anale. In questa parte del corpo umano avvengono due funzioni molto importanti per la sopravvivenza dell’organismo. Da una parte nel tratto intestinale avviene l’assorbimento delle sostanze nutrienti utili al fabbisogno energetico e di sviluppo cellulare, dall’altra avviene l’espulsione di tutte quelle sostanze che sono inutili, dannose o in eccesso attraverso il processo di espulsione delle feci.

L’intestino del corpo umano è lungo circa 8 metri, è un organo dalle pareti flessibili posto in modo ripiegato su se stesso varie volte nella parte addominale dell’organismo.

Nel tratto intestinale dell’essere umano si riconoscono due parti differenti per tipo di funzione, parliamo dell’intestino tenue e dell’intestino crasso. A loro volta, tali parti che compongono l’intestino sono suddivise in altre chiamate rispettivamente :

Leggi tutto “Intestino: tratto finale dell’apparato digerente”

Tosse cronica e reflusso gastrico



La tosse cronica è un sintomo che può essere causato da più fattori, quindi una diagnosi corretta richiede un approccio multidisciplinare, un consulto da più di uno specialista. Negli ultimi anni, il medico curante di base in caso di tosse cronica rimanda spesso i pazienti direttamente allo specialista in otorinolaringoiatra. Ciò ha lo scopo di evidenziare i problemi di diagnosi e la gestione dei pazienti con tosse cronica dal punto di vista otorinolaringoiatra in quanto reflusso gastroesofageo e la sindrome postnasale restano una delle cause più comuni di tosse cronica. Le migliori tecnologie per la diagnosi, test non invasivi e ad alta tecnologia innovazioni radiologici ed endoscopici hanno facilitato le diagnosi per questi pazienti.

Leggi tutto “Tosse cronica e reflusso gastrico”

Insonnia e rimedi naturali: curare i disturbi del sonno


Solo chi soffre di insonnia sa cosa significa non riuscire a chiudere occhio ma allo stesso tempo desiderare di addormentarsi in un sonno ristoratore che duri tutta la notte. Per chi soffre di insonnia la condizione di non riuscire a dormire di notte contro la propria volontà nonostante si sia stanchi, può diventare davvero fastidiosa e deleteria per la salute fisica e mentale.

Se credi di non soffrire di insonnia, semplicemente perchè non passi le notti in bianco sveglio fino all’alba ed oltre, ti sbagli di grosso! Soffrire d’insonnia non significa solo non riuscire a dormire durante la notte, ma viene ricondotto ad una forma di insonnia più lieve, anche l’incapacità di riuscire a dormire in modo soddisfacente e cadere in un sonno profondo per tutta la notte.

Esistono numerosi rimedi naturali per chi non riesce a dormire perchè soffre di qualche forma di insonnia, ne parleremo alla metà dell’articolo, adesso approfondiamo di più l’argomento insonnia leggendo:

  • Quanti tipi di insonnia esistono
  • Quando si è affetti da insonnia
  • Quando si manifesta
  • Perchè si manifesta l’insonnia
  • Conseguenze dell’insonnia

Leggi tutto “Insonnia e rimedi naturali: curare i disturbi del sonno”

4 rimedi naturali contro la stitichezza


Nel precedente articolo dedicato alla stitichezza, abbiamo elencato 6 rimedi naturali per alleviarne i sintomi e riuscire ad andare in bagno con la giusta frequenza. Abbiamo visto come Olio, Limone, (qualche preghiera), melassa, caffè e movimento possono alleviare i sintomi della stitichezza. In questo altro articolo, vogliamo elencare altri rimedi naturali per curare la stipsi e riuscire finalmente ad andare di corpo regolarmente.

Ecco di seguito altri 4 rimedi naturali contro la stitichezza…

Leggi tutto “4 rimedi naturali contro la stitichezza”

Esofago di Barrett e reflusso gastrico


Abbiamo accennato nell’articolo riguardante i 14 rimedi naturali per il reflusso gastrico, come questa patologia potrebbe sfociare in quello che viene definito Esofago di Barrett.

L’esofago di Barrett è un anomalo cambiamento cellulare che avviene nella parte bassa dell’esofago. Esso è conosciuto anche col nome di Epitelio di Barrett, perchè questo anomalo cambiamento consiste nella sostituzione del classico epitelio squamoso dell’esofago con un tipo di epitelio cilindrico come quello tipico del tratto gastrointestinale.

In una minima percentuale dei pazienti, circa lo 0,5%, l’Esofago di Barrett è correlato con una grave forma di carcinoma spesso mortale, e dunque questa patologia è da considerarsi come una fase pre-cancerosa a tutti gli effetti.

vediamo dunque quali sono le cause e qual è la diagnosi ed i trattamenti per l’Esofago di barrett.

Leggi tutto “Esofago di Barrett e reflusso gastrico”

Trattamenti di cristalloterapia: Come si fanno

Nel precedente articolo, abbiamo parlato in generale della cristalloterapia, guardandone più da vicino aspetti fondamentali ma senza entrare nel merito del trattamento. In questo articolo invece, vogliamo condividere dei video tutorial su come fare la cristalloterapia e come utilizzare i kit di cristalli.

Leggi tutto “Trattamenti di cristalloterapia: Come si fanno”

Depurare il corpo con la Zeolite


Nella categoria dedicata alla depurazione, abbiamo inserito articoli informativi per depurare alcuni organi del corpo umano che una olta disintossicati, possono garantire una migliore qualità di vita. Fegato, reni, intestino ed altri organi, possono essere attaccati ogni giorno da metalli pesanti e sostanze tossiche di ogni genere.

In questo articolo mostriamo come la Zeolite possa essere un’importante alleato contro queste sostanze che intossicano il nostro organismo riuscendo ad agevolare la depurazione.

Leggi tutto “Depurare il corpo con la Zeolite”

Fasi della secrezione gastrica

Fasi della secrezione gastrica

 

Gli stimoli che inducono la produzione di succhi gastrici sono di diversa natura: nervosa, chimica e meccanica, di conseguenza possiamo dire che le principali fasi della secrezione gastrica sono tre:




  • Fase psichica o cefalica

  • L’odore e la vista o addirittura il pensiero a del cibo appetitoso stimola la produzione di saliva, allo stesso modo anche se in maniera minore stimola la secrezione gastrica. Durante la masticazione aumentano ulteriormente saliva e succhi gastrici, le fasi della secrezione gastrica di entrambe sono sotto il controllo del nervo vago.
fasi della secrezione gastrica
fase cefalica

 

 

  • Fase gastrica.

    Il cibo introdotto una volta che viene a contatto con la mucosa dell’antro gastrico, induce la mucosa stessa a produrre una sostanza detta gastrina, che una volta assorbita passa nel sangue e raggiunge le ghiandole del fondo stimolandole alla produzione di acido cloridrico e pepsina. La secrezione della gastrina dura fino a quando il ph del succo gastrico non raggiunga un valore compreso tra l’ 1.8 e 2, solo con il raggiungimento di tale circostanza cessa la produzione di gastrina, prodotta anche in seguito allo stimolo meccanico generato dalla distensione delle pareti antrali.

succhi gastrici foto
fase gastrica

 

  • Fase intestinale.

 

  • La presenza nell’intestino di determinate sostanze, stimola o riduce la secrezione gastrica; tali sostanze come l’acqua, estratti di carne, albume etc. una volta arrivate nel duodeno avviano un meccanismo ormonale che riesce a bloccare le secrezioni gastriche dello stomaco interferendo addirittura sulla fase cefalica.

intestino
fase intestinale





Fiocchi di avena contro la stitichezza


Abbiamo gia visto in un altro articolo ben 6 rimedi naturali alla stitichezza, oggi ne consigliamo un altro, ovvero, integrare fiocchi d’avena nella propria dieta per combattere la stipsi grazie alle loro proprietà. Di solito questo prodotto è consigliato per chi ha un intestino pigro per il suo alto contenuto di fibre.

 

La differenza tra i fiocchi d’avena e gli altri cereali, è che i primi contengono molte proteine ed acidi grassi. oltre a ciò, i fiocchi contengono un tipo di carboidrati denominati a rilascio lento e dunque in grado di fornire all’organismo un apporto energetico per tempi più prolungati.

Leggi tutto “Fiocchi di avena contro la stitichezza”

Pepsina

Pepsina: a cosa serve?

E’ un enzima presente nei succhi gastrici che la funzione di dividere le proteine in grandi frammenti peptidici detti peptoni, agisce su quasi tutte le proteine tranne la mucina e certi tipi di protamine e cheratina. E prodotta dalle cellule principali dello stomaco sotto forma di pepsinogeno, il pro-enzima per effetto dell’acido cloridrico, anch’esso contenuto nei succhi gastrici e prodotto dalle ghiandole dello stomaco,  si trasforma in pepsina. Essa rappresenta un componente importante della digestione, anche se non indispensabile, infatti anche i succhi intestinali sono in grado di scindere le proteine in peptoni.

pepsina

Allergie rimedi naturali: 2 rimedi contro i sintomi delle allergie stagionali


Hai il naso che cola? il prurito agli occhi? non riesci a fermarti nel fare starnuti? devi sapere che in questa stagione aumentano i pollini che circolano nell’aria in modo incontrollato, e che questi insieme alle temperature che si innalzano e rendono il clima più caldo, riescono a far scatenare attacchi allergici.

Se sei tra chi sta cercando un valido rimedio alle allergie, ma vuole trovare rimedi naturali e ridurre l’uso dei soliti farmaci antistaminici, continua a leggere, perchè in queste pagine troverai 2 rimedi naturali alle allergie per alleviarne i sintomi e renderle più sopportabili.

Si suppone che lavorare affinché avvenga la graduale assunzione di polline possa aiutare a costruire una barriera immunitaria prima che compaiano i sintomi, fornendo così le armi di difesa giuste all’organismo quando la stagione porterà con se i sintomi dell’allergia.

Leggi tutto “Allergie rimedi naturali: 2 rimedi contro i sintomi delle allergie stagionali”

Anemia e anemie nutritive

La carenza di ferro e anemie nutritive


Con la parola anemia viene indicata una patologia caratterizzata da una diminuzione più o meno marcata dell’ emoglobina nel sangue, conseguenza della carenza di un più nutrimenti essenziali, separandola dal concetto dalla causa della carenza. Le anemie nutritive, che fanno parte del complesso di anemie imputabili ad un difetto di formazione del sangue, vengono distinte:

  1. Anemie da deficienza di ferro.

    si  tratta di anemie che possono insorgere o per perdita eccessiva di ferro (emorragie croniche) o per l’apporto inadeguato. Le anemie croniche sono la causa più comune dell’ anemia nell’adulto, mentre l’apporto insufficiente è la causa più coune dell’anemia dell’infanzia, durante l’adolescenza e nelle gravidanze ed in tutte le condizioni ove aumenti il fabbisogno dei ferro. Non mero rari sono quei casi in cui sia il malassorbimento del ferro ad esserne la causa.

  2. Anemie da deficienza proteica

     

    una dieta non adeguata dal punto di vista proteico, come quantità, può essere ritenuta causa di anemia o per lo meno rappresentarne un fattore aggravante.

  3. Anemia da deficienza di acido folico

    sono dovute alla deficienza di vitamina B12, alcuni associano questo tipo di anemia al gruppo delle anemie macrocitiche della sprue e della gravidanza.

  4. Anemie da deficienza di vitamina C e di altre vitamine

    un altro fattore delle anemie nutritive dell’uomo è la deficienza dell’acido ascorbico, negli animali o per meglio dire in alcune specie è causata dalla carenza di alcune vitamine: piridoxina, pantotecnic e riboflavina.

Si ritiene dunque che le anemie siano dovute a carenza di ferro, acido folico e vitamina B12. Può accadere il manifestarsi dell’anemia in presenza di carenze proteiche, ma non sono ritenute responsabili se non dopo che sia stata esclusa una careza di ferro, acido folico o di vitamina B12. Le espressioni anemia ferropriva e megaloblastica sono state sostituite con carenza di ferro( o carenza marziale) e carenza di vitamina B12 o di acido folico; infatti secondo gli esperti dell’O.M.S. esse sono la manifestazione tardiva di queste carenze e il trattamento terapeutico mira a rimediare la carenza specifica invece di badare ai sintomi. Rappresentano un problema grave per grandi gruppi demografici, nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo; gli esperti della FAO e dell’O.M.S. hanno intrapreso ricerche specifiche per correlare anormalità ematiche attribuite alla malnutrizione, e i ruoli delle carenze alimentari e del parassitismo nella patogenesi delle anemie nutritive. L’O.M.S. ha raccomandato di considerare anemici tutti i soggetti con tasso di emoglobina (espresso in g/100 ml) viventi a livello del mare, i cui parametri siano inferiori ai seguenti parametri: 11g nei bambini 6 mesi a 6 anni; 12g per quelli da 6 a 14 anni; 13g nei maschi adulti e 12g nelle femmine adulte.

 

 

Intestino tenue-crasso e patologie

Intestino

L’intestino è la porzione dell’apparato digerente compresa tra il piloro e l’orifizio anale, si suddivide in:

  1. intestino tenue è formato a sua volta dal duodeno e dall’intestino tenue mesenteriale a sua volta si distingue in digiuno e ileo;
  2. intestino crasso nel quale si innesta il tenue, è formato dal cieco che comprende l’appendice ciecale, il colon , il retto e l’orificio anale .
intestino tenue e crasso
intestino tenue e crasso

Come funziona l’intestino?

Come sappiamo attraverso l’intestino passa il cibo (chimo gastrico), ciò possibile grazie ad un processo fisiologico detto peristalsi, consiste nell’avanzamento di una profonda contrazione circolare che genera la cosiddetta onda peristaltica che si forma in seguito alla distenzione meccanica della parete mucosa dovuta alla contrazione della muscolatura liscia circolare. Durante la peristalsi, oltre all’avanzamento del chimo gastrico si presenta un altro movimento in senso antioraio, che consente un ulteriore mescolamento del chimo per consentire un migliore contatto con la mucosa e quindi un maggiore assorbimento dei succhi digestivi.

Layers_of_the_GI_Tract_english.svg

Le patologie intestinali

Le affezioni intestinali comprendono sindromi note e frequenti; i processi tossici, infettivi, allergici possono dar vita a enterocolite, duodenite, ileite, colite,tubercolosi intestinale. Sono numerose le neoplasie a decorso maligno come il carninoma, che colpiscono nella maggior parte dei casi il tenue, il colon, il retto e l’ano. Altre patologie intestinali sono appendicite acuta o cronica, le occlusioni, i diverticoli, gli ascessi, le fistole perianali e perirettali, le emorroidi e ragadi anali, il prolasso intestinale e rettale, la stitichezza.

Può inoltre essere affetto da malattie congenite come megacolon e dolicocolon , inoltre traumi violenti possono produrre gravissime lesioni, spesso ad esito letale se non si interviene celermente, ad esempio per la rottura di anse intestinali la conseguenza peggiore potrebbe essere una peritonite.

Stomaco e patologie

Stomaco e patologie

Lo stomaco è un organo posto subito sotto il diaframma, che formato da tre tuniche principali rispettivamente dalla più interna alla più esterna sono così disposte: mucosa,  muscolare e sierosa; inoltre tra la tunica mucosa e muscolare vi è una tela detta sottomucosa. Lo stomaco è situato sul lato sinistro dell’addome superiore. Il cibo masticato (bolo) attraversa l’esofago e raggiunge lo stomaco, entrando attraverso una valvola muscolare chiamata sfintere esofageo inferiore (cardias).
La mucosa interna allo stomaco secerne acido ed enzimi che digeriscono il cibo (chimo gastrico), essa è formata da una ricca rete di solchi che delimitano le aree e costellata da forellini(fossette gastriche) dove sono presenti numerosi orifici più piccoli che corrispondono agli sbocchi di numerose ghiandole intramucose. Il contrarsi della tunica muscolare dello stomaco ne migliora la digestione. Quindi attraverso una valvola muscolare che si apre e che è situata nella parte inferiore dello stomaco (piloro) il cibo passa dallo stomaco all’intestino (intestino tenue).
L’irrorazione sanguigna dello stomaco è garantita da arterie che provengono da due archi anastomici e che sono alimentati dalle arterie gastriche, gastroepiploiche, e gastriche brevi.

 

Quali sono le patologie?

cattiva digestione erbe per intestino

 

  • reflusso gastroesofageo: il contenuto dello stomaco, tra cui l’acido, possono viaggiare a ritroso fino all’esofago. Il reflusso può causare bruciore di stomaco o tosse o possono non esserci sintomi.
  • malattia da reflusso gastroesofageo (GERD): Quando i sintomi di reflusso diventano fastidiosi o si verificano di frequente, si chiamano malattia da reflusso gastroesofageo. Raramente, GERD può causare seri problemi all’esofago.
  • Dispepsia: Un altro nome per disturbi di stomaco o indigestione. Dispepsia può essere causata da qualsiasi condizione benigna o grave che colpisce lo stomaco.
  • Ulcera gastrica (ulcera gastrica): l’erosione del rivestimento dello stomaco, spesso causa dolore e / o sanguinamento. Le ulcere gastriche sono più spesso causate da FANS o infezione da H. pylori.
  • ulcera peptica: I medici considerano ulcere o dello stomaco o del duodeno (la prima parte dell’intestino tenue) ulcera peptica.
  • Gastrite: infiammazione dello stomaco, causa spesso nausea e / o dolore. La gastrite può essere causata da alcool, alcuni farmaci, infezione da H. pylori, o da altri fattori.
  • Il cancro dello stomaco: il cancro gastrico è una forma rara di cancro si pensi che negli Stati Uniti adenocarcinoma e linfoma costituiscono la maggior parte dei casi di cancro allo stomaco.
  • sindrome di Zollinger-Ellison (ZES): La presenza di uno o più tumori che secernono ormoni che portano ad un aumento della produzione di acido. GERD grave e ulcera peptica derivano da questa rara malattia .
  • varici gastriche: Nelle persone con malattia epatica grave, le vene nello stomaco possono gonfiarsi e gonfiarsi sotto una maggiore pressione; formando delle varici, queste vene sono ad alto rischio di sanguinamento, anche se meno di quanto lo siano le varici esofagee.
  • Sanguinamento dello stomaco: gastrite, ulcere o tumori gastrici possono sanguinare. Quindi se si notano sangue o materiale nero nel vomito o nelle feci di solito ci si trova davanti ad un’emergenza medica.
  • Gastroparesi (ritardato svuotamento gastrico): Il danno ai nervi da parte del diabete o di altre condizioni può compromettere le contrazioni muscolari dello stomaco. Nausea e vomito ne rappresentano la sintomatologia tipica.

Feci: consistenza e forma indicano lo stato di salute


Osservare le feci e conoscerne le caratteristiche può aiutare a conoscere lo stato di salute dell’intero apparato gastro-intestinale e non solo. Diverse non solo come consistenza e forma, le feci possono differire anche per odore e colore. Un buon consiglio per prevenire moltissime malattie è proprio il monitoraggio quotidiano delle feci che vengono espulse quando si fa la cacca.

Le feci per essere considerate ottimali, devono avere una colorazione vicina al color oro, devono inoltre avere la classica forma a banana ed essere consistenti mediamente non dure o molle, paragonabili alla consistenza di un dentifricio.

Quando l’apparato gastrointestinale è in buono stato di salute, oltre ad avere le caratteristiche appena descritte, le feci devono galleggiare ed essere prive di odore o puzza.

Leggi tutto “Feci: consistenza e forma indicano lo stato di salute”

Succhi gastrici


I succhi gastrici sono prodotti dalla mucosa interna dello stomaco, essi contengono diversi componenti organici come enzimi, acqua, sali e muco. I succhi gastrici agiscono in modo tale da riuscire a trasformare in composti più piccoli i cibi ingeriti e oggetto della digestione. Per svolgere la loro funzione sulle proteine i succhi gastrici si servono di un enzima detto pepsina. In alcuni esseri viventi (tra cui non c’è l’uomo)  per agevolare la digestione del latte e delle sue proteine lo stomaco usa la rennina. La funzione della rennina è particolare, in quanto riesce a trattenere la caseina (proteina del latte), per un tempo maggiore nello stomaco permettendo cosi una digestione migliore grazie ad un maggior tempo a disposizione.

Leggi tutto “Succhi gastrici”

Bruciore di stomaco


La sensazione di avere lo stomaco che brucia purtroppo è avvertita dalla maggior parte della popolazione. Il bruciore di stomaco può essere un campanello d’allarme per patologie più o meno gravi ma anche sintomi di dovuti allo stress. Dietro alla sensazione del bruciore di stomaco possono celarsi gastriti, reflussi gastrici o intolleranze alimentari e allergie.

Per conoscere le cause del bruciore di stomaco bisogna per prima cosa capire il funzionamento di quest’organo dell’apparato digerente predisposto ad accogliere i cibi da digerire.

Leggi tutto “Bruciore di stomaco”

Reflusso gastrico cibi da evitare


In un precedente articolo abbiamo imparato che esistono almeno 14 rimedi naturali per chi soffre di reflusso gastrico ed acidità di stomaco. Tutti rimedi validissimi che di certo possono aiutare chi soffre già di reflusso gastrico, ma crediamo che sarebbe meglio non avere affatto i sintomi da risalita di acidi gastrici e per questo sappiamo che il metodo migliore è sapere cosa mangiare. Infatti, conoscendo i cibi da evitare se si soffre di reflusso gastrico, di certo si evitano i sintomi da reflusso prevenendo questo fastidioso problema. Per chi soffre di reflusso gastrico quali cibi sono da evitare? Cosa si può mangiare e cosa no per prevenire bruciori di stomaco a causa dell’acidita? In questo articolo scoprirai:

  1. quali sono gli alimenti che dovrai evitare di mangiare se soffri di acidità di stomaco
  2. Quali cibi puoi mangiare se soffri di reflusso gastrico
  3. Primi piatti da evitare
  4. Secondi piatti da evitare
  5. Esempio di dieta antireflusso

Leggi tutto “Reflusso gastrico cibi da evitare”

Mal di testa tensivo: Il miglior rimedio naturale


Sembra che ti scoppi la testa lo so, per questo hai cercato su internet una frase del genere : Rimedi mal di testa, curare mal di testa, mal di testa dopo i pasti etc etc. Ho un validissimo rimedio per curare il mal di testa in modo naturale da svelarti in questo articolo, ma prima bisogna capire che tipo di mal di testa hai. Il dolore da cefalea più comune, quello che più spesso fa pulsare la nostra testa è detto di tipo tensivo. Il mal di testa tensivo è inserito nella categoria delle cefalee tra quelli di tipo gravativo-costrittivo, ovvero che provoca un dolore alla testa in modo continuo e non fitte o pulsioni separate tra loro. Grazie a questa identificazione, il termine mal di testa tensivo ha sostituito raggruppando, molti tipi di cefalee tra cui  la cefalea idiopatica, quella muscolo-tensiva, quella da stress.

mal di testa tensivo

Prima di leggere il rimedio super veloce per eliminare il mal di testa, capiamo se in questo momento il mal di testa che hai è di tipo tensivo indagando tra le cause e che tipo di dolore comporta il mal di testa tensivo.

Leggi tutto “Mal di testa tensivo: Il miglior rimedio naturale”

Rimedi naturali tosse grassa


Come abbiamo accennato nell’articolo dove abbiamo parlato dei rimedi naturali per la tosse in generale, la tosse può essere definita grassa o secca. In questo post vogliamo proporre dei rimedi naturali per la tosse grassa. La tosse può essere definito un meccanismo di difesa che il nostro organismo mette in atto per espellere le sostanze che provocano irritazione alle vie respiratorie. Le cause che possono scatenare colpi di tosse grassa sono molteplici, come ad esempio bronchite, asma, influenza etc.

 

Se in questo inverno rigido dunque sei stato colpito da influenza o peggio bronchite, o comunque ti ritrovi a tossire muco a causa della tosse grassa, di seguito ti elenchiamo dei validi rimedi naturali per calmare la tosse grassa.

Leggi tutto “Rimedi naturali tosse grassa”

Vuoi ossa forti? oltre il latte hai un altro alleato


Non solo latte: il segreto per avere ossa forti, soprattutto a una certa età, potrebbe risiedere nel consumo di tè. Secondo una ricerca australiana, della Flinders University, pubblicata sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition, berne tre tazze al giorno riduce il rischio di fratture di circa il 30% rispetto a chi non lo consuma o lo consuma poco. La ricerca e’ stata svolta su un campione di 1200 donne, tra le quali è più frequente l’osteoporosi, che provoca indebolimento delle ossa, tutte di età media intorno agli 80 anni, alle quali sono state chieste con questionari periodici le abitudini alimentari, in particolare quelle relative al consumo di tè.…Leggi dalla fonte

Benessereesalute.eu è il portale online dedicato al benessere a 360°. Ogni giorno news sul mondo del benessere tratte da fonti attendibili, verranno condivise con gli utenti.

Leggi tutto “Vuoi ossa forti? oltre il latte hai un altro alleato”

Aumentare la fertilità con la soia


Consumare prodotti a base di soia, come tofu, hamburger, zuppa di miso, barrette e altro, può aiutare la fertilità. Questi alimenti, infatti, sembrano proteggere dagli effetti negativi del bisfenolo a (Bpa) un composto chimico contenuto ad esempio nel packaging dei prodotti, che può avere un’influenza negativa e ‘mima’ gli ormoni femminili per eccellenza, gli estrogeni, interferendo con il concepimento e l’impianto di ovociti fertilizzati nell’utero durante la fecondazione in vitro.…Leggi dalla fonte

Benessereesalute.eu è il portale online dedicato al benessere a 360°. Ogni giorno news sul mondo del benessere tratte da fonti attendibili, verranno condivise con gli utenti.

Leggi tutto “Aumentare la fertilità con la soia”

Agire per tempo con gli integratori per fegato

Sovrappeso, fegato ingrossato, problemi digestivi, steatosi epatica, tutti segnali più o meno gravi di un fegato in difficoltà. Al centro del metabolismo, il fegato ci aiuta ad eliminare scorie e metaboliti di scarto. Tutto ciò di cui non abbiamo più bisogno o tutto ciò di potenzialmente tossico per l’organismo deve passare per il fegato che ha il delicato compito biologico di detossificare l’organismo in toto. Ecco perché un fegato appesantito e non al pieno delle sue funzionalità crea non pochi problemi alla nostra salute. Cosa fare dunque?

Un aiuto completamente naturale ci arriva dagli integratori per fegato, specifici prodotti destinati ad integrare la comune dieta e in grado, se assunti con regolarità e costanza, di ripristinare una buona funzionalità epatica. Parola d’ordine: intervenire per tempo. Ovviamente più tardi si interviene e più serie saranno le complicanze a carico dell’organo, con il rischio che da soli gli integratori per fegato non riescano ripristinare un sano stato di salute.

Ma cosa sono gli integratori per fegato

Per integratori per fegato si intende una numerosa cerchia di prodotti, integratori alimentari, costituiti da pregiati estratti vegetali noti per le loro capacità coleretiche e colagoghe in primis. Gli integratori per fegato costituiscono una potente arma detossificante e disintossicante nei confronti di tutte quelle tossine e scorie accumulate nel tempo e che hanno bisogno di essere eliminate.

Parliamo di fitoestratti come il carciofo, il tarassaco, il cardo mariano, la betulla, il boldo, il crisantemo americano, l’erba medica e ad altri estratti vegetali spesso associati in grado di lavorare sull’apparato digerente nel suo complesso, ripristinando anche una buona funzionalità digestiva oltre che epatica.

Cardepat e Liver Health due noti integratori per fegato

Nell’ambito dell’ampia schiera di prodotti reperibili nelle maggiori erboristerie e parafarmacie, due integratori per fegato destano notevole interesse data la vincente sinergia dovuta ai preziosi ingredienti contenuti. Parliamo del Cardepat (nella sua versione anche composta nota come Cardepat-T) e del Liver Health. Due integratori per fegato diversi, tali da trattare differenti problematiche a carico del fegato.

Al cardepat vanno i meriti di cui sopra, al Liver Health il pregio oltre che di sostenere la funzionalità epatica quella importante di stimolare la produzione di glutatione, centrale complesso enzimatico epatico il cui compito è proprio quello di smaltire composti xeno biotici, ossia estranei all’organismo. Farmaci compresi!

Gli occhiali da sole a specchio sono utili per il benessere degli occhi ?


Occhiali con lenti a specchio

Gli occhiali da sole con un rivestimento a specchio delle lenti sono uno degli accessori più di moda nella bella stagione. Come funzionano? E soprattutto proteggono adeguatamente gli occhi ? Il rivestimento a specchio applicato alle lenti di questa tipologia di occhiali é ottenuto grazie a un processo tecnologico avanzato dove gli ossidi metallici vengono surriscaldati e fusi con le lenti a livello molecolare per garantire così uno strato uniforme. Il rivestimento viene sempre applicato su una lente da sole già colorata, in modo da influire sulla luminosità delle lenti preservando il tono di colore. Il rivestimento si comporta quindi come un vero specchio e riflette la luce lontano dagli occhi. E’ importante sottolineare che il colore del rivestimento non influenza in nessun modo sulla capacità riflessiva delle lenti.

ray-ban-rb3025-aviator-large-metal-112-17-58-10Gli aspetti negativi degli occhiali con le lenti a specchio

Gli occhiali con le lenti a specchio non sono adatti alle persone che praticano sport come il ciclismo, lo sci e la pesca, dove il riflesso della luce può essere fastidioso. La specchiatura infatti non riduce il fastidioso effetto del riflesso della luce sull’acqua o su altre superfici riflettenti.

La luce riflessa dalle superfici piane come una strada o uno specchio d’acqua é normalmente polarizzata orizzontalmente. Ciò significa che, invece essere riflessa in tutte le direzioni, la luce viaggia in una direzione orizzontale. Questo crea un blagliore fastidioso e talvolta pericoloso.

Le lenti polarizzate contengono uno speciale filtro che blocca questo tipo di luce. Le lenti degli occhiali da sole polarizzati sono infatti trattate in modo tale da bloccare i raggi di luce che viaggiano sul piano orizzontale e quindi riducono fortemente il riflesso generato da strade, corsi d’acqua, neve, e altre superfici orizzontali.

Gli occhiali con lenti polarizzate aumentano il contrasto delle immagini, che appaiono più definite. In poche parole, se vivi all’aria aperta o pratichi sport su strada, sull’acqua o sulla neve, la scelta più salutare è per un paio di occhiali con lenti polarizzate.

C’é però un’eccezione. Anche se le lenti polarizzate migliorano il comfort e la visibilità, si incontrano casi in cui potrebbero non essere consigliabile. Per esempio nel caso dello sci alpino bisogna stare attenti al fatto che le placche di ghiaccio (che possono essere notate dal riflesso) diventano invisibili.

A parte questo caso, se non vivi o lavori abitualmente all’aperto, non hai bisogno di lenti speciali (le lenti polarizzate sono piuttosto care), e puoi optare per degli ottimi occhiali con le lenti a specchio certificate CE!

Sono talmente tanto richiesti e popolari che i produttori di occhiali hanno proposto negli ultimi anni sempre nuove varietà di colori e combinazioni. Gli occhiali con le lenti a specchio sono disponibili in una vasta gamma di colori come il verde, il blu e il grigio per l’uomo o il rosso, il giallo e il rosa per le donne.

Gli occhiali da sole a specchio più famosi e più venduti sono i Ray Ban RB3025 , indossati in   Top Gun (1986) dall’attore Tom Cruise, l’iconico tenente Pete “Maverick” Mitchell, nella versione dalla montatura d’orata con lenti grigio/verde.







Le allergie 2016 colpiscono prima


Gli starnuti, ma non per l’influenza. Il kit di medicine fazzoletti e collirio sempre sotto mano, ma non per i mali di stagione. Perché poi, al tempo delle maniche corte il 1° febbraio, parlare di stagioni non ha più troppo senso. E a rendersene conto per primi sono stati loro: gli allergici. Sentinelle involontarie del cambiamento climatico.

Leggi tutto “Le allergie 2016 colpiscono prima”

Come curare la pelle: 10 alimenti per una pelle splendente.


 

Da sempre, la cura della pelle è stata una priorità per le donne soprattutto. Che si soffra di pelle secca o grassa, che si abbia un età dove la pelle ha ancora una buona elasticità o meno, per le donne curare la pelle è sempre stato un bisogno primario e negli ultimi decenni anche per gli uomini è diventato indispensabile curare la pelle ed avere sempre un immagine solare e pulita.

Non è solo una questione estetica quello che spinge uomini e donne a curare la pelle in modo maniacale, ma sono tante altre le motivazioni soprattutto in tema di salute. Per capire a cosa serva mantenere la nostra salute a buoni livelli curando la pelle, bisogna capire innanzitutto quali sono le funzioni della cute.

Una funzione della pelle è di difesa, la cute protegge il nostro organismo dagli attacchi di ogni sostanza nociva che altrimenti potrebbe facilmente penetrare nella nostra carne in profondità senza problemi.

La pelle ha anche un secondo modo di fungere da difesa dell’ organismo, ovvero quello che la vede preposta ad espellere sostanze tossiche attraverso i pori.

Dunque bisogna curare la pelle per evitare danni alla salute, e i fattori che possono danneggiare la pelle sono molteplici. Si va infatti dai fattori genetici a quelli ambientali e la prevenzione e la costante cura della pelle sia in giovane età che da anziani è d’ obbligo.

Vediamo adesso nella seconda parte dell’articolo, quali sono i 10 alimenti che ingeriti o comunque utilizzati, possono aiutare a curare la pelle.

Leggi tutto “Come curare la pelle: 10 alimenti per una pelle splendente.”

Intolleranza al caffè: sintomi, cause e rimedi



L’intolleranza al caffè non è rarissima. Essa è dovuta ad una particolare risposta immunitaria alla proteina che si trova in esso. Secondo studi condotti su una popolazione di 30.000 casi di test di intolleranze analizzate dai laboratori della Daphne Lab, l’intolleranza è dovuta a due fattori specifici: abuso di caffè e acidificazione dei tessuti che la sostanza provoca a partire dalla parete gastrica sino al colon.

La caffeina ha importanti e numerosi effetti sul nostro organismo: essa facilita l’aumento del metabolismo corporeo, della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e l’ossigenazione del sangue. E’ inoltre un potente stimolante e può avere un sensibile impatto sulle persone a metabolizzazione lenta di caffeina. Tuttavia, indipendentemente dalla metabolizzazione, l’intolleranza al caffè presenta precisi sintomi e può essere curata con opportune azioni e i consigli di uno specialista.

Sintomi dell’intolleranza al caffè

I sintomi di un’intolleranza al caffè sono simili a molte altre intolleranze alimentari. Dopo aver assunto la sostanza, il soggetto intollerante può avvertire: lacrimazione e bruciore a naso e occhi con conseguente raffreddore; tosse e respiro sibilante; nausea, vomito e crampi allo stomaco; diarrea e difficoltà nella digestione; eruzioni cutanee e irritazione della pelle.

Rimedi e cura

Se questi sintomi – o uno di essi – appare per la prima volta ed è riconducibile, secondo la persona, all’assunzione di caffè, si consiglia di rivolgersi ad uno specialista in allergie, di norma un allergologo. Questi procederà con l’analisi del soggetto e, una volta individuata l’intolleranza tramite opportuni test ed analisi specifiche, somministrando la cura al paziente. La prima cosa da fare è, come per le altre intolleranze alimentari, la cosiddetta “dieta ad esclusione”. Cioè il paziente non potrà assumere più caffè o caffeina per un tempo limitato di circa 1 mese.

E’ bene prestare massima attenzione a questa fase: bisogna evitare di assumere qualsiasi tipo di alimento o bevanda che contenga caffeina. Non solo il caffè quindi, ma anche alcune tipologie di cioccolato, barrette dietetiche, coca cola, pepsi, red bull ed altre sostanze indicate dal medico. Ma la caffeina non si ingerisce soltanto: essa si trova anche in prodotti erboristici analgesici, cosmetici anticellulite, nonché in molti altre specialità farmaceutiche acquistabili senza ricetta medica.

Dopo questa fase si potrà provare a reinserire l’assunzione di caffeina in determinate dosi e quantità. A questo punto bisogna analizzare le reazioni del soggetto: ogni corpo reagisce in modo diverso, e il paziente sarà tenuto in osservazione nel corso del tempo per valutare l’andamento della cura. Successivamente il medico valuterà se e quali condizioni concedere nuovamente l’assunzione di caffeina o se escluderla completamente dalla dieta del paziente.

Alimentazione e Integrazione per chi va in bicicletta



Andare in Mountain bike è uno sport di grande fatica in cui vengono bruciate tantissime calorie ed energie e quindi risulta fondamentale curare, oltre che il mezzo e tutti gli accessori mtb, l’ alimentazione e l’ integrazione proteica prima di salire in bici, durante la pedalata e dopo aver finito l’ attività.

L’ alimentazione consigliata per andare in bicicletta

Nell’ andare in bicicletta è fondamentale fare una buona colazione, visto che il ciclismo è uno sport che porta a fare molti km ed avere un notevole dispendio di energie.

Quando si fa colazione la prima cosa da fare è bere molto, soprattutto frullati e succhi di frutta di varia natura come ad esempio : fragole, mirtilli , banana, ananas ed è consigliabile bere anche dei succhi particolari come quelli al sedano o alle rape rosse, poichè aiutano il metabolismo e tengono idratati.

Per quello che riguarda il cibo è preferibile rimanere leggeri accompagnando i succhi di frutta con fette biscottate, barrette energetiche e in alcuni casi dello yogurt magro.

Leggi tutto “Alimentazione e Integrazione per chi va in bicicletta”

3 Rimedi naturali per la Tosse efficaci e gratuiti!

Nell’articolo iniziale dedicato ai rimedi naturali per la Tosse, abbiamo descritto i primi 4 metodi efficaci per dire addio ai colpi di tosse, ma abbiamo anche visto perchè bisogna farlo e perchè la tosse è così fastidiosa sia a livello fisico che sociale. Se vuoi dunque liberarti dai mughi in eccesso o comunque mandar via velocemente qualsiasi tipo di tosse ti attanagli, ecco altri 3 rimedi naturali che faranno in modo di farti smettere di tossire.

  • Timo
  • Pepe Nero
  • Zenzero

Ecco di seguito come usare questi ingredienti naturali per mettere in pratica rimedi efficaci e duraturi, per adulti e bambini.

Leggi tutto “3 Rimedi naturali per la Tosse efficaci e gratuiti!”

Cura della pelle: Nemici, rimedi naturali e regole d’oro



Avere una cute bella e luminosa è il sogno di tutte noi donne. Apparire raggianti, con una pelle levigata e curata ci fa sentire più giovani e piacevoli. E così siamo, molto spesso, costrette a combattere con macchie della pelle, colore spento, rughe e altri segni del tempo e a scegliere tra i tantissimi prodotti di bellezza che le profumerie e i supermercati ci propongono.

Ma quali sono i fattori che fanno perdere alla nostra pelle luminosità e bellezza? L’inquinamento, ad esempio o i raggi del sole o anche una dieta non equilibrata e povera di liquidi, il fumo e le droghe, tutte cose che contribuiscono a far perdere alla pelle il suo naturale colorito e la sua elasticità.

Il tempo che quotidianamente le donne hanno a disposizione per curare la propria pelle è oggi giorno limitato e non sempre si riesce a mascherare tutti gli inestetismi che il tempo stesso disegna su viso e collo.

Leggi tutto “Cura della pelle: Nemici, rimedi naturali e regole d’oro”

Sconfiggere l’obesità: Migliora la linea e il sapore del cibo



non solo In Italia, ma anche nella maggior parte del mondo, il problema dell’ obesità è molto frequente, e anche i bambini spesso soffrono di questo problema, ma la cosa grave è che siamo anche consapevoli che tutto ciò nuoce alla salute.

Bisogna sconfiggere l’ obesità per poter vivere in maniera più sana e serena.

L’ infiammazione dei tessuti è dovuta all’ obesità, la quale è anche causa di diabete, di colesterolo e malattie. Sia uomini che donne, arrivano ad avere un giro vita largo e sono più soggetti,  rispetto a chi a un giro vita sottile, a incorrere in apnee notturne o in malattie a volte gravi. Come detto in precedenza, chi possiede un giro vita sottile, diminuisce la possibilità di avere diabete, di avere un infarto, cancro e ictus, dobbiamo migliorare il nostro modo di mangiare, evitando di assumere grassi o calorie in eccesso per sconfiggere l’obesità.

La fame è fame! come spesso si dice, questo non è solo un modo di dire per inventare una scusa per ingurgitare cibo a volontà, ma è anche una delle frasi che dovrebbe farci capire che passare da un’alimentazione ricca di grassi e fritture a una alimentazione composta di cibi sani per lo più vegetali con gusti meno forti.

Sconfiggere l’obesità non è di certo una sfida semplice e se molto accentuata è bene non ricorrere a diete fai da te o a letture veloci sul web, ma è bene sentire il consiglio di un dietologo esperto. Di seguito ci limiteremo semplicemente a dare qualche consiglio per rendere più gustosi dei classici cibi mangiati per rimettersi in forma e sfuggire al peso in eccesso.

Leggi tutto “Sconfiggere l’obesità: Migliora la linea e il sapore del cibo”

Rivitalizzare i capelli: 2 trucchetti per rigenerare la tua chioma



Avere dei capelli sani e curati è molto importante. Capelli crespi, secchi e sfibrati sono un problema che va anche al di là dell’aspetto estetico. E così quando vediamo la nostra chioma danneggiata, ricorriamo ai ripari con prodotti professionali che aiutino a rivitalizzare i capelli.

Ma, forse, non tutti sanno che non occorre andare solo dal parrucchiere per prendersi cura della nostra chioma, ma che si può fare comodamente da casa, senza spendere una fortuna e senza visite ricorrenti.

Leggi tutto “Rivitalizzare i capelli: 2 trucchetti per rigenerare la tua chioma”

Esiste la cura all’intolleranza al lievito?



Negli ultimi anni, la cosiddetta intolleranza al lievito che causa disturbi legati al consumo di alimenti contenenti appunto lieviti, ha colpito e colpisce molte persone. Questo perché la digestione di lieviti produce molti gas intestinali che causano:

nei casi più gravi di intolleranza al lievito si giunge ad avere come conseguenze l’asma bronchiale e la rinite.

Leggi tutto “Esiste la cura all’intolleranza al lievito?”

Erbe per depurare il fegato

Continua il nostro viaggio nei rimedi naturali per depurare gli organi del corpo con l’utilizzo di erbe. Abbiamo visto come è semplice depurare i reni con le erbe e quali erbe servono a depurare l’intestino. Oggi parliamo della depurazione di un importantissimo organo interno, il fegato. Esistono erbe per depurare il fegato? si può migliorare lo stato di salute depurando il fegato? quali funzioni migliorano quando si attua un processo di depurazione del fegato? I quesiti sono tanti, cerchiamo di rispondere a questi e altri quesiti di seguito, e soprattutto vediamo quali sono le erbe per depurare il fegato!.

Leggi tutto “Erbe per depurare il fegato”

Sisel Italia e il caffè del benessere

Con prodotti eccellenti per la Salute, il Wellness e la
perdita di peso, i siti web di Sisel International hanno una
grande propensione all’acquisto da parte dei potenziali
clienti. Troverai sul web centinaia di testimonianze
impressionanti sui prodotti di Sisel, che offrono risultati
mai raggiunti prima da tutti gli altri prodotti presenti sul
mercato. I prodotti sono suddivisi in Divisioni specifiche per facilitarne la comprensione
e gli utilizzi.
Per capire perché sostituire i prodotti che usi giornalmente in casa con la tua famiglia con
i nuovissimi prodotti Sisel, sicuri per persone, animali ed ambiente, visiona il video su:

Leggi tutto “Sisel Italia e il caffè del benessere”

Ridurre lo stress quotidiano con yoga ed ayurveda

SpaDreams1

La sindrome da burn-out è un fenomeno tipico dei frenetici tempi moderni. Sempre più persone non riescono a far fronte, nella vita privata e professionale, a tali sovraccarichi. Ne consegue una mancanza di tranquillità e di energia. La filosofia di guarigione dell’ayurveda è l’ideale per combattere i sintomi dello stress e ritrovare la pace interiore. Curare la sindrome da burn-out corrisponde, nell’ayurveda, a spegnere “l’incendio” nella vita dell’individuo. A causa degli squilibri interiori sorgono disturbi e disagi. Lo yoga e l’ayurveda sono in grado di contrastare efficacemente stress ed esaurimento. Differenti trattamenti e tecniche, insieme all’alimentazione ayurvedica, possono ripristinare la giusta energia vitale. I soggetti colpiti dovrebbero anzitutto individuare le cause del disturbo e, per quanto possibile, intervenire su di esse. Un terapeuta ayurvedico può essere d’aiuto nel trovare la motivazione per affrontare il necessario cambiamento.

Asian herb tea on an old rustic table

Alimentazione ayurvedica – una fonte d’energia

La dieta ayurvedica dona al corpo, grazie all’utilizzo di alimenti preziosi, nuova energia e vigore. Particolarmente raccomandati sono miele e latte, burro chiarificato e Chyawanprash, ed ancora ginseng indiano ed erba di grano. Tali sostanze sono adattate alle esigenze individuali del soggetto colpito da stress e da sindrome da burn-out. Tra gli integratori alimentari annoveriamo, ad esempio, il Tangara, noto per il suo effetto calmante oppure il Tulsi ed il Brahmi.

yoga lifestyle woman

Meditazione e movimento

Nell’ayurveda, la meditazione è considerata come un portentoso metodo di guarigione e dovrebbe essere praticata regolarmente. Lo yoga è una antica disciplina del movimento, in grado di offrire armonia tra corpo, mente ed anima. Particolari esercizi e tecniche di respirazione aiutano efficacemente a combattere lo stress e, allo stesso tempo, contrastano ogni forma di burn-out. L’offerta di corsi yoga ed ayurveda è particolarmente vasta. È necessario però apprendere in precedenza le varie tecniche, le modalità di meditazione e di nutrizione. Tutti coloro che desiderino approfondire in modo intensivo questi argomenti ed intendano acquisire una certa esperienza, possono optare per un viaggio ayurveda, nel quale sono inoltre proposte sessioni di yoga. Tour operator specializzati, come SpaDreams, raggiungibile all’indirizzo www.spadreams.it/, propongono offerte interessanti nei paesi più belli del mondo. Un viaggio di questo tipo potrebbe essere la base per una vita sana e piena di energia. Gli ospiti qui godranno non solo dei migliori trattamenti ayurvedici, ma apprenderanno anche le conoscenze di base dell’ayurveda, dell’alimentazione ayurvedica e dello yoga. Teoria e pratica vengono trasmessi nel contesto dei magnifici paesaggi degli Hotel ayurvedici e delle strutture turistiche.

Notti insonni? Ecco le erbe per farti dormire meglio



Con il cambio di stagione possono insorgere problemi legati all’insonnia. Prendiamo a fatica sonno, ci rigiriamo di continuo nel letto, il nostro riposo è di scarsa qualità e poi, durante il giorno ci sentiamo stanchi e affaticati.

Per questo problema, chiaramente, esistono molti rimedi farmacologici, ma se sono episodi sporadici, si può anche provare con alcune erbe che, grazie alle loro proprietà possono favorire il riposo notturno.

Vediamo insieme quali sono queste erbe che fanno dormire meglio e scopriamo quella che fa al caso nostro.

Leggi tutto “Notti insonni? Ecco le erbe per farti dormire meglio”

Guarire le infiammazioni con le erbe



Dai tipici malesseri invernali alle infiammazioni articolari, il nostro organismo, spesso, soprattutto nella stagione più fredda viene colpito da agenti esterni che ne compromettono, in un certo senso, il buon funzionamento.

L’infiammazione, è una naturale reazione dell’organismo, meccanismo che gli consente di predisporre una difesa nei confronti di agenti fisici o di natura biologica e con il compito di eliminare la causa primaria del danno che lo ha colpito.

Come combattere le infiammazioni senza utilizzare farmaci? è possibile eliminare le infiammazioni con le erbe antinfiammatorie che la natura ci offre. Ecco due erbe utili a eliminare qualunque infiammazione.

Leggi tutto “Guarire le infiammazioni con le erbe”

Erbe per depurare i RENI






Come depurare i reni? quali sono i rimedi naturali per depurare questo organo del corpo umano? Esistono erbe per depurare i reni? Sono tanti gli interrogativi ma che purtroppo in pochi si pongono su come consentire il corretto funzionamento di questi importantissimi filtri dell’organismo.

Quando si sente parlare di depurazione dalle tossine infatti la mente di molte persone vola verso il fegato, ma esso non è l’unico organo preposto alla depurazione dalle tossine. Capiamo dunque come depurare i reni con le erbe naturali.

Leggi tutto “Erbe per depurare i RENI”

Che cos’è e a cosa Serve la Fisioterapia

I fisioterapisti, specialisti laureati in medicina, aiutano le persone colpite da lesioni, malattia o disabilità a guarire attraverso il movimento e l’esercizio fisico, terapia manuale, l’istruzione e la consulenza. Si occupano di tutto quello che riguarda l’apparato motorio e ristabiliscono il giusto equilibrio ai pazienti di tutte le età gestendo il dolore e prevenendo future malattie.

La fisioterapia contribuisce a favorire lo sviluppo e a facilitare il recupero dopo un trauma, ad esempio una caduta, oppure un’operazione chirurgica consentendo alle persone di tornare alle normali attività aiutandoli a rimanere indipendenti il ​​più a lungo possibile.

La fisioterapia è una professione basata sulla scienza e adotta un approccio “tecnico-motorio” che include un’anamnesi del paziente a cui vanno fatte alcune domande con lo scopo di approfondire il suo stile di vita per giungere alla causa del problema. Al centro c’è proprio il coinvolgimento del paziente attraverso l’educazione, la consapevolezza, la responsabilizzazione e la partecipazione al trattamento.

È possibile usufruire della fisioterapia in qualsiasi momento della tua vita, non solo in seguito ad un trauma o dolore, ma anche per migliorare una condizione e stile di vita. La Fisioterapia aiuta ad esempio a combattere i dolori lombari o le lesioni improvvise, la gestione di condizioni di salute a lungo termine, come l’asma ed è indicata anche nella preparazione al parto o per prepararsi ad un evento sportivo.

La fisioterapia è una professione sanitaria che deve essere esercitata solo da professionisti laureati nella materia specifica. I Fisioterapisti usano la loro conoscenza e le competenze per migliorare una serie di condizioni associate ai diversi sistemi del corpo umano, come ad esempio:

-Patologie Neurologiche (ictus, sclerosi multipla, Parkinson)

-Patologie Neuromuscoloscheletriche (mal di schiena, colpo di frusta associata disturbo, lesioni sportive, artrite).

-Problemi cardiovascolari (malattie cardiache croniche, riabilitazione dopo infarto)

-Patologie respiratorie (asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, fibrosi cistica).

Fisioterapia per il mal di schiena: è una delle patologie piú invalidanti.  Si tratta di un disturbo muscolo-scheletrico che comprende anche il dolore al collo causate spesso da lesioni da sforzo ripetitivo. Una delle cause principali del mal di schiena è infatti il lavoro che si svolge, malattia dal lavoro.

La fisioterapia è estremamente efficace in questo caso. In uno studio, l’80 per cento delle persone che trattate con la fisioterapia hanno risolto il problema e sono tornate al lavoro in breve tempo.

Il mal di schiena ha una grande varietà di cause, di riprendere anche un pacco pesante in modo non corretto di spendere troppo a lungo in una posizione.Sentirsi molto ansioso o stressato può peggiorare il vostro dolore. E ‘raramente a causa di un grave problema di salute.

Ricordiamo che per esercitare il Senato ha previsto l’iscrizione all’ albo anche se il disegno di legge specifico è ancora in fase di approvazione.

Quanta acqua bere per dimagrire


Ogni volta che si pensa di iniziare una dieta la solita domanda che rimbomba in mente è: Ma quanta acqua bisogna bere per dimagrire? Insomma, esperti di ogni rango spesso affermano che per dimagrire ci volgia un tot di acqua da bere ogni giorno, c’è chi dice che si devono bere 2 litri di acqua al giorno per perdere peso, e chi invece dice che bisogna assumere acqua in quantità diverse altrimenti il nostro corpo non dimagrirà… Chi ha ragione? Insomma… Quanta acqua bere per dimagrire?

 

Leggi tutto “Quanta acqua bere per dimagrire”

Intolleranze alimentari test costo






Nel precedente articolo abbiamo visto in modo generico quali sono i migliori test per intolleranze alimentari, in questo vedremo più nello specifico qual è il costo dei test per le intolleranze alimentari analizzandoli uno a uno.

Solo chi è un soggetto allergico può comprendere quanto possa gravare sul bilancio economico familiare l’essere affetto da una intolleranza. Solo chi ha già comprato un test per intolleranze alimentari pagandolo a un prezzo più alto, o le persone allergiche che non sono riuscite a individuare quale fosse l’intolleranza alimentare alla quale sono affetti nonostante aver acquistato un test per intolleranze alimentari online anche a un costo esoso.

Oltre alla classica dieta a esclusione che l’allergologo può indicarci di seguire per individuare quale alimento sia la causa scatenante della nostra intolleranza alimentare, esistono diversi test per intolleranze e ognuno di essi ha un prezzo diverso, scopriamo dunque quale è il costo di tutti i test per intolleranze alimentari.

Leggi tutto “Intolleranze alimentari test costo”

Rinforzare il sistema immunitario con le erbe


La stagione invernale porta con se i cosiddetti malanni di stagione, dal più semplice raffreddore, al fastidioso mal di gola, fino all’influenza che ci costringe a letto per evitare di incorrere in complicanze come la bronchite.

E’ quasi impossibile sottrarsi a questi malanni di stagione, tipi dell’inverno che rischiano di abbassare di molto la qualità della nostra vita quotidiana, basti pensare ad un’influenza non curata bene che magari portiamo avanti da settimane con una serie di continue ricadute.

Leggi tutto “Rinforzare il sistema immunitario con le erbe”

Erbe per depurarsi: Ecco 9 erbe per depurarsi dalle tossine


Depurarsi con le erbe per restare in forma, per essere nel totale benessere e in buona salute. Di seguito elencheremo tutte quelle erbe che ti permetteranno di godere di un’ottima salute in modo semplice ed accessibile. Stare in forma equivale a dire dieta, esercizio fisico, sonno regolare e gestione efficace dello stress…tutto ciò, sai benissimo che non è proprio una passeggiata e che spesso manca proprio il tempo necessario per occuparti di te stesso e della tua salute in generale.

Poi mettici anche il problema di vivere in un ambiente dove sono presenti tossine che possono sopraffare i nostri corpi, nonché lo stress che di per se è già un elemento pericoloso. Quindi, tossine ambientali, materie plastiche, inquinamento provocato da grandi quantità di carbonio nell’aria, metalli e tutte quelle tossine alimentari da pesticidi, additivi e coloranti.

Se queste sostanze tossiche non vengono eliminate dal nostro corpo, insorgono disturbi che cronicizzano e che richiedono poi molti soldi e molta fatiche per le cure che siamo costretti ad affrontare.

Allora, cosa fare?

Disintossicare in primavera e in autunno il nostro organismo.

Leggi tutto “Erbe per depurarsi: Ecco 9 erbe per depurarsi dalle tossine”

Cos’è la Celiachia? Sai se ne sei affetto?



Spesso si sente parlare di celiachia e sembra che questa patologia colpisca in modo crescente sempre più soggetti della popolazione mondiale. Solo in Italia si è stimato che i soggetti affetti da celiachia siano circa 600000 persone! In pratica in Italia una persona sogni 150 abitanti avverte i sintomi della celiachia.

La celiachia sembra crescere col passar del tempo, si stima che nell’ultimo ventennio i casi di persone affette da celiachia siano quintuplicati rispetto al passato. Le zone mondiali più colpite da questa che è una vera e propria epidemia sono quelle in cui storicamente si è sempre fatto largo consumo di alimenti come cereali ad alto contenuto di glutine. Il dato non poco sconfortante è che un aumento simile, si è registrato anche in altre zone del pianeta dove da sempre il consumo di riso (come ad esempio in Asia), aveva fatto si che la celiachia non dilagasse negli anni passati.

Andiamo a vedere dunque cos’è la celiachia, quali effetti porta l’essere celiaci, quali sono i sintomi e i rimedi per evitare patologie gravi scatenate dalla non cura della celiachia.

Leggi tutto “Cos’è la Celiachia? Sai se ne sei affetto?”

Quanta acqua bere: tutto quello che devi sapere



Quanta acqua bere? Spesso si dice che bisogna bere due litri d’acqua al giorno per fare in modo che il nostro organismo riesca a svolgere bene tutte le sue funzioni. per poter rispondere a questa affermazione dobbiamo prima valutare correttamente quanta acqua il nostro organismo utilizza e quanta ne viene effettivamente consumata.

Quanta acqua bere dunque?

Per valutare bene quanta acqua bere, bisogna capire bene il concetto di equilibrio dell’acqua nel corpo umano. Oltre 1 litro, è la quantità di  acqua che viene espulsa ogni giorno dal nostro corpo tramite la respirazione, mentre oltre 1 litro e mezzo è la quantità di acqua che viene espulsa dal corpo tramite la sudorazione, l’urina e le feci. La perdita di acqua da parte del nostro organismo assume poi variazioni in termini quantitativi  a seconda di diversi fattori, come ad esempio quando abbiamo una maggiore sudorazione oppure siamo influenzati con conseguente vomito.

Leggi tutto “Quanta acqua bere: tutto quello che devi sapere”

Terme e benessere


SaluteBenessereItalia,stimata ed apprezzata dai turisti di tutto il mondo per i suoi tesori artistici, i suoi musei e le sue bellezze naturali siano esse isole, mari oppure montagne. L’italia è però anche una terra ricca di acque termali, i cui effetti benefici sull’organismo erano già conosciuto dai Romani e ancora prima dagli Etruschi. Si tratta di un vero e proprio tesoro che sgorga dalle profondità della terra il cui utilizzo riesce a curare e prevenire molti disturbi dell’apparato cutaneo, osseo, urinale e delle vie respiratorie.



SaintVincenteGirolando vi porta in un viaggio attraverso le regioni italiane alla scoperta dei migliori centri termali, molti dei quali sorgono negli stessi luoghi ove sorgevano impianti di origine romana. Si tratta di centri all’avanguardia dotati di strumentazione all’avanguardia dove si praticano le più moderne cure e che si prendono cura della salute e del benessere dei propri ospiti fin nei minimi dettagli.



Un modo sano e naturale per coccolare il proprio corpo e godersi qualche ora di relax in luoghi immersi in splendidi paesaggi naturali. Si tratta di un modo insolito per conoscere l’ltalia ma sicuramente non ne rimarrete delusi vista la straordinaria bellezza dei paesaggi e delle strutture.

addensanti: come funzionano e che influenza hanno sui cibi



Oggi giorno per migliorare alcuni alimenti vengono utilizzati gli addensanti alimentari, con essi vengono ottimizzate alcune caratteristiche fisiche del prodotto quali: aspetto, consistenza e stabilità nel tempo.

Molti alimenti come ad esempio i budini e le sottilette, gli yogurt e molti altri generi alimentari grazie agli addensanti ricevono quelle caratteristiche standard a cui siamo oggi abituati, quali viscosità e densità, differenziandoli quindi da un semplice intruglio inappetente.

Sono per lo più di origine naturale, ad oggi non si registrano rischi di natura tossicologica riconducibili alla loro ingestione, alcuni tipo lo Xantano (E415)  un polisaccaride che non viene digerito anche se senza grosse controindicazioni, se viene consumato ad alte dosi, può provocare flatulenza e gonfiore e in quelli maggiormente sensibili anche crisi d’asma, reazioni come allergie cutanee e allergie respiratorie.

Leggi tutto “addensanti: come funzionano e che influenza hanno sui cibi”

intolleranze alimentari test giusti



Ai nostri giorni si sente sempre più parlare di intolleranze alimentari anche se è un inconveniente che nuoce solo al 2-3% della popolazione italiana, infatti per questi pochi soggetti, il mangiare cibi trattati cosa tollerabile per la maggioranza della popolazione, potrebbe rivelarsi altamente nocivo e provocare reazioni negative sulla salute.

Leggi tutto “intolleranze alimentari test giusti”

Eczema: quali sono le cause



L’eczema è una sindrome morbosa, espressione di un intolleranza della cute verso stimoli di tipo diversissimo. E determinata istopatologicamente da un’infiammazione sierosa, prevalentemente a carico dello strato papillare del derma e da una spongiosi focale dello strato malpighiano dell’ epidermide con successiva formazione di microvescicole.
Due teorie cercano di spiegare l’eziologia e la patogenesi dell’eczema. La prima e la teoria neurogena, secondo cui l’eczema sarebbe legato a un’alterata capacità funzionale del sistema nervoso centrale; è comprovata dall’esistenza di una localizzazione simmetrica delle lesioni cutanee, dalla correlazione fra insorgenza o riacutizzazione della malattia e traumi psichici, da inerzia delle reazioni vasali, da una diminuzione della resistenza alla corrente elettrica e da
un’accresciuta sensibilità cutanea a taluni agenti chimici e, infine, dall’esito positivo che hanno l’ipnoterapia e la somministrazione di tranquillanti.

Leggi tutto “Eczema: quali sono le cause”

Allergie alimentari sintomi: Come si manifesta un’allergia alimentare



Ecco un utile articolo per riconoscere i sintomi delle allergie alimentari, come si manifesta un’allergia ad alimenti, come riconoscere i sintomi e cosa fare in caso di manifestazione della sintomatologia.

Quando il sistema immunitario del nostro organismo è sollecitato da un alimento al quale siamo allergici, reagisce scatenando quella che comunemente viene chiamata reazione allergica ad un alimento.

Un allergia alimentare si manifesta dunque quando il sistema immunitario produce un anticorpo contro quel determinato alimento scatenante.

Nei soggetti allergici è doveroso sapere come si manifestano le allergie alimentari e a quali cibi si è allergici perchè questo tipo di patologia può assumere caratteristiche anche molto serie fino a causare la morte del soggetto allergico.

Nei prossimi paragrafi si parla di:

  • Quali sono gli alimenti che causano allergie
  • Come riconoscere i sintomi delle allergie alimentari
  • Quanto durano i sintomi di un allergia alimentare
  • Cosa fare quando si manifestano i sintomi

Leggi tutto “Allergie alimentari sintomi: Come si manifesta un’allergia alimentare”

Dermatite



Con il termine dermatite si indicano le malattie della cute, caratterizzate prevalentemente da fenomeni infiammatori. Le cause delle dermatiti possono essere:

  • endogene (alimentari, medicamentose, inalanti, da parassiti intestinali, neuro-ormonali, ecc.)
  • esogene (meccaniche, termiche, da sole, da sforzo, da infezioni, ecc.)

La loro localizzazione può essere circoscritta (dermatite topica) o diffusa. Le dermatiti sono state classificate in gruppi in base a particolari che le distinguono.

Tipi di dermatiti

Leggi tutto “Dermatite”

Rimedi per l’orticaria



L’orticaria è una fastidiosissima problematica che si manifesta sulla cute, forse la più fastidiosa. I sintomi dell’orticaria sono i pomfi, ovvero delle macchie sulla pelle più o meno grandi che provocano un grosso prurito nel soggetto colpito dalla fastidiosissima orticaria.

l’orticaria può fare la sua comparsa per diverse cause, un’alimentazione ricca di cibi dei quali si è allergici, una intolleranza a medicine o additivi o può essere causata anche da un forte stress.

Una volta capite sommariamente quali sono le cause e i sintomi dell’orticaria, è giusto parlare dei rimedi utili a far si che questo prurito fastidioso scompaia in modo definitivo.

Leggi tutto “Rimedi per l’orticaria”

Allergie alimentari sintomi sulla pelle



Le allergie alimentari si manifestano con dei che possono variare di livello in base alla complessità dell’allergia, alla gravità e al tipo di manifestazione. L’effetto che può provocare un componente allergene può essere immediato in quelle che vengono definite allergie autopiche.

I sintomi che possono essere come detto in precedenza di entità lieve o acuta vanno da un fastidioso prurito agli occhi ( prurito oculare) a forme di eczema e riniti, o anche con congiuntivite, broncocostrizione, diarrea e vomito e soltanto raramente un sintomo di un’allergia alimentare può essere l’anafilassi.

L’allergia alimentare può causare sintomi sotto forma di reazioni cutanee (già citato eczema) o attacchi d’asma. Un attacco di asma per esempio, può essere provocato dal fatto che sia in atto una infiammazione ai polmoni, Questo tipo di reazioni sono classificate negli studi di allergie alimentari come reattività croniche.

Leggi tutto “Allergie alimentari sintomi sulla pelle”

Allergia



Allergia significa intolleranza e reazione del corpo a qualcosa. Si parla di allergia quando certi cibi o sostanze provocano macchie o prurito (orticaria).
Inoltre si dice che sono allergiche quelle persone che quando respirano l’aria primaverile piena di polline prendono il raffreddore (raffreddore da fieno) o hanno un’improvvisa difficoltà di respirazione (asma) o un’irritazione agli occhi (congiuntivite).

Anche il pelo di animali domestici può provocare dei disturbi allergici e così possono causare un attacco allergico anche pomate, detersivi, tessuti sintetici, fiocchi di lana e di cotone, polvere, rossetti, ciprie e perfino medicine. La sostanza che produce I’ allergia è chiamata allergene.

Leggi tutto “Allergia”

Maschere nutritive per capelli



L’estate, il caldo e il sole: tutto bello e positivo per il nostro fisico e soprattutto per il nostro umore. Ma, discorso diverso per la nostra amata chioma. Infatti, l’esposizione alla luce solare, la salsedine e i continui shampoo non hanno di certo giovato ai nostri capelli che si presentano sfibrati e privi di luce.

Situazione spiacevole e fastidiosa che può essere comunque risolta in modo rapido ed efficace utilizzando dei prodotti semplici e naturali. Andiamo a scoprire insieme delle maschere per i capelli secchi che ci aiuteranno a ritrovare bellezza e lucentezza. Perché i nostri capelli sono lo specchio dello stato di salute complessivo del nostro organismo.

Leggi tutto “Maschere nutritive per capelli”

Bellezza e benessere: Il web offre le migliori opportunità



Da sempre i business che ruotano intorno al settore benessere nella stragrande maggioranza dei casi hanno successo. Il benessere inteso a 360 gradi come cura della persona, dello stato psicofisico, della bellezza, del sentirsi meglio perchè meglio considerati dalla società ha sempre prodotto milioni di euro di introiti per le aziende.

Il settore bellezza e benessere offline  è sempre stato considerato inattaccabile dal mondo del web per via del fatto che si considerava imprescindibile una consulenza di un esperto o di un commesso per acquistare anche solo il più comune dei prodotti di bellezza.

Leggi tutto “Bellezza e benessere: Il web offre le migliori opportunità”

Gel unghie per avere le mani da nailfie



Essere belle ed ordinate per l’estate è un must ancora di più di quanto sia per l’inverno. Nella bella stagione i particolari si notano di più ed anche una splendida manicure diventa necessaria e poi come fare a meno della nuova tendenza del momendo? Il nailfie. Non sai cosa è?

Leggi tutto “Gel unghie per avere le mani da nailfie”

Cosmetici ecobio: una scelta consapevole



L’approccio a tutto ciò che oggi sia “eco friendly” o, come sentiamo sempre più spesso Eco Bio, pare sia sempre più frequente fra le popolazioni di tutto il mondo.

Una scelta semplice all’inizio ma che si rivela non proprio facile da perseguire: vuoi i costi ancora troppo elevati, vuoi la reperibilità non ancora estesa, molti di quelli che abbracciano filosofie tipo Vegan&Co molto spesso si trovano in difficoltà proprio di tipo “di approvvigionamento”.

Tuttavia, per chi ha la fortuna di abitare in grandi centri urbani la scelta consapevole, che sia di tipo alimentare, piuttosto che cosmetica, costituisce un percorso di coscienza che porta a cambiare radicalmente stile di vita.

Leggi tutto “Cosmetici ecobio: una scelta consapevole”

Benefici dell’ Ananas



Dall’aspetto esotico, allegro ed invitante, l’ananas è sicuramente uno dei frutti più amati e consumati al mondo. Di origine sudamericana, questo gustoso frutto è ormai coltivato, diffusamente, anche in Africa, Asia ed Australia, oltre che in Sudamerica. Portato e fatto conoscere in Europa da Cristoforo Colombo, è diventato uno dei frutti maggiormente presenti sulle nostre tavole.

Come la maggior parte dei frutti la sua polpa è costituita da una grande quantità d’acqua, pari al 90%, che lo rendono altamente dissetante, idratante ed ipocalorico. Ma le proprietà ed i benefici dell’ananas vanno ben oltre. A cominciare dalle proprietà digestive del gambo, che contiene una percentuale molto alta dell’enzima chiamato bromelina, la cui peculiarità, oltre ad essere un antinfiammatorio naturale, è proprio quella di favorire la digestione delle proteine complesse.

Leggi tutto “Benefici dell’ Ananas”

Creme solari Bio



La protezione solare è una crema protettiva che dovrebbe essere usata sin dalla prima esposizione al sole per evitare scottature ed eritemi che possono danneggiare la pelle in modo permanente.

Ma non dimentichiamo, però, che spalmare la crema solare sul proprio corpo o su quello di un’altra persona può avere un effetto rilassante e portare il buon umore.

 

Ricordiamoci che esporre il nostro corpo ai raggi solari significa sottoporci ai raggi UVB, UVA e IR; i raggi UVB causano scottature ed eritemi, i raggi UVA sono cinquanta volte superiori ai raggi UVB e sono concentrate nelle ore centrali, i raggi IR sono dei raggi che riducono la tonicità della pelle e ne accelerano l’invecchiamento.

Leggi tutto “Creme solari Bio”

Il gruppo Ideco alla Dental Hygienist Expo 2015 di Verona

Sei un igenista dentale e stai per aprire il tuo primo studio come titolare? Hai bisogno di trovare un fornitore che possa proporti dei prodotti di alta qualità, con un eccellente rapporto qualità-prezzo e non sai bene come muoverti perché sei ancora agli inizi e non hai avuto modo di entrare in contatto con i migliori marchi italiani? Ti sei perso le Dental Hygienist Expo 2015 di Verona, che si è tenuta proprio qualche giorno fa? Peccato, perché in quell’occasione avresti potuto trovare interessanti fornitori e soluzioni per il tuo nuovo studio!

Leggi tutto “Il gruppo Ideco alla Dental Hygienist Expo 2015 di Verona”